Il Metodo Medvedev o i possibili meriti di due prime di servizio

di Tyler Park e Ricky Dimon // The Grandstand

Pubblicato il 2 ottobre 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

In questi mesi, Daniil Medvedev ha vinto una partita dietro l’altra (da ultimo tutte quelle dello Shanghai Masters appena conclusosi, n.d.t.). Protagonista della trasferta americana estiva, ha giocato quattro tornei sul cemento arrivando sempre in finale, anche agli US Open. C’è stato però un momento del Cincinnati Masters in cui sembrava che non sarebbe andato avanti. Dopo aver perso il primo set per 3-6 nella semifinale contro il numero 1 Novak Djokovic, Medvedev era destinato a subire il ben noto trattamento che la maggior parte degli avversari di Djokovic riceve, una sconfitta senza appello. Esausto per l’ennesima lunga settimana di partite, non aveva più nulla da perdere. Ha deciso quindi di provare una tattica all’apparenza folle.

La follia apparente della semifinale di Cincinnati

Nei due set finali della partita, Medvedev ha iniziato a servire “prime” aggressive sia sulla prima che sulla seconda di servizio raggiungendo, in entrambi i casi, velocità anche superiori a 193 km/h, per costringere Djokovic, pur nel rischio di commettere doppi falli, a una risposta più debole. Nel secondo e terzo set, la velocità media della seconda di servizio è cresciuta di 18 km/h.

“Di solito aumento la potenza della seconda quando il servizio non sta girando bene, e Djokovic mi stava distruggendo nel primo set”, ha spiegato Medvedev in conferenza stampa. “A un certo punto mi sono detto, perché continuare con seconde normali se tanto perderò il punto. Da li in poi ho iniziato a vincere molti più punti”.

Chiudendo per 3-6 6-3 6-3, Medvedev ha ottenuto una clamorosa vittoria a sorpresa contro un avversario che quasi mai si lascia sfuggire il traguardo quando è avanti nel punteggio. Djokovic, la cui intelligenza tennistica riesce a risolvere qualsiasi problema sul campo, è rimasto totalmente spiazzato dall’insolita strategia di Medvedev. “Non mi è capitato spesso un avversario che serve così pesante sulla seconda, praticamente come se fossero due prime, e per una fase lunga di gioco”, ha dichiarato Djokovic. “Se un giocatore serve la seconda a 206 km/h (128 mph), c’è solo da congratularsi”.

Alcuni fattori hanno reso efficace la strategia di Medvedev, che ha sconfitto in finale David Goffin e vinto a oggi il torneo più importante in carriera (insieme allo Shanghai Masters arrivato successivamente, n.d.t.). Il primo è che Medvedev sa servire bene. Imprime alla pallina molta forza e pochissimo effetto, e a 198 cm di altezza il margine di errore sopra la rete è superiore a quello della maggior parte dei giocatori. Il secondo è che, durante la semifinale, il servizio è stato più accurato del solito.

Nonostante una tattica molto offensiva, Medvedev ha commesso solo 4 doppi falli, a fronte di 14 ace. Da ultimo, Djokovic è un giocatore spettacolare alla risposta, generalmente riconosciuto come il più forte di sempre. Unisce flessibilità impensabile con riflessi incredibili, che servono a distruggere qualsiasi certezza che un avversario possa avere al servizio. Negli ultimi dodici mesi, Djokovic ha vinto la percentuale assurda del 55.2% di punti alla risposta sulla seconda, preceduto sul circuito solo da Rafael Nadal e Diego Schwartzman. In ognuna delle ultime 10 stagioni si è classificato tra i primi cinque in questa statistica. Non è il numero 1 del mondo per puro caso.

Un russo poco ortodosso

È la volontà di Medvedev a ricercare soluzioni atipiche a separarlo dai colleghi della stessa generazione. Possiede colpi poco ortodossi: in un’era di intenso uso della rotazione, colpisce la pallina di piatto e con violenza, sia dal lato del dritto che del rovescio. Non si tira poi indietro nel fare affermazioni o tenere comportamenti anomali nel migliore dei casi e chiaramente scortesi nel peggiore. Nella partita di Cincinnati però ha colto un’intuizione. Che porta a pensare…cosa succerebbe se un giocatore decidesse di servire sempre due prime?

