Quantità di gioco e probabilità di vittoria all’avvio della seconda settimana di uno Slam

di Stephanie Kovalchik // StatsOnTheT

Pubblicato il 17 febbraio 2020 – Traduzione di Edoardo Salvati

Per raggiungere i quarti di finale agli Australian Open 2020, Dominic Thiem è rimasto in campo per 10 ore e 23 minuti, entrando così nel 20% di tempo più lungo prima di un quarto di finale di uno Slam negli ultimi dieci anni. Nei turni successivi ha accumulato altre ore di gioco, ponendosi all’estremo della distribuzione di questo speciale conteggio.

Nell’analisi che segue, cerco quindi di capire se l’intensità del percorso di Thiem ha contribuito a ridurre la sua probabilità di vittoria del titolo. Pochi giocatori riescono ad arrivare in fondo a uno Slam senza subire affaticamento, ma per alcuni la strada diventa molto più tortuosa.

Le fatiche di Thiem

Negli ultimi tre turni degli Australian Open 2020, Thiem si è trovato proprio in questa situazione. Alla vigilia della sua difficile partita contro Rafael Nadal, il tempo di gioco di Thiem era superiore di 1.3 ore rispetto alla media degli ultimi dieci anni tra i giocatori in un quarto di finale di uno Slam, come rappresentato nell’immagine 1. Alla conclusione della vittoriosa battaglia contro Nadal in quattro set, tra cui tre tiebreak, Thiem era a 14.6 ore, cioè 3.4 ore in più della media.

Un’altra vittoria in quattro set, in semifinale contro Alexander Zverev, ha portato il totale a 18.2 ore, o a 4.5 ore in più della media degli altri semifinalisti di uno Slam. Thiem si è ritrovato nel 3% del monte ore di gioco delle partite che precedono la finale, una posizione non certamente invidiabile contro il sette volte vincitore degli Australian Open Novak Djokovic, il quale invece aveva impiegato solo 12.5 ore.

IMMAGINE 1 – Distribuzione delle ore giocate prima degli ultimi turni di uno Slam maschile nel periodo dal 2011 al 2020. La linea rossa indica il tempo giocato da Thiem agli Australian Open 2020

Possibili conseguenze sull’esito della finale?

Proviamo a elaborare qualche idea con l’esempio fornito da altri giocatori che hanno avuto un percorso accidentato per entrare nella seconda settimana di uno Slam. La tabella a conclusione dell’articolo raccoglie alcune di queste situazioni, tra cui quella di Thiem. Il carico di gioco di Thiem agli Australian Open 2020 è simile a quello di Kevin Anderson a Wimbledon 2019 e di Nadal agli Australian Open 2017. Nessuno di questi giocatori è poi riuscito a vincere il torneo.

Sono però solo degli esempi. E anche se ci fossero molti esempi a mostrare analoga tendenza, staremmo ignorando un interrogativo di fondo. È un grande carico di gioco a contribuire alle sconfitte, o il grande carico di gioco è semplicemente un effetto collaterale di non essere un favorito?

Vogliamo sapere se la grande quantità di gioco incide sul risultato di una partita dopo aver tenuto conto della differenza di bravura tra due giocatori che si scontrano in un qualsiasi turno di uno Slam. Nel linguaggio della regressione, se wij è la probabilità che il giocatore i batte il giocatore j e caricoi è la somma complessiva di gioco del giocatore i, possiamo calcolare l’effetto della quantità di gioco con la seguente formula:

logit(wij) = β0 + β1logit(pij) + β2(caricoi − caricomedio)

dove pij è la previsione di vittoria pre-partita sulla base della bravura dei giocatori e di qualsiasi altro fattore a eccezione del carico di gioco sostenuto durante il torneo. Si tratta di un semplice modello di regressione logistica, in cui la difficoltà maggiore è la scelta di pij, che potrebbe essere data ad esempio dalle quote scommesse. In questo caso utilizzo le mie valutazioni dei giocatori.

Variazioni attese nella probabilità di vittoria

Con gli ultimi dieci anni di quarti di finale e turni successivi a disposizione, ho applicato il modello e osservato la variazione attesa nella probabilità di vittoria di Thiem in ciascuno dei tre turni conclusivi degli Australian Open 2020. La tendenza storica suggerisce che già ai quarti di finale la probabilità di Thiem si era ridotta (un calo in media del 12%) e che la maratona con Nadal l’aveva ulteriormente abbassata. Dalla semifinale in avanti, Thiem aveva una probabilità del 30-35% inferiore rispetto a quella che un giocatore con la sua valutazione avrebbe predetto.

IMMAGINE 2 – Riduzione attesa nella probabilità di vittoria di Thiem agli Australian Open 2020 per il carico di gioco sostenuto (e con un intervallo di confidenza del 90%)

Si può avere la tentazione di ignorare questi risultati pensando che i giocatori hanno poco controllo sulla durata di una partita. Vorrebbe però dire sottostimare la capacità decisionale del giocatore sul livello di offensività da tenere in campo e su come questo incida sul tempo trascorso. Per quei giocatori la cui bravura permette di pensare oltre alla partita successiva, aumentare il livello offensivo quando si arriva a una durata media potrebbe essere una strategia importante per la vittoria finale.

Does greater competition load going into the second week of a Grand Slam hurt a player’s win chances?

Passare un turno iniziale negli Slam senza giocare è un vantaggio?

di Stephanie Kovalchik // StatsOnTheT

Pubblicato il 24 gennaio 2020 – Traduzione di Edoardo Salvati

Grazie al ritiro pre-partita di Philipp Kohlschreiber, suo avversario di secondo turno, Stefanos Tsitsipas ha raggiunto il terzo turno degli Australian Open 2020 avendo giocato una partita in meno degli altri. Alla vigilia degli ottavi di finale, cerchiamo di capire che tipo di impatto può avere per Tsitsipas giocare una partita in meno nel primo Slam della stagione (Tsitsipas ha poi perso al terzo turno contro Milos Raonic in tre set, n.d.t.).

