Gli effetti della riduzione del numero di teste di serie negli Slam

Adam Coti // PureFreedom

Pubblicato il 18 gennaio 2018 – Traduzione di Edoardo Salvati

Introduzione

Prima dell’inizio degli Australian Open 2019, sembrava che, dopo diciotto anni di stabilità, il numero di teste di serie negli Slam sarebbe stato ridotto della metà, da 32 a 16. In questo modo, le fasi iniziali del torneo avrebbero avuto partite più competitive. In prospettiva storica, sarebbe stato davvero così? Con un ritorno a tabelloni a 16 teste di serie, ci sarebbero state più vittorie a sorpresa nei primi turni? 

L’analisi che segue riguarda 30.408 partite maschili e femminili negli Slam nel periodo dal 1988 al 2017, nella volontà di trovare una risposta. Inoltre, sarebbe utile cercare di capire quanto spesso le teste di serie più alte o giocatori o giocatrici con classifica più alta riescono effettivamente a vincere in qualsiasi delle loro partite Slam. Sulla probabilità di un favorito di vincere incide il turno in cui si gioca la partite? I giocatori favoriti hanno più probabilità di vincere delle giocatrici favorite? Tre tabelle nella parte conclusiva dell’analisi forniscono qualche chiarimento al riguardo. 

La frequenza di vittoria delle teste di serie per turno di gioco

Dal 1988, quando gli Australian Open hanno allargato il tabellone principale a 128 giocatori, fino al Roland Garros 2001, ci sono stati 54 Slam con 16 teste di serie, rispetto ai 66 Slam fino a tutto il 2017 con 32 teste di serie. Per facilitare un confronto più immediato, i risultati di quest’ultimo gruppo sono stati suddivisi in due sottoinsiemi di teste di serie, 1—16 e 17—32.

È importante notare che questi dati rappresentano medie basate sull’esito di tutte le partite negli Slam. Non si considera come è stato ottenuto il passaggio del turno, se da una vittoria o con un ritiro prima o durante la partita. Si tratta semplicemente del calcolo di quanti giocatori di ciascuna categoria sono rimasti dopo ogni turno. 

Tabellone Maschile

IMMAGINE 1 – Prime 16 teste di serie del tabellone maschile rimaste dopo ciascun turno, dal 1988 al 2017

Note:

  • per gli Slam con 16 teste di serie, il campione è composto da 6858 partite, mentre per gli Slam con 32 teste di serie è di 8382 partite
  • in media, un tabellone di 16 teste di serie ha avuto circa una testa di serie vittoriosa in meno dopo il primo e il terzo turno 
  • la discrepanza più ampia è al secondo turno, come mostrato anche dalla distanza maggiore tra le due linee del grafico
  • dal quarto turno in avanti, l’impatto della riduzione delle teste di serie diminuisce gradualmente.

Tabellone Femminile

IMMAGINE 2 – Prime 16 teste di serie del tabellone femminile rimaste dopo ciascun turno, dal 1988 al 2017

Note:

  • per gli Slam con 16 teste di serie, il campione è composto da 6858 partite, mentre per gli Slam con 32 teste di serie è di 8382 partite
  • l’impatto complessivo del numero di teste di serie non è così rilevante come tra gli uomini, come mostrato da una distanza più ravvicinata tra le due linee del grafico 
  • le discrepanze più importanti, e quasi identiche, sono nel terzo e nel quarto turno.

La competitività delle partite degli Slam

In ogni partita di uno Slam, il favorito può essere determinato in modo oggettivo o tramite le teste di serie o in termini di classifica ufficiale. Vale a dire, se giocano due teste di serie, il giocatore con la testa di serie più alta è il favorito. Se invece giocano due giocatori fuori dalle teste di serie, il favorito è quello con la classifica più alta. In ultimo, se una testa di serie gioca contro un giocatore senza testa di serie, il favorito è la testa di serie. 

Sulla base di queste premesse, quanto spesso il giocatore favorito vince poi la partita in uno Slam? Le tabelle che seguono illustrano la tematica per anno, torneo e turno. 

Per Anno

IMMAGINE 3 – Percentuale di vittoria di favoriti e favorite negli Slam per anno, media mobile di tre anni dal 1988 al 2017

Note:

  • per ciascun anno il campione include tutti gli Slam per un totale di 508 partite per il tabellone maschile e per quello femminile 
  • la frequenza di vittoria del favorito e della favorita si è mossa, generalmente, in direzione opposta nell’ultimo decennio
  • per gli uomini, il punto di flesso si è verificato intorno alla fine degli anni ’90, quando a un declino costante del rendimento dei favoriti è seguito l’inizio di una tendenza di stabile risalita.
  • per le donne, nell’ultimo decennio la percentuale di vittoria delle favorite si è attestata su un declino costante.

Per Torneo

IMMAGINE 4 – Percentuale di vittoria di favoriti e favorite negli Slam per torneo, dal 1988 al 2017

Note:

  • per ciascuno Slam, il campione di partite è di 3810 per tabellone maschile e per tabellone femminile
  • per le donne, le favorite vincono più spesso agli US Open, mentre è al Roland Garros che si verifica il maggior numero di vittorie a sorpresa
  • per gli uomini, i favoriti vincono più spesso agli Australian Open, mentre è a Wimbledon che subiscono più sconfitte a sorpresa.

Per turno

IMMAGINE 5 – Percentuale di vittoria di favoriti e favorite negli Slam per turno, dal 1988 al 2017

Note:

  • le favorite vincono con più continuità nei primi turni rispetto agli uomini, anche se poi sono soggette a più sconfitte in semifinale e finale
  • il turno in cui i favoriti vincono più spesso è il quarto, mentre per le donne è il terzo.

Riconoscimenti

La fonte della maggior parte dei dati grezzi utilizzati nell’analisi è il database dei risultati delle partite del circuito maschile compilato e messo a disposizione da Jeff Sackmann. In caso di dati mancanti, ho fatto riferimento al sito ufficiale dell’ATP e della WTA. Chi volesse approfondire, può scaricare il file Microsoft Excel con i dati grezzi che ho raccolto. 

The Effect of Reducing the Number of Seeds at Tennis Majors