La saggezza popolare segnala che un giocatore dovrebbe evitare a tutti i costi di commettere doppi falli. A prima vista, è un’interpretazione ragionevole. Servendo un doppio fallo, si hanno zero probabilità di vincere il punto. Servendo invece la seconda in campo, a prescindere da quanto debole sia, esiste comunque una probabilità teorica di vincerlo. Il problema è che, contro un giocatore come Djokovic, anche servendo una seconda valida le probabilità sono abbastanza ridotte.

Si tratta quindi, almeno per qualche specifica situazione, di provare qualcosa di nuovo? Nel corso degli anni, si è assistito a cambiamenti radicali in molti sport (tra tutti il rimescolamento della difesa nel baseball, ma anche la moltiplicazione dei lanci nel football americano e del tiro da tre nella NBA): anche il tennis è in grado di usare le statistiche come ausilio al superamento di schemi di pensiero datati? Una delle possibilità può prendere il nome di “Metodo Medvedev” o, in termini meno altisonanti, servire due prime di servizio.

Il Metodo Medvedev

La tabella mostra le statistiche al servizio degli ultimi 12 mesi dei primi 10 giocatori della classifica (con statistiche fino al 15 settembre 2019). La frequenza di seconde di servizio include i doppi falli, che sono conteggiati come punti persi sulla seconda. L’ultima colonna indica la frequenza di punti vinti con il Metodo Medvedev di servire due prime di servizio. La percentuale di punti vinti con il Metodo Medvedev è data da:

% di prima di servizio X % di punti vinti sulla prima di servizio

nell’assunto che il giocatore abbia già sbagliato la prima. Se utilizza il Metodo Medvedev, la percentuale di vittoria è uguale alla probabilità che il servizio aggressivo entri moltiplicata per la probabilità che vinca il punto dopo che un servizio valido. Naturalmente, l’evidente controindicazione è data dal fatto che se il servizio è fuori, il giocatore ha commesso doppio fallo.

Prendiamo Djokovic, che è in cima all’elenco. La sua percentuale di vittoria con il Metodo Medvedev è calcolata come 65.5% x 75.9% = 49.7%. Con una seconda di servizio tradizionale, Djokovic vince il 57.2% dei punti. Sulla base di questi numeri, il Metodo Medvedev non sarebbe per lui una strategia efficace. Probabilmente è perché Djokovic è talmente superiore da fondo che non ha bisogno di un servizio dominante per vincere lo scambio, nemmeno sulla seconda. Lo stesso ragionamento sembra valere per altri, come Nadal o Kei Nishikori, che giocano principalmente da fondo, ma non è diffuso in maniera universale tra tutti i giocatori di vertice.

Il caso di Zverev

Alexander Zverev, numero 6 del mondo, rappresenta un esempio molto interessante. Zverev ha diversi punti in comune con Medvedev. Anche lui è alto 198 cm, con una mobilità fuori dalla media e colpi ad alta velocità di esecuzione. Ci sono però delle differenze. È possibile che Zverev imprima più potenza, e i suoi colpi hanno maggiore rotazione. Medvedev al contempo colpisce più di piatto e con maggiore continuità.

Tuttavia, ai fini di questo studio la differenza principale risiede nella modalità di servizio di Zverev. Con un fisico magro e scattante, Zverev riesce a servire prime anche a 220 km/h. Le statistiche lo confermano, visto che è al ventesimo posto di 85 giocatori del circuito per percentuale di punti vinti sulla prima. Quando però sbaglia la prima, le cose peggiorano sensibilmente. Nella recente sconfitta agli ottavi di finale degli US Open contro Diego Schwartzman, Zverev ha commesso 17 doppi falli. Molte delle seconde non hanno superato i 112 km/h. Non sono episodi isolati: degli 85 giocatori considerati è ultimo nella percentuale di punti vinti sulla seconda e 84esimo nell’evitare doppi falli!