Se del tabellone principale maschile degli Australian Open vi appassiona il percorso delle stelle emergenti del circuito, Daniil Medvedev e Tsitsipas sono in cima alla lista dei giocatori con il potenziale per dare molto fastidio ai Grandi Tre (anche Medvedev ha poi perso agli ottavi contro Stanislas Wawrinka in cinque set, n.d.t.). In quest’ottica, ci si chiede se il passaggio del secondo turno di Tsitsipas senza aver giocato per via del ritiro di Kohlschreiber farà alcuna differenza per le fasi successive del suo cammino.

Con una probabilità di vittoria attesa dell’81%, non sarebbe stata comunque, almeno sulla carta, una partita difficile. E questo suggerisce che non serviva a Tsitsipas un ritiro per passare il turno, ma ci è certamente arrivato essendo rimasto in campo qualche ora in meno. Un carico di gioco inferiore potrà essere un beneficio o, al contrario, meno tempo trascorso in campo sarà di fatto un ostacolo?

Per trovare una risposta, sarebbe utile riuscire a identificare altri giocatori che, nelle prove Slam, hanno passato un turno iniziale per ritiro e confrontare i risultati con giocatori dello stesso livello che hanno invece dovuto giocare tutti i turni. Ci sono stati sufficienti ritiri nei turni iniziali da ottenere un campione significativo?

Quanti ritiri?

L’immagine 1 mostra la frequenza dei ritiri negli Slam negli ultimi 20 anni. Si osserva che, generalmente, sono eventi rari, con la maggior parte degli Slam senza alcun ritiro nei primi turni. Tuttavia, circa il 20% degli Slam (o uno su cinque) ha avuto, per lo stesso orizzonte, almeno un ritiro di secondo turno. Sono circa 30 casi di giocatori che, durante la prima settimana di gioco in uno Slam, hanno superato il turno per ritiro dell’avversario.

Una considerazione a margine. Vi potreste chiedere come un primo turno possa essere un ritiro. Generalmente, un lucky loser dovrebbe rimpiazzare il giocatore che si ritira al primo turno in modo da giocare la partita. Nel primo turno del Roland Garros 2007, quando Mikhail Youzhny ha superato il turno senza giocare contro Jan Hernych, il ritiro deve essere arrivato troppo tardi da consentire a un altro giocatore di prendere il posto. Di norma, primi turni con ritiri sono estremamente rari.

IMMAGINE 1 – Frequenza di ritiri pre e durante la partita per singolo turno negli Slam maschili dal 2000

Se l’effetto finale di un ritiro è una quantità minore di tempo in campo, dovremmo anche considerare di allargare il campione a quei ritiri che si sono verificati a partita da poco iniziata. Questa nuova casistica di ritiri pre-partita e durante il primo set si verifica almeno 1 volta su 4 nei primi e secondi turni degli Slam. Si triplica così il numero dei giocatori da studiare per possibili effetti di meno gioco sul risultato negli Slam.

Quali tornei hanno avuto quattro o più ritiri in alcune edizioni?

Si tratta del Roland Garros 2014, in cui quattro giocatori si sono ritirati durante il primo set dei loro primi turni. E poi Wimbledon 2013, con due ritiri pre-partita e due ritiri durante il primo set in partite di secondo turno. Una curiosità, Kenny De Schepper ha passato il turno per ritiro in quelle partite in entrambi gli Slam!

Con un campione recente di ritiri pre-partita e nel primo set agli Slam, come possiamo dire se si è trattato di un aspetto positivo o negativo? Una modalità è valutare se quei giocatori hanno fatto meglio delle attese, mediante un confronto tra le vittorie effettive in ciascuno Slam e la somma delle probabilità di vittoria per ogni turno. Se un giocatore ha più vittorie di quanto per lui atteso, questa differenza avrà valore positivo. Altrimenti, in caso di sconfitta nei turni iniziali, sarà negativa. In sostanza, è uno scarto per vittorie di partite nell’evento.

Come per gli scarti in una regressione, ci aspettiamo che la media degli scarti sia zero quando è considerata complessivamente su tutti i giocatori in uno Slam (considerando che le nostre previsioni sono certamente imparziali!). Ma in questo sottoinsieme di giocatori che passano il turno senza giocare o perché l’avversario si ritira a inizio partita non ci sono probabilmente giocatori medi. Anzi, la maggior parte ha una valutazione Elo di più di 2000 punti all’inizio del torneo. Serve quindi metterli a confronto con giocatori con valutazioni altrettanto alte.

Un confronto alla pari

Restringendo il confronto ai giocatori con almeno 2000 punti di valutazione, i grafici che seguono illustrano le risultanze dell’ampiezza tra vittorie effettive e vittorie attese per quei giocatori che hanno superato il turno per ritiro negli Slam degli ultimi venti anni.

Nonostante un campione ridotto, si osserva in media un incremento nella differenza tra vittorie effettive e attese, che corrisponde a un +0.2 partite vinte delle attese in presenza di un ritiro. Due giocatori a distinguersi in questo gruppo sono Wawrinka, con +2.4 vittorie rispetto alle attese agli Australian Open 2014, torneo vinto grazie anche al ritiro di Vasek Pospisil al terzo turno, e Grigor Dimitrov, con +2.2 vittorie rispetto alle attese nella semifinale raggiunta agli US Open 2019 con un ritiro al secondo turno di Borna Coric.

IMMAGINE 2 – Distribuzione di vittorie totali meno vittorie attese negli Slam per giocatori con valutazione di almeno 2000 punti nel periodo dal 2000 al 2019 con o senza un ritiro

Otteniamo un margine abbastanza simile anche allargando il gruppo a includere quei giocatori le cui partite non sono terminate per via del ritiro dell’avversario durante il primo set. In questo caso il guadagno medio è più vicino a +0.3 partite aggiuntive.

