Una breve spiegazione sull’arrivo in volata alla Laver Cup

di Stephanie Kovalchik // StatsOnTheT

Pubblicato il 24 settembre 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Nella terza edizione della Laver Cup, il Resto del Mondo si è avvicinato — come mai era riuscito — a battere l’Europa, che ancora una volta ha dimostrato di essere una potenza. Indietro nel punteggio per 5-7 al termine della seconda giornata, con la vittoria delle prime due partite della terza giornata il Resto del Mondo ha ristabilito l’equilibrio lasciando l’esito della sfida incerto fino all’ultimo. La situazione non sembrava chiara per i telecronisti, aperti alla possibilità di una tredicesima partita tra le due squadre. Vediamo perché non sarebbe potuto accadere e quali condizioni si sarebbero invece dovute verificare per arrivare alla partita decisiva.

La Laver Cup non ha una lunga tradizione, quindi parlare di tendenze può non avere molto senso. Abbandonando temporaneamente i rigidi dettami statistici, è curioso notare che il Resto del Mondo si è migliorato o ha eguagliato sé stesso al termine della seconda giornata in ciascuno dei tre anni. Gli 11 punti vinti in Svizzera sono a oggi il bottino più ampio. Escludendo la conquista del trofeo, il Resto del Mondo potrebbe superare questo traguardo con 12 punti alla fine delle partite della terza giornata forzando la sfida conclusiva, uno scenario che però non si è mai verificato.

Forzare la partita decisiva

Alcuni dei commenti televisivi hanno lasciato intendere che si sarebbe comunque sempre potuti arrivare alla partita decisiva. Non è la prima inesattezza numerica sentita durante una telecronaca, ma si è portati a pensare che la semplice addizione multipli di 3 al punteggio del Resto del Mondo alla fine della seconda giornata avrebbe evitato un errore di quel tipo.

Gli affezionati lettori di questo blog non avranno alcun problema nel realizzare che ci sono solo una manciata di punteggi dalle partite della seconda giornata che possono generare una parità di 12-12 dopo la dodicesima partita della terza giornata. E cioè:

  • 0-12
  • 3-9
  • 6-6
  • 9-3
  • 12-0

Meno immediato è capire quanto probabile fosse ciascuno di essi a Ginevra. Tenendo conto delle valutazioni specifiche per il cemento dei giocatori scelti per il singolare e il doppio nella prima e seconda giornata, il grafico dell’immagine 1 mostra tutte le combinazioni di punteggio possibili per il Resto del Mondo alla fine della seconda giornata, con la relativa probabilità.

Complessivamente, la probabilità che il Resto del Mondo fosse su uno dei cinque punteggi che avrebbe condotto a una partita decisiva era del 33%. Il più probabile era il 3-9, con il Resto del Mondo senza i favori del pronostico in tutti i singolari ma favorito in tutti i doppi.

È interessante notare che il punteggio effettivamente raggiunto (5-7) era, con il 17%, appena meno probabile del 3-9 su cui si sarebbero potuti trovare. Sicuramente la prima vittoria in singolare di Jack Sock (contro Fabio Fognini per 6-1 7-6, n.d.t.) per il Resto del Mondo deve essere tra le più grandi sorprese della competizione.

IMMAGINE 1 – Probabilità attesa per ogni combinazione di punteggio del Resto del Mondo alla fine della seconda giornata, sulla base di 50.000 simulazioni di risultato dalle partite effettive della prima e seconda giornata

Recuperare dallo 0-12?

Quando il Resto del Mondo ci riproverà a Boston, nella quarta edizione della Laver Cup nel 2020, guarderò con attenzione se saranno in grado di fare meglio di 5 punti dopo la seconda giornata e di 11 dopo la terza.

E spero di essere ancora in salute quando una delle due squadre recupererà uno svantaggio di 0-12 per giocarsi tutto nella partita finale. Con i giocatori presenti quest’anno, sarebbe successo solo in 6 delle 50.000 simulazioni della competizione. Temo ci sarà un po’ da aspettare per questo scenario. Per la prima partita decisiva invece, l’anno prossimo potrebbe essere quello giusto.

A Short Explainer on Getting to a Laver Cup Decider