Opinionisti e analisti avanzano ipotesi di mancanza di tenuta mentale, in modo simile a quanto successo ad esempio a Tiger Woods nel golf in tema di gioco di avvicinamento. Anche se nasce per lui da circostanze negative (come è successo nella finale di Shanghai, in cui ha perso il primo set con due doppi falli di fila, n.d.t.) , Zverev è il soggetto ideale per l’applicazione del Metodo Medvedev. I dati evidenziano che vincerebbe ben il 4% dei punti in più se servisse un’altra prima al posto della seconda. Non sembra molto, ma nella finale degli US Open Nadal ha vinto il 52% dei punti contro il 48% di Medvedev. Il 4% aggiuntivo può separare un campione Slam da un finalista. Zverev avrebbe ampio margine per permettersi di rischiare più doppi falli con seconde di servizio più potenti, perché già così commette moltissimi doppi falli. Magari vincerebbe qualche punto in più quando la seconda entra, giusto?

Il Metodo Medvedev funziona meglio con i grandi servitori?

Vale la pena fare una verifica anche con i giocatori dal servizio più potente del circuito. Il Metodo Medvedev fa affidamento su una solida prima di servizio con cui si vincono molti più punti di una tipica seconda, e in tema di servizi efficaci, questi giocatori sono i più forti in circolazione.

La tabella mostra i primi cinque giocatori del circuito secondo la metrica Serve Rating dell’ATP. Ho aggiunto anche Juan Martin Del Potro, un altro giocatore dal servizio imprendibile ed ex numero 3 del mondo, che ha perso posizioni in classifica per via dei continui infortuni. È interessante notare come il Metodo Medvedev è una strategia con molta più valenza per questo gruppo di giocatori che per i primi 10. Tre su sei — John Isner, Nick Kyrgios e Del Potro — beneficerebbero, almeno in linea teorica, dal servire due prime.

Alcuni appassionati non approveranno di certo questo tipo di cambiamento, visto che giocatori dal servizio così incisivo sono stati soprannominati, in tono derisorio, macchine da servizio per la loro marcata dipendenza da questo colpo. Il Metodo Medvedev porterebbe ad ancora più ace e doppi falli. Ma non è una strategia che si limita al servizio. La ragione principale dell’efficacia della prima di Del Potro risiede nella difficoltà del giocatore alla risposta di evitare che colpisca poi con il dritto, che gli ha fatto guadagnare il soprannome di “Del Thortro” da Roger Federer in persona, perché sprigiona potenza simile a quella di un martello.

O è in realtà il Metodo Bublik?

Alexander Bublik ha qualche tratto in comune con Zverev, come ad esempio essere entrambi nati in Russia e con un fisico alto e asciutto, anche se Bublik rappresenta il Kazakhstan nelle competizioni ufficiali (e Zverev è tedesco). Condividono anche il soprannome, Sascha per Zverev e Sasha per Bublik. Il profilo statistico di Bublik lascia intendere che potrebbe candidarsi con successo a sperimentare il Metodo Medvedev. In realtà, lo sta già provando, più di Medvedev stesso e più di qualsiasi altro giocatore del circuito! Pur di fronte a statistiche non così schiaccianti come quelle di Zverev, la frequenza di punti vinti da Bublik sulla seconda di servizio e la sua frequenza con il Metodo Medvedev sono abbastanza ravvicinate da far pensare che trarrebbe beneficio dall’usarlo nei giusti momenti.

Naturalmente, Bublik è già arrivato a questa conclusione. Nella finale del Chengdu Open contro Pablo Carreno Busta, ha servito l’incredibile numero di 31 ace, insieme a 11 doppi falli, in parte per l’implementazione del Metodo Medvedev. In quei 31 ace, c’è stata una seconda di servizio a 220 km/h nel tiebreak del terzo set, uno spudorato servizio da Metodo Medvedev se ce n’è uno!

Anche se poi Bublik ha perso la partita, senza dubbio l’aver utilizzato il Metodo Medvedev gli è stato di grande beneficio. Ha infatti vinto il 55% (22/44) dei punti sulla seconda, ben al di sopra della media stagionale del 45.9%. Se si escludono i doppi falli, la frequenza di punti vinti sulla seconda è stata del 72.7%, appena inferiore alla percentuale stagionale del 75.9% di punti vinti sulla prima. Con velocità superiori anche a 210 km/h, adottando questa strategia le seconde di servizio sono state sufficientemente efficaci da compensare l’impatto negativo dei doppi falli.