IMMAGINE 3 – Distribuzione di vittorie totali meno vittorie attese negli Slam per giocatori con valutazione di almeno 2000 punti nel periodo dal 2000 al 2019 con o senza un ritiro o un ritiro durante il primo set

Se il passato è di qualche indicazione, dopo il ritiro al secondo turno le aspettative riposte su Tsitsipas sono ancora più alte.

Is an Early Walkover an Advantage in a Slam?

La fortuna del sorteggio: Australian Open 2020 (uomini)

di Chapel Heel // HiddenGameOfTennis

Pubblicato il 19 gennaio 2020 – Traduzione di Edoardo Salvati

Come d’abitudine per gli Slam, ho eseguito una simulazione (con la mia variante Elo) di 100.000 configurazioni del tabellone principale, utilizzando lo stesso metodo che gli organizzatori usano per assegnare ai giocatori la loro posizione. L’ho poi confrontata con la previsione per il torneo su base Elo rispetto al tabellone effettivo.

La tabella mette a confronto la previsione effettiva del tabellone con i risultati dalle simulazioni di rimescolamento, in modo da avere alcune indicazioni sull’accessibilità del tabellone effettivo rispetto alle altre configurazioni. Tonalità di rosso (e arancione) evidenziano la sfortuna del giocatore. Al contrario, tonalità di verde rappresentano la fortuna ricevuta nel tabellone effettivo, in riferimento a un particolare turno. Il giallo simboleggia neutralità, e si può di fatto ignorare qualsiasi valore superiore o inferiore allo 0.3%.

Per una presentazione più compatta rispetto al passato, ho riportato nella tabella solo le teste di serie, e organizzato nella tabella successiva quei giocatori fuori dalle teste di serie per i quali c’è stata un’incidenza degna di nota (almeno lo 0.5% di segno positivo o negativo).

Tabellone effettivo e simulato a confronto per le teste di serie

Rispetto a tabelloni casuali, la parte bassa del tabellone principale è più difficile di quella alta. A David Goffin non è andata proprio bene essendo finito nella sezione del giocatore più in forma del momento, Andrey Rublev, che invece è tra i più fortunati, come Matteo Berrettini. Pensavo che la testa di serie numero 8 per Berrettini fosse eccessiva, perché non mi sembra tra i primi otto favoriti, ma so che le teste di serie procedono in automatico. Comunque, ha il tabellone più fortunato tra tutte le teste di serie.

IMMAGINE 1 – Confronto tra tabellone effettivo e simulazioni per le teste di serie

Effetti di rilievo su una selezione di giocatori fuori dalle teste di serie

Kevin Anderson ha giocato abbastanza bene all’ATP Cup. Con un pò di fortuna potrebbe superare un po’ di turni, magari fino agli ottavi. I quarti di finale sembrano troppo ambiziosi. Fresco vincitore del primo torneo, Ugo Humbert non è stato ricompensato con un percorso semplice. Ma non credo farà troppa differenza perché, anche scarico di adrenalina, dovrebbe perdere da John Millman al primo turno.

IMMAGINE 2 – Effetti della casualità del sorteggio su alcune non teste di serie

Luck of the Draw: Australian Open 2020 (Men)

I favoriti agli Australian Open 2020

di Stephanie Kovalchik // StatsOnTheT

Pubblicato il 17 gennaio 2020 – Traduzione di Edoardo Salvati

Dopo aver visto le favorite per gli Australian Open 2020, a tabellone maschile completo quali sono le probabilità di vittoria dei Grandi Tre per il primo Slam dell’anno? E ci sono altri seri contendenti al titolo?

Con l’avvio delle competizioni, tutti si chiedono quale dei Grandi Tre sarà il primo a vincere uno Slam nel 2020. Sulla base delle mie valutazioni, Novak Djokovic e Rafael Nadal hanno la probabilità più alta, con un leggero margine per Djokovic dopo il solido livello di gioco mostrato durante l’ATP Cup.

I soliti noti

Djokovic ha quasi una probabilità su tre di titolo, Nadal quasi una su quattro, e la finale tra i due è l’esito più probabile. I molti appassionati di tennis che si sono entusiasmati per il secondo set della loro partita all’ATP Cup sono certamente in trepidante attesa a Melbourne per un altro episodio della saga.

La terza posizione di Roger Federer non dovrebbe rappresentare una sorpresa, almeno per i più attenti. Più sorprendente potrebbe invece essere il fatto che la distanza di Federer da Djokovic e Nadal sia così ampia, visto che entrambi hanno più del doppio della probabilità di vincere il torneo. Questo dipende solo in parte dalla valutazione attuale della forma di Federer. Dal lato di Djokovic e con giovani pericolosi come Filip Krajinovic, Hubert Hurkacz, Denis Shapovalov e Matteo Berrettini, la strada di Federer per il titolo è particolarmente in salita.

Alle spalle dei Grandi Tre, la probabilità di vittoria diminuisce vertiginosamente. Non si possono però ignorare le possibilità di un gruppo di giocatori che si sono messi in luce nel 2019, primi fra tutti Daniil Medvedev e Stefanos Tsitsipas che, pur non avendo ancora vinto uno Slam, hanno la probabilità più alta di detronizzare uno dei Grandi Tre.

Non possiamo poi dimenticare di menzionare diversi altri giovani per un risultato di prestigio. Dall’alto verso il basso troviamo Andrey Rublev, Denis Shapovalov (che però ha perso al primo turno, n.d.t.) e Berrettini. Anche Dominic Thiem e Roberto Bautista Agut rientrano tra i favoriti, ma sono convinta che i più giovani tra i possibili primi vincitori di Slam abbiano il vantaggio dell’età dalla loro parte.

Giocatore       Prob. titolo
Djokovic        29.6%
Nadal           26.9%
Federer         12.8%
Medvedev        6.9%
Tsitsipas       5.0%
Rublev          3.9%
Thiem           1.9%
Shapovalov      1.9%
Berrettini      1.3%
Bautista Agut   1.2%

La gioventù che avanza

È incredibile pensare che una probabilità cumulata di quasi il 50% per la vittoria finale tra Djokovic e Nadal sia inferiore a quella che i due avevano lo scorso anno. E non dipende da un loro calo vistoso, quanto dalla crescita degli altri, per alcuni in modo drammatico.

Lo si può osservare nell’andamento delle valutazioni dell’ultimo anno dei primi dieci favoriti. L’aspetto che più colpisce è l’incredibile ascesa dei più giovani dietro ai Grandi Tre, la maggior parte di quali ha guadagnato almeno 100 punti nel corso della passata stagione.

IMMAGINE 1 – Andamento della valutazione dei giocatori nell’ultimo anno

Se davvero esiste un vantaggio psicologico derivante dallo stato di forma, il grafico suggerisce che le aspettative su giocatori come Medvedev, Shapovalov, Berrettini e Rublev dovrebbero essere ancora più alte dell’effettiva previsione di titolo. Perché, tra i primi 10, hanno fatto siglare i miglioramenti più significativi. Anche Tsitsipas è cresciuto naturalmente, solo che un incremento stabile rende la sua evoluzione più insolita rispetto a quella degli altri appartenenti alla Next Gen.

Nonostante abbiano 105 anni insieme, i Grandi Tre continuano a sfidare la ragione e rimanere al vertice del tennis mondiale. Ancora una volta, sono loro a ottenere i favori del pronostico, ma è il primo Slam da qualche tempo a questa parte in cui la probabilità di altri giocatori per la vittoria finale non è un concetto puramente teorico.

Men’s Title Chances for the 2020 Australian Open

Le favorite agli Australian Open 2020

di Stephanie Kovalchik // StatsOnTheT

Pubblicato il 17 gennaio 2020 – Traduzione di Edoardo Salvati

Le speranze di una nazione saranno sulle spalle di Ashleigh Barty al via degli Australian Open 2020. Il pronostico suggerisce però che dopo quattro finali Slam consecutive perse, potrebbe essere la volta di Serena Williams.

Con la testa di serie numero uno per lo Slam di casa, Barty sarà probabilmente la giocatrice a sentire la pressione maggiore per la vittoria a Melbourne. Dovrà sfidare anche le previsioni basate su diversi sistemi di valutazione che, nonostante un tabellone teorico più abbordabile da prima della classifica, le assegnano solo una possibilità di titolo su dieci, visto che occupa il quarto posto tra le favorite. Con una probabilità su cinque, Williams non ha il trofeo assicurato, ma è comunque avanti rispetto alle altre contendenti. Queste previsioni non tengono però in considerazione il possibile “effetto finale” che sembra aver colpito Williams, che appunto non ha più vinto uno Slam dagli Australian Open 2017, e dopo aver avuto una figlia.

Serena e poi le altre

La forma di Williams è cresciuta di Slam in Slam, con dimostrazioni di potenza fino alla finale di Wimbledon e degli US Open. Ha inoltre vinto il suo torneo di preparazione a Auckland, un’altra iniezione di fiducia alla vigilia del primo Slam dell’anno. Potremmo assistere a una possibile sfida tra Barty e Williams in semifinale, l’ostacolo più duro per Barty per l’eventuale titolo. La testa di serie numero 8 assegnata a Williams ne sottostima il livello di forma, e la mette in rotta di collisione nei quarti di finale con Naomi Osaka, contro cui ha giocato l’ultima volta nella controversa finale degli US Open 2018.

Karolina Pliskova, anche lei non esente da polemiche, potrebbe essere la giocatrice tra le prime quattro favorite a passare meno osservata. Il fatto però di ritrovarsi dalla parte opposta del tabellone rispetto alle altre tre le ha sicuramente offerto la dose più alta di fortuna.

Giocatrice       Prob. titolo
S. Williams      20.4%
Osaka            13.7%
Kar. Pliskova    11.6%
Barty            9.9%
Sabalenka        4.5%
Halep            4.3%
Keys             4.3%
Kvitova          3.7%
Svitolina        3.7%
Bertens          3.0%

Ci siamo abituati a pensare che, sul circuito femminile, la competizione è così serrata da garantire possibilità di vittoria a chiunque in qualunque torneo. Anche se, rispetto a quanto succede per gli uomini, la probabilità di vittoria si distribuisce in modo più uniforme tra le giocatrici, è interessante vedere quanto abbiano oscillato le loro valutazioni nell’ultimo anno. Per le favorite all’inizio degli Australian Open 2020, si è trattato di un anno movimentato. Williams si è migliorata più di tutte, avendo aggiunto 200 punti alla valutazione del 2019.

Pericolose inversioni di forma

Per le altre, l’andamento più tipico è consistito in una curva piatta nella parte iniziale della stagione, seguita da un incremento deciso a partire da agosto. Barty, Simona Halep ed Elina Svitolina sono le uniche del gruppo ad affacciarsi al primo Slam con una chiara inversione negativa di forma.

IMMAGINE 1 – Andamento della valutazione delle giocatrici nell’ultimo anno

Williams gode dei favori delle statistiche e del livello di gioco più alto dopo la maternità. Se i riflettori puntati su Barty l’aiuteranno a superare la pressione subita nelle finali Slam che ha giocato al rientro sul circuito, potrebbe finalmente raggiungere il record di Margaret Court proprio in Australia.