Se Bublik avesse giocato abbastanza da rientrare nella classifica delle statistiche ufficiali al servizio elaborata dall’ATP, risulterebbe al primo posto per numero di doppi falli a partita, lasciandosi dietro anche Zverev. È come se servisse due prime con regolarità, adottando il Metodo Medvedev con più zelo del giocatore da cui prende il nome. A soli 22 anni, la finale di Chengdu gli ha regalato il 57esimo posto, il massimo di sempre. Un emergente con talento, ci si attende che continui a fare strada, e con lui molte altre circostanze di applicazione del Metodo Medvedev.

Il fattore risposta

Il successo del Metodo Medvedev è anche legato alla prestazione dell’avversario. La tabella mostra alcuni numeri alla risposta per i tre migliori del circuito — Djokovic, Nadal e Schwartzman — e per i due peggiori, Isner e Reilly Opelka. Ho usato la media del circuito del 61.9% di prime in campo per un confronto con la frequenza di punti vinti alla risposta sulla prima e sulla seconda da ciascun giocatore. La percentuale di punti vinti alla risposta con il Metodo Medvedev è data da:

(% di punti vinti dal giocatore alla risposta sulla prima di servizio X % media del circuito di prime in campo) + (1 – % media del circuito di prime in campo).

A parole, si tratta di moltiplicare la percentuale dei punti vinti sulla prima da parte dell’avversario per la probabilità che la prima sia valida, a cui si aggiunge la probabilità di un doppio fallo. Emerge immediatamente l’assoluta inutilità del Metodo Medvedev contro un avversario debole alla risposta come Isner o Opelka. Sono giocatori il cui talento alla risposta è già così limitato da poter tenere il servizio senza particolari problemi con seconde tradizionali.

Contro un avversario alla risposta di primissimo livello, la distanza è molto più ridotta. Non dimentichiamo che le statistiche alla risposta sono riferite al caso di un giocatore medio al servizio. Se si possiede un servizio più accurato o più potente della media del circuito, contro i più forti alla risposta potrebbe valer la pena utilizzare il Metodo Medvedev.

Il verdetto

Questo modello statistico abbastanza semplificato probabilmente non recepisce tutti gli aspetti psicologici relativi al Metodo Medvedev. Ad esempio, un giocatore dovrebbe avere la solidità mentale per neutralizzare le conseguenze dei doppi falli iniziali da un lato e le critiche a cui sarebbe sicuramente soggetto dall’altro. Dovrebbe inoltre impegnarsi nell’attuazione della strategia sapendo che la ricompensa maturerà solo nel lungo periodo.

Per contro, il Metodo Medvedev crea parecchi grattacapi se si è dalla parte sbagliata. Anche un giocatore come Djokovic, capace solitamente di imporre comunque il proprio controllo, ha dovuto subire a Cincinnati la frustrazione derivante dalla tattica di Medvedev. Un frustrazione che potrebbe generare ancora più errori non forzati da parte dell’avversario.

La verità sta nel fatto che il Metodo Medvedev può essere usato con efficacia in situazioni con determinate caratteristiche. Riprendiamo la semifinale contro Djokovic. Medvedev ha una prima di servizio molto forte, sta servendo con precisione e ha di fronte un giocatore alla risposta di livello eccelso. Sono probabilmente queste le condizioni ideali per il Metodo Medvedev. I numeri evidenziano che lo stesso Medvedev non è adatto a rappresentare il profilo statistico di questa strategia. Eppure, il fatto che Medvedev abbia avuto successo indica che in molti potrebbero replicarla nella giuste circostanze.

Attacco a sorpresa

Inoltre, è una tattica che potrebbe funzionare da attacco a sorpresa. Ipotizzate che in una partita contro Medvedev le seconde che ha servito non sono mai andate oltre i 160 km/h. Se improvvisamente arriva una seconda a 210 km/h, avrete scarse possibilità di reagire prontamente e rispondere con efficacia. L’analogia più immediata è con il baseball, quando un ricevitore viene preso in contropiede dal lanciatore: se si aspetta una veloce ma si presenta una curva, è quasi impossibile per lui reagire con sufficiente riflesso. Allo stesso modo, un battitore farà molta fatica a colpire una veloce a 160 km/h quando si aspetta una curva a 130 km/h.