Women’s Title Chances for the 2020 Australian Open

Il cambio della guardia agli Australian Open 2019 è supportato dai numeri?

di Stephanie Kovalchik // StatsOnTheT

Pubblicato il 21 gennaio 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Vincendo contro Roger Federer, il ventenne Stefano Tsitsipas si è reso autore della più grande sorpresa degli Australian Open 2019 e indotto molti a pensare al possibile inizio di una nuova era. I risultati di Tsitsipas a Melbourne sono i più eclatanti tra quelli raccolti da un gruppo di giovani e talentuosi giocatori, e che hanno reso questa edizione degli Australian Open una delle più storiche.

Dopo una settimana di gioco, le partite del quarto turno sono state tra le più sorprendenti, iniziando con la vittoria di Frances Tiafoe contro Grigor Dimitrov, seguita da Danielle Rose Collins che ha battuto la testa di serie numero 2 Angelique Kerber. A fine giornata, altre tre teste di serie hanno perso: la numero 6 Marin Cilic, la numero 5 Sloane Stephens e la numero 3 Federer.

La sconfitta più sorprendente è stata quella di Federer contro Tsitsipas, che prima dell’inizio del torneo non aveva mai vinto una partita agli Australian Open, oltre a rappresentare il risultato più importante dei giocatori in tabellone della cosiddetta Next Gen.

Di fronte a una nuova era?

Guardando Tsitsipas battersi con il sei volte campione degli Australian Open è stato immediato il parallelo con la vittoria di Federer a Wimbledon 2001, sempre negli ottavi, contro Pete Sampras. Forse lo stesso pensiero che ha avuto John McEnroe quando, nell’intervista dopo partita, ha definito la vittoria di Tsitsipas come “cambio della guardia”.

Nessuna partita, da sola, può dare avvio a una nuova era. Se però consideriamo che nella stessa settimana cinque giocatori con meno di 23 anni sono arrivati al quarto turno, occorre ammettere che McEnroe potrebbe avere qualche ragione. Nel raffronto con il passato, quella statistica di 5 su 16 acquista ancora più valore.

La composizione dell’età al quarto turno degli Australian Open nel periodo tra il 2010 e il 2018 mostra una pressoché aridità di risultati per i giocatori più piccoli di 23 anni. Anzi, è il 2009, l’anno dell’unica vittoria di Rafael Nadal e subito dopo il titolo di Novak Djokovic, l’ultima volta in cui giocatori con meno di 23 anni hanno ottenuto risultati migliori o comparabili con il 2019.

IMMAGINE 1 – Composizione dell’età dei giocatori al quarto turno degli Australian Open per il periodo dal 1989 al 2019

Osservando alcuni dei passaggi storici del torneo, come il primo titolo di Ivan Lendl, Sampras, Federer e Djokovic, si nota che le epoche di dominio sembrano presentarsi in cicli di 5-10 anni. Il 2019 sarebbe quindi la rampa di lancio del cambiamento.

Equa distribuzione

L’aspetto più interessante degli Australian Open 2019 è che per la prima volta nell’era Open l’età dei giocatori si è suddivisa equamente tra i più giovani e i più vecchi. Accanto ai cinque con meno di 23 anni hanno raggiunto gli ottavi di finale sei giocatori con più di 30 anni.

Sembra quindi che tutto sia allineato per una stagione in cui i maestri veterani dello sport dovranno fronteggiare la carica di un manipolo di giovani che sono pronti a rimpiazzarli.

Giocatore       Età 
Federer 37.5
Berdych 33.4
Nadal 32.7
Djokovic 31.7
Bautista Agut 30.8
Cilic 30.3
Nishikori 29.1
Raonic 28.1
Dimitrov 27.7
Carreno Busta 27.5
Pouille 24.9
Medvedev 23.0
Coric 22.2
Zverev 21.8
Tiafoe 21.0
Tsitsipas 20.5

Do Numbers Back Up A Changing of the Guard at the 2019 Australian Open?

Altro Slam, altro inutile cronometro al servizio

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato l’1 febbraio 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Il cronometro al servizio per i 25 secondi tra un punto e l’altro è diventato in fretta una presenza stabile in entrambi i circuiti maggiori. Dopo una fase sperimentale, ha debuttato nei tornei di preparazione agli US Open 2018 e da allora è stato ampiamente adottato. Sia gli US Open che gli Australian Open ne hanno fatto uso, e la WTA lo introdurrà negli eventi Premier del 2019, con l’idea di estenderlo poi a tutti i tornei.

Per come l’ho intesa, l’obiettivo del cronometro al servizio è duplice. Il primo, limitare la durata delle partite costringendo i giocatori a un tempo prefissato tra un punto e l’altro. Il secondo, applicare la regola in modo equo.

Dirigenti di tennis e di emittenti televisive sono sempre alla ricerca di accorgimenti per rendere le partite più corte (o, quantomeno, di durata più prevedibile), quindi il primo obiettivo ha una portata più ampia.

Il secondo è più specifico. È risaputo che diversi dei giocatori che impiegano molto tempo tra un punto e l’altro sono le grandi stelle, e si riteneva che l’arbitro esitasse a penalizzarli. In teoria, un cronometro identico per tutti dovrebbe rendere l’applicazione più trasparente, assicurando correttezza a prescindere dallo status.

È difficile valutare il successo del secondo obiettivo. Per certi aspetti, sembra che stia funzionando, vista l’assenza di lamentele da parte dei giocatori. Rispetto al primo obiettivo, è più semplice fare una valutazione degli sviluppi, aspetto che ho analizzato già tre volte, appena dopo il Canada Masters 2018, dopo il Cincinnati Masters 2018 e al termine degli US Open 2018.

Tre eventi separati, medesima conclusione: il cronometro al servizio non ha velocizzato il gioco e, in molti casi, è coinciso con partite più lente.

Come è andata in Australia

Il metodo più immediato per misurare la velocità di un partita è di usare la durata ufficiale e il numero di punti giocati e calcolare i secondi per ogni punto. È un sistema un po’ approssimativo, visto che la durata ufficiale non ricomprende solo il tempo effettivo di gioco ma anche le pause tra i punti, i cambi di campo, le interruzioni per temperature eccessive o per la richiesta di assistenza medica, la moviola istantanea chiamata dai giocatori ed eventuali brevi sospensioni per pioggia. Si tratta quindi di un dato imperfetto, anche se il i cambi di campo od occorrenze simili sono ben definiti, rendendo possibile il paragone.

La tabella mostra i secondi medi per punto per gli uomini e le donne agli Australian open 2018 e 2019, a indicazione della cadenza di gioco prima e dopo l’introduzione del cronometro al servizio.

Anno   Sec/Pt U   Sec/Pt D   
2018 40.2 40.4
2019 41.0 40.3

Non siamo esattamente di fronte a una pubblicità progresso per il cronometro al servizio. In media, le partite sono state più lente nel 2019 rispetto al 2018. D’altro canto però, è un risultato migliore di quanto verificatosi agli US Open 2018, che sono stati in media 2.5 secondi più lenti del 2017, edizione senza cronometro.

Aumenta la precisione, resta la lentezza

Vale la pena ripetere che è un metodo poco raffinato per misurare la velocità di una partita. Per la maggior parte dei tornei però è il massimo ottenibile in assenza di accesso ai dati che l’ATP e (presumibilmente) la WTA possiedono in merito. Negli Slam c’è possibilità per un maggiore dettaglio.

Fino al 2017, per gli US Open e gli Australian Open mi riferisco ai dati di IBM Slamtracker. Per gli Australian Open, la collaborazione con IBM è terminata, ma dati punto per punto sono comunque disponibili sul sito.

Con dati più accurati, si possono ottenere stime più precise della frequenza con cui i giocatori sono andati oltre il limite dei 25 secondi, prima e dopo l’adozione del cronometro al servizio (il limite precedente era di 20 secondi, ma sono convinto che nessuna delle violazioni sia stata assegnata prima che fossero trascorsi almeno 25 o più secondi).

Dopo gli US Open 2018, ho trovato un aumento considerevole del numero di volte in cui i giocatori sono andati oltre i 25 secondi, così come le volte in cui sono andati oltre i 30 secondi. Per chi è interessato, l’articolo contiene approfondimenti metodologici al riguardo.

Di nuovo, gli Australian Open fanno meglio degli US Open, ma non significa necessariamente che il cronometro è efficace, solo che non rallenta le partite in modo così incisivo. La tabella mostra un confronto di violazione temporale prima e dopo l’introduzione del cronometro, per il 2017 e il 2019 (non ho raccolto i dati per gli Australian Open 2018).

Tempo       2017   2019   Delta (%)   
sotto 20s 77.6% 75.9% -2.2%
sopra 25s 91.6% 91.8% 0.2%
sopra 25s 8.4% 8.2% -1.7%
sopra 30s 2.8% 2.1% -25.2%

L’ultima riga della tabella è la prima vera indicazione del fatto che il cronometro al servizio sta funzionando. Rispetto a due anni fa, si superano i 30 secondi tra un punto e l’altro molto meno frequentemente. Di converso, se si considerano i 25 secondi non c’è quasi differenza. Altro elemento negativo, l’apparente miglioramento dato dal valore di 2.1% per l’intervallo sopra i 30 secondi è considerevolmente peggiore di quanto visto agli US Open 2018, in cui si era solo sullo 0.8%. Agli Australian Open, il cronometro ha eliminato alcune delle violazioni più evidenti, ma ne rimangono molte.

Servono medici, non medicine

Il problema principale continua a risiedere nel modo in cui si usa il cronometro. Il conteggio infatti prende il via alla chiamata del punteggio che, generalmente, avviene quando il rumore di fondo nello stadio si è esaurito. Per questo, dopo scambi lunghi o emozionanti – cioè proprio quelli in cui i giocatori prendono più tempo per rifiatare prima di servire – il limite temporale è di fatto allungato.

Ma non c’è ragione perché sia così. L’arbitro dovrebbe far partire il cronometro quando il punto è terminato e, se gli spettatori sono ancora in visibilio dopo 20 o 25 secondi, comportarsi di conseguenza. Alcuni giocatori però hanno già l’abitudine strategica di sfruttare tutto il tempo concesso. Più l’arbitro aspetta prima di far ripartire il cronometro, più dobbiamo attendere la ripresa del gioco.

La mia critica principale all’avvio ritardato del cronometro però è di diverso tipo. Ovviamente vorrei vedere le partite procedere con più rapidità. Ma, come per quasi tutti gli aspetti del regolamento, a darmi fastidio è l’estensione del tempo limite più favorevole per le mega stelle che per i giocatori di rincalzo. In un campo come la Rod Laver Arena a Melbourne, dopo ogni punti giocato si assiste a una anche modesta ovazione, specialmente in presenza di grandi nomi come Roger Federer o Rafael Nadal o Serena Williams.

Lontano dai riflettori sul campo 20, Johanna Larsson può pensare di ottenere un applauso appena accennato anche dopo uno scambio da sfinimento. Più è anonimo il giocatore, minore il tempo di recupero. E dopo un paio di partite, la differenza si fa sentire. Una regola introdotta per aumentare equità e trasparenza non dovrebbe andare a svantaggio degli sconosciuti. In questo caso però negli Slam sembra succedere proprio così.

Prima o poi smetterò di commentare il cronometro al servizio. Finché i due circuiti promuoveranno un’innovazione che fallisce nel proprio dichiarato intento, continuerò a valutarne i risultati. Magari fra qualche anno si arriverà finalmente ad applicarla nel modo giusto.