Anche se un giocatore non è disposto a continuare a servire due prime a velocità piena, i dati fanno chiaramente vedere che i grandi servitori trarrebbero beneficio da una seconda di servizio più aggressiva. Per quanto i doppi falli possano dare sensazioni negative ed essere effettivamente costosi nell’economia del punteggio, se si riesce ad aumentare la percentuale di punti vinti quando entra una seconda più aggressiva, aver commesso qualche doppio fallo in più nel corso della partita non sarà stato futile!

The Medvedev Method: Exploring the merits of hitting two first serves

Come Medvedev e Berrettini hanno gestito la pressione agli US Open

di Stephanie Kovalchik // StatsOnTheT

Pubblicato il 13 settembre 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Con il grande risultato ottenuto agli US Open, Daniil Medvedev e Matteo Berrettini hanno mostrato che il futuro del tennis maschile è luminoso. In questo articolo, analizzo il rendimento delle due giovani stelle in termini di pressione punto per punto a ogni turno del loro cammino.

Dopo la conclusione dell’ultimo Slam dell’anno, è tempo di riflessioni su quanto emerso a Flushing Meadows e sulla direzione che il tennis potrebbe intraprendere. L’incredibile progressione di Medvedev e Berrettini è al centro dell’attenzione, anche perché ha alimentato le aspettative di un possibile argine al dominio dei Grandi Tre almeno da parte di alcuni giocatori della Next Gen. Alla luce del clamore suscitato, mi interessava indagare un aspetto della prestazione che solitamente non riceve l’approfondimento che merita, vale a dire la pressione generata da ciascun punto.

La pressione per Berrettini

La pressione punto cattura quanto un giocatore ha da perdere in un qualsiasi punto. Per natura, può variare tremendamente nel corso della partita, specialmente se è di durata e intensità rilevanti come in alcune delle maratone che Medvedev e Berrettini hanno dovuto affrontare a New York.

L’immagine 1 mostra la variazioni della pressione che Berrettini ha dovuto fronteggiare (linea tratteggiata) e la media dei punti pressione vinti (linea continua). In tutti i set giocati, Berrettini si è trovato con una pressione media del 2% per set e una frequenza di punti pressione vinti del 51.5%. Pressione e frequenza sono standardizzate sulla base della media del giocatore e sulla deviazione standard set per set, in modo da capire più facilmente quando ha avuto un rendimento superiore o inferiore alle sue medie del torneo.

Il quinto set nel quarto di finale

Il set più carico di pressione per Berrettini è stato quello decisivo nel quarto di finale contro Gael Monfils — che è anche per lui l’unica partita del torneo andata al quinto — vinto al tiebreak per 7 punti a 5 e con una pressione media del 6.5%. La frequenza di vittoria dei punti pressione è stata in quel set del 54.2%, la seconda più alta come rendimento nei cinque set a maggior pressione, dietro al primo posto occupato dal 55% maturato nel secondo set di quella stessa partita, dopo che Berrettini aveva perso il primo.

IMMAGINE 1 – Pressione fronteggiata (media mobile) e media (mobile) dei punti pressione vinti per set nelle partite di Berrettini agli US Open 2019

È interessante notare quanto è variata la percentuale di trasformazione dei punti pressione di Berrettini nella partita contro Monfils. In particolare, il quinto set ha alternato momenti di egregia maestria, come il sesto game in cui Berrettini ha strappato il servizio a zero, a momenti di cedimento, come il nono game con il doppio fallo sul match point e il conseguente break di Monfils.

Se si prende il primo set della semifinale contro Nadal, Berrettini ha gestito la pressione con ben maggiore continuità e forza mentale rispetto al set decisivo contro Monfils. E questo è valido anche per i punti che hanno determinato l’esito di quel tiebreak, in cui Berrettini è stato in grado di mantenere un rendimento sui punti pressione superiore alla media pur avendo poi perso il set. Nel tiebreak vinto contro Monfils è riuscito a prevalere solo di stretta misura.

Come sono i risultati sotto pressione di Medvedev al confronto?

Al pari di Berrettini, anche Medvedev si è trovato con una pressione media del 2% per set, avendo però avuto complessivamente una migliore frequenza media di trasformazione del 54%. Nessuno dei set giocati da Medvedev ha raggiunto il livello di pressione del quinto set tra Berrettini e Monfils, ma il quinto set contro Nadal ci è andato molto vicino, con una pressione media del 4%.
Dei 7 set a più alta pressione giocati da Medvedev, il quinto contro Nadal è stato l’unico in cui la trasformazione dei punti pressione è scesa sotto il 50%, fermandosi al 46%.