Another Slam, Another Pointless Serve Clock

L’impatto del nuovo super-tiebreak agli Australian Open 2019

di Stephanie Kovalchik // StatsOnTheT

Pubblicato il 18 gennaio 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Uno dei vari cambiamenti introdotti agli Australian Open 2019 è stato il super-tiebreak nel set decisivo delle partite di singolare. Dopo due turni, tre partite maschili e due femminili hanno già messo alla prova la regola. Cosa può svelare l’esito di quelle partite sul possibile impatto del nuovo format?

Un format specifico per ciascuno Slam

Nel 2019, ciascun torneo dello Slam avrà uno specifico format. Gli US Open – i primi ad adottare il tiebreak classico nel set decisivo – continueranno a mantenere la loro configurazione, la più breve tra tutte. A Wimbledon si giocherà per la prima volta un tiebreak classico sul punteggio di 12-12 nel set decisivo. Il Roland Garros è rimasto di fatto l’unico Slam con il set decisivo ai vantaggi.

Gli Australian Open si sono lanciati nella mischia adottando il super-tiebreak nel set decisivo. E dopo due turni giocati, già 5 partite sono terminate con il super-tiebreak, compreso il primo turno vinto da Katie Boulter, che ha poi ammesso di essersi dimenticata della nuova regola (nei turni successivi, solo una partita è finita al super-tiebreak, la vittoria di Kei Nishikori al quarto turno contro Pablo Carreno Busta, n.d.t).

Tra gli Slam, gli Australian Open sono stati scenario di due delle dieci più lunghe partite di singolare maschile (escludendo la Coppa Davis): la finale del 2012 tra Rafael Nadal e Novak Djokovic, durata 5 ore e 53 minuti e il primo turno tra Ivo Karlovic e Horacio Zeballos nel 2017, terminato dopo 5 ore e 22 minuti.

Alla luce di questi record, giocatori e appassionati possono chiedersi come il nuovo format contribuirà a eliminare le partite di durata infinita. Riflettiamo sulla domanda pensando alle partite su cui già sono ricaduti i cambiamenti introdotti.

Nel primo turno del tabellone maschile una sola partita è arrivata al super-tiebreak, la battaglia francese tra Jeremy Chardy e Ugo Humbert terminata 10-6 dopo 4 ore e 9 minuti. Al secondo turno, due partite hanno avuto lo stesso destino. In una, l’attira tiebreak Reilly Opelka ha perso 10-5 da Thomas Fabbiano in appena 3 ore e 32 minuti. Nell’altra, Nishikori l’ha scampata dopo 3 ore e 52 minuti contro Ivo Karlovic, vincendo 10-7.

Sono partite che sarebbero durate più a lungo in una situazione di set decisivo ai vantaggi?

Ci aspettiamo che sia così, ma di quanto?

Come giocatori tipo Karlovic e Opelka dimostrano, è più probabile rimanere invischiati in un’interminabile sequenza di servizi in presenza di due giocatori nella stessa partita che vincono una percentuale simile di punti al servizio. Così è stato per Chardy e Humbert, che hanno vinto rispettivamente il 68% e 70% in media, o Fabbiano e Opelka con il 70% e 73%, o Nishikori e Karlovic con il 74% e 78%. Tutti hanno superato la media del 67% del circuito, aspetto che dà garanzia quasi certa di prolungare il quinto set ad oltranza.

Utilizzando un simulatore di risultati con queste statistiche al servizio otteniamo una stima ragionevole della durata addizionale che quelle partite avrebbero avuto se il set decisivo fosse andato ai vantaggi.

La stima con un simulatore di risultati

L’immagine 1 presenta gli esiti per le partite in cinque set con le statistiche al servizio di Chardy e Humbert. Le linee mostrano la mediana, l’80esimo e il 90esimo percentile, mentre la linea rossa identifica l’effettiva durata della partita. Emerge che anche per un format più corto, la partita tra Chardy e Humbert è stata comunque insolitamente lunga, rientrando quasi tra il 20% di quelle che ci si attende abbiano durata più lunga quando c’è il set decisivo ai vantaggi. Con la durata attesa di 1 partita su 20 al quinto set di almeno 5 ore, c’era una buona probabilità che sarebbe potuta andare peggio di così.

IMMAGINE 1 – Durata attesa della partita tra Chardy e Humbert con il set decisivo ai vantaggi

Il nuovo format ha probabilmente avuto conseguenze più importanti sulla partita tra Fabbiano e Opelka, la cui durata effettiva ricade quasi esattamente nella mediana della durata attesa per una partita di cinque set nel format con il set decisivo ai vantaggi. Questo si traduce in una probabilità del 50% che avrebbe potuto durare più di quanto non abbia fatto.

IMMAGINE 2 – Durata attesa della partita tra Fabbiano e Opelka con il set decisivo ai vantaggi

L’impatto maggiore fino a questo momento è stato per la partita tra Nishikori e Karlovic. Osservando la distribuzione delle durate sulla base delle loro caratteristiche di servizio, possiamo notare come Nishikori possa ritenersi fortunato per l’introduzione della nuova regola. Senza, si sarebbe infatti trovato di fronte al 70% di probabilità di una guerra di nervi di più di 4 ore una volta raggiunto il quinto set contro Karlovic.

IMMAGINE 3 – Durata attesa della partita tra Nishikori e Karlovic con il set decisivo ai vantaggi

L’impatto è già evidente

Sono bastate tre partite per vedere che il nuovo format ha già lasciato il segno nel torneo, ed ha ancora più importanza per quei giocatori con percentuali di punti vinti al servizio superiori al 70%. Può sembrare di poca consolazione per un giocatore che arriva al terzo turno avendo già giocato 9 set, ma meno minuti in campo potrebbero avere un peso per la probabilità di raggiungere la seconda settimana.