L’andamento della trasformazione dei punti pressione set per set dell’immagine 2 suggerisce un miracoloso ribaltamento iniziato per Medvedev a metà del terzo set. Cosa sia riuscito a fare da li in avanti per rimanere in partita e come mai quella carica è poi svanita in modo così drammatico a metà del quinto set rimane un mistero. Si vede però che il cedimento nella frequenza di trasformazione di Medvedev nel quinto set contro Nadal è coinciso con l’aumento vertiginoso della pressione. Non era la prima volta nel torneo di una situazione a così alta pressione per Medvedev. Ci si era ritrovato ad esempio nel tiebreak del terzo set contro Feliciano Lopez, vinto per 9 punti a 7, in cui è riuscito a rimanere nella media dei punti pressione vinti nonostante l’estremo equilibrio.

Risposte da trovare prima della stagione 2020

Non sapremo mai se è stata la circostanza, l’affaticamento o semplicemente un congiunzione sfortunata in quegli ultimi punti della finale. La convinzione di poter diventare un campione Slam che Medvedev sembra possedere dovrà necessariamente trovare una risposta a queste domande all’approssimarsi della stagione 2020.

IMMAGINE 2 – Pressione fronteggiata (media mobile) e media (mobile) dei punti pressione vinti per set nelle partite di Medvedev agli US Open 2019

How Medvedev and Berrettini Dealt with Pressure at the US Open

Classifica Elo e ATP a confronto nell’ascesa di Daniil Medvedev

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 18 ottobre 2018 – Traduzione di Edoardo Salvati

Sta prendendo le forme della stagione della svolta per il ventiduenne russo Daniil Medvedev. Due settimane fa ha vinto il suo primo ATP 500 a Tokyo, il terzo torneo dell’anno dopo le vittorie a Sydney e Winston-Salem (oltre ad aver appena raggiunto la semifinale a Basilea, dove ha perso però contro Roger Federer, n.d.t.). Il cammino per il titolo a Tokyo è di particolare rilievo, avendo sconfitto tre giocatori tra i primi 20, quando fino a quel momento Medvedev aveva solo quattro vittorie nel confronti dei primi 20 nel 2018, di cui due contro un Jack Sock in pesante calo di forma.

L’ascesa di Medvedev per ATP e Elo

Visti i risultati, anche la sua classifica è in ascesa. Con la vittoria a Winston-Salem è entrato nei primi 40 e dopo Tokyo ha raggiunto il 22esimo posto. La vittoria al primo turno allo Shanghai Masters gli ha dato il 21esimo posto e le due semifinali di Mosca e Basilea lo porteranno al nuovo massimo in carriera, la posizione 17.

La classifica ufficiale non è niente rispetto ai passi da gigante fatti da Medvedev per arrivare in cima alla classifica associata al sistema delle valutazioni Elo. Dopo aver vinto Tokyo, è salito infatti all’ottavo posto della mia classifica Elo. Ha perso poi due posizioni, rimanendo però tra i primi 10, davanti a Marin Cilic, Kevin Anderson e un altro gruppetto di giocatori che lo precedono nella classifica ATP.

Di fronte a questa discrepanza, a cosa dobbiamo credere? Medvedev fa parte dei primi 10 o è in fondo ai primi 20? Le valutazioni Elo sono premonitrici, anticipano cioè successi a venire nella classifica ufficiale, o creano confusione?

Il sistema Elo è orientato al futuro, disegnato per prevedere l’esito delle partite ponderando vittorie e sconfitte sulla base della qualità dell’avversario. La classifica ufficiale tiene conto in modo diretto dei risultati ottenuti da un giocatore nell’ultimo anno, senza alcuna correzione che rifletta la bravura degli avversari. In teoria, Elo dovrebbe essere tra i due l’indicatore più affidabile per pronosticare un successo di lungo periodo, ma si presuppone che l’algoritmo funzioni correttamente e non reagisca in modo eccessivo a risultati positivi di breve termine. Analizziamo le differenze passate tra le due modalità e vediamo cosa può riservare il futuro a Medvedev.

Precedenti

Dal 1988, 102 giocatori sono entrati nei primi 10 della classifica ufficiale. Qualcuno in più, 113 per l’esattezza, è arrivato tra i primi 10 delle valutazioni Elo. Con 94 nomi in entrambe le categorie, c’è una sovrapposizione quasi totale. Sono otto i giocatori che hanno raggiunto i primi 10 della classifica ufficiale ma non i primi 10 delle valutazioni Elo, mentre 19 giocatori hanno avuto una valutazione Elo tra i primi 10 ma non sono riusciti a meritare lo stesso trattamento dai computer dell’ATP.

La tabella elenca gli otto giocatori entrati tra i primi 10 della classifica ufficiale ma non nell’equivalente classifica Elo.

                       Primi 10 ATP   
Giocatore        Debutto        Numero Settimane  
Svensson         25.03.1991     5  
Massu            13.09.2004     2  
Stepanek         10.07.2006     12  
Melzer           31.01.2011     14  
Monaco           23.07.2012     8  
Anderson         12.10.2015     31  
Carreno Busta    11.09.2017     17  
Pouille          19.03.2018     1

Alcuni potrebbero ancora farcela, specialmente Anderson, attualmente all’undicesimo posto, appena cinque punti dietro Medvedev.

Questo è invece un elenco più lungo di giocatori entrati nei primi 10 delle valutazioni Elo senza nemmeno una settimana tra i primi 10 della classifica ufficiale.

                       Primi 10 Elo   
Giocatore        Debutto        Numero Settimane  
Steeb            22.05.1989     3  
Cherkasov        11.12.1990     1  
Prpic            20.05.1991     1  
Wheaton          08.07.1991     9  
Golmard          03.05.1999     2  
Hrbaty           15.01.2001     2  
Gambill          06.04.2001     6  
Escude           25.02.2002     4  
El Aynaoui       20.05.2002     2
Mathieu          14.10.2002     8  

                       Primi 10 Elo   
Giocatore        Debutto        Numero Settimane
Calleri          19.05.2003     2  
Dent             10.06.2003     10  
Pavel            10.05.2004     2  
Ginepri          24.10.2005     1  
Karlovic         12.11.2007     3  
Bautista Agut    22.02.2016     1  
Kyrgios          04.03.2016     62  
Tsitsipas        13.08.2018     3  
Medvedev         08.10.2018     2

* Considero le settimane in modo leggermente diverso 
per le valutazioni Elo, che vengono generate solo per 
quelle settimane in cui si giocano tornei del circuito 
maggiore o partite di Coppa Davis

È mancato poco alla maggior parte di questi giocatori per entrare nei primi 10 della classifica ATP. David Wheaton ad esempio è arrivato al numero 12. Con l’eccezione di Nick Kyrgios, nessun giocatore è rimasto più a lungo di dieci settimane nei primi 10 Elo senza poi raggiungere lo stesso standard secondo la formula della classifica ATP.

Questo elenco indica che è possibile giocare sufficientemente bene per un breve periodo così da entrare nei primi 10 Elo ma non abbastanza a lungo da riflettere il tipo di successo che viene premiato dalla classifica ufficiale. Circa un giocatore su sei con valutazione Elo da primi 10 non ha mai raggiunto i primi 10 della classifica ATP anche se, come possiamo vedere, la probabilità di rimanere semplicemente una stella delle valutazioni Elo diminuisce rapidamente per ciascuna settimana aggiuntiva tra i primi 10 ATP.

Il caso di Kyrgios

Kyrgios è un esempio perfetto della differenza tra le due modalità di classifica. Ottenere una serie di vittorie a sorpresa è la strada più veloce per salire in classifica Elo, e così ha fatto Kyrgios. Eliminare però il secondo giocatore del mondo, come gli è riuscito all’Indian Wells Masters 2017 contro Novak Djokovic, non ha grande riscontro sulla classifica ATP quando si tratta di un quarto turno. Normalmente, un giocatore in grado di eliminare i più forti è anche capace di accumulare vittorie che migliorano la sua classifica ufficiale. Ma Kyrgios, come praticamente nessun altro giocatore della storia con pari talento, non ha vinto così tante partite.

Elo contro ATP

In sintesi, il sistema Elo porterà sempre alcuni giocatori tra i primi 10, anche se non beneficeranno dello stesso trattamento da parte della classifica ATP. È troppo presto per dire se sarà lo stesso anche per Medvedev.

Dove Elo però veramente si distingue è nell’identificare quei giocatori che diventeranno tra i più forti prima della classifica ufficiale. Dei 94 giocatori che dal 1988 hanno debuttato nei primi 10, Elo è stato il primo sistema a riconoscere che un giocatore appartenesse a quell’élite per 76 di essi, cioè meglio dell’80%. La classifica ufficiale ha preceduto Elo per 10 giocatori e c’è stata una situazione di parità temporale in altre otto volte. In media, i giocatori sono entrati tra i primi 10 della classifica Elo circa 32 settimane prima della classifica ufficiale dell’ATP.

La tabella elenca le undici occorrenze con maggiore divario per quando Elo è arrivato in anticipo, insieme al debutto tra i primi 10 dei Fantastici Quattro.

Giocatore      Debutto ATP  Debutto Elo  Sett. Diff
Puerta         25.07.2005   12.06.2000   267  
Rosset         10.07.1995   05.11.1990   244  
Gonzalez       24.04.2006   07.10.2002   185  
Canas          09.05.2005   05.08.2002   144  
Youzhny        13.08.2007   15.11.2004   143  
Gaudio         07.06.2004   29.04.2002   110  
Gasquet        09.07.2007   20.06.2005   107  
Berdych        23.10.2006   11.10.2004   106  
Soderling      19.10.2009   08.10.2007   106  
Philippoussis  29.03.1999   24.03.1997   105  
Sock           06.11.2017   18.01.2016   94  
                                                       
Giocatore      Debutto ATP  Debutto Elo  Sett. Diff  
Federer        20.05.2002   19.02.2001   65  
Murray         16.04.2007   21.08.2006   34  
Djokovic       19.03.2007   31.07.2006   33  
Nadal          25.04.2005   21.02.2005   9

Nel caso ve lo chiedeste, seguono i dieci giocatori per i quali la classifica ATP ha battuto sonoramente Elo.

Giocatore      Debutto ATP  Debutto Elo  Sett. Diff  
Wawrinka       12.05.2008   25.10.2010   128  
Ferrer         30.01.2006   28.05.2007   69  
Tipsarevic     14.11.2011   13.05.2012   26  
Schuettler     09.06.2003   25.08.2003   11  
Robredo        08.05.2006   24.07.2006   11  
Verdasco       02.02.2009   04.06.2009   9  
Costa          21.04.1997   26.05.1997   5  
Almagro        25.04.2011   05.22.2011   4  
Isner          19.03.2012   15.04.2012   4  
Novak          14.10.2002   21.10.2002   1

È evocativo che ci siano, in media, 32 settimane di differenza. Come detto, le valutazioni Elo sono ottimizzate per fare previsioni di un futuro ravvicinato quindi, almeno sulla carta, riflettono il livello di bravura attuale di un giocatore. L’algoritmo della classifica ATP tiene conto del rendimento su un arco temporale di 52 settimane, ponderando allo stesso modo la prima e l’ultima settimana. Mettendo da parte miglioramenti o declini dovuti all’età, questo significa che la classifica ATP, in media, fornisce indicazione sul rendimento di un giocatore risalente a 26 settimane fa. Se Medvedev continua a eliminare giocatori tra i primi 20 e vincere di nuovo uno o anche due titoli 500, potrebbe essere a 26 o 32 settimane di distanza dall’ingresso nei primi 10.

Conclusioni

Elo non è concepito per previsioni di lungo termine: i programmi adatti a questa finalità devono essere, in larga parte, ancora inventati. E, occasionalmente, Elo assegna un’alta valutazione a giocatori che non hanno un rendimento in grado di sostenerla. In generale però, una valutazione Elo superlativa è segno che un risultato simile nella classifica ufficiale non è troppo lontano. A oggi, Kyrgios ha disatteso le aspettative al riguardo, ma un debutto di Medvedev nei primi 10 tra qualche tempo è una scommessa dalle quote favorevoli.

Daniil Medvedev’s Leading Elo Indicator