Impact of the New Super Tiebreak at the Australian Open

Contrasti: Le belle speranze di Lorenzo Musetti

Per Rivista Contrasti, ho scritto un articolo sulla vittoria di Lorenzo Musetti agli Australian Open Juniores 2019 e sulle sue possibilità di futuro successo tra i professionisti:

[M]usetti ha giocato un torneo impeccabile, gestendo la pressione della testa di serie numero 1 con la solidità di un veterano. Ha sconfitto tre teste di serie, battuto il connazionale Giulio Zeppieri in semifinale e perso il primo e unico set solo in finale contro l’americano Emilio Nava, un avversario con un anno di età in più ed esperienza di tornei Challenger e Futures.

La finale ha riservato le emozioni di una tipica partita molto equilibrata del circuito maggiore, terminata dopo più di due ore nel lungo tiebreak del terzo e decisivo set, in cui entrambi i giocatori hanno avuto almeno un match point. I numeri di Musetti sono stati di tutto rispetto: il 65% di prime di servizio in campo, con cui ha vinto il 71% dei punti, e il 67% di punti vinti sulla seconda. Con 3 soli punti totali a separare i due giocatori (102 a 99 per Musetti), un migliore rapporto tra vincenti ed errori non forzati ha certamente aiutato.

Leggete il resto dell’articolo.

L’impatto del nuovo servizio di Rafael Nadal

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 26 gennaio 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Un paio di anni fa, il nuovo rovescio di un certo svizzero veterano del circuito aveva monopolizzato la conversazione agli Australian Open. Roger Federer vinceva il torneo, e recuperava posizioni in classifica fino a riconquistare il numero 1 del mondo. Il 2019 è iniziato con un’altra mega stella, Rafael Nadal, impegnata a perfezionare la propria relativa debolezza con la ricerca della massima efficenza al servizio.

I primi risultati sono decisamente positivi. Fino alla semifinale, la prima di servizio di Nadal agli Australian Open 2019 ha raggiunto in media i 185 km/h (115 mph), rispetto ai 177 km/h (110 mph) degli US Open 2018. Non ha subito un break in cinque partite di fila, indietro fino al secondo turno, e ha dovuto salvare solo 13 palle break negli ultimi 15 set.

Va detto che non ha affrontato avversari di grande spessore, visto che il tabellone gli ha messo contro solo due teste di serie fuori dai primi 10. Risultati così a senso unico però possono equamente ascriversi al suo dominio. In fondo, ha demolito Stefanos Tsitsipas poco dopo che la promessa greca aveva eliminato Federer.

Alcuni dei numeri al servizio migliori di sempre negli Slam

Le velocità al servizio sono incoraggianti e le vittorie a senso unico un toccasana per il fisico, ma l’attenzione dovrebbe essere sempre rivolta ai punti, e a quanti Nadal ne vince. Su questa base, con il nuovo servizio Nadal ha raggiunto livelli di eccellenza, con alcuni dei numeri al servizio migliori di sempre negli Slam.

In sei partite Nadal ha vinto l’80.9% dei punti sulla prima di servizio (l’altro finalista, Novak Djokovic, ne ha vinti il 77.5%. Sono entrambi numeri superlativi, visto che la media del circuito sul cemento è inferiore al 75%, un valore che comprende il contributo di giocatori molto più dominanti al servizio). Solo due volte Nadal ha fatto meglio in uno Slam sull’erba o sul cemento: agli US Open 2010 con l’83.6% e a Wimbledon 2008 con l’81.3%.

La tabella riepiloga i primi 10 rendimenti al servizio in uno Slam su una superficie veloce fino alle semifinali.

Torneo                 Pt 1^   Pt 2^             
2010 US Open 83.6% 66.9%
2008 Wimbledon 81.3% 64.3%
2019 Australian Open 80.9% 58.0%
2013 US Open 79.5% 64.7%
2017 Wimbledon 79.4% 58.6%
2011 Wimbledon 79.4% 59.4%
2010 Wimbledon 79.3% 61.6%
2006 Wimbledon 77.9% 62.1%
2012 Wimbledon 77.3% 61.5%
2012 Australian Open 76.8% 56.7%

Si può notare una tendenza in cima all’elenco, vale a dire che sono Slam che Nadal ha poi vinto. Gli US Open 2010 sono il primo Slam vinto sul cemento, con una vittoria in quattro set contro Djokovic, la vittoria più dominante sul rivale di lungo corso in uno Slam che non fosse sulla terra battuta.

A Wimbledon nel 2008 è arrivata la prima vittoria sull’erba nella memorabile finale contro Federer. Gli US Open 2013 sono stati un’altra vittoria relativamente lineare contro Djokovic. I risultati nelle varie edizioni di Wimbledon che riempiono la parte bassa sono un po’ gonfiati dalla superficie, ed è significativo che il secondo migliore rendimento agli Australian Open risale al 2012, con un 76.5% di punti vinti sulla prima. Pur non avendo vinto quel torneo, Nadal ha costretto Djokovic a impiegare quasi sei ore per batterlo.

Sono segnali positivi per Nadal che, come minimo, renderanno la finale ancora più interessante nel confronto tra la nuova pericolosità del servizio di Nadal e il sempre brillante gioco alla risposta di Djokovic.

La seconda rimane più attaccabile

Con un campione di solo sei partite però è difficile, analiticamente, avventurarsi oltre. Nadal ha dominato Tsitsipas, ma lo ha fatto appena meglio della loro partita al Canada Masters la scorsa estate. In Australia, ha vinto l’80.3% dei punti al servizio, di cui l’85% sulla prima. Nelle precedenti partite, ha vinto il 78.9% dei punti al servizio di cui il 93.8% sulla prima.

Un paragone più rilevante è quello tra la vittoria al quarto turno contro Tomas Berdych (75.3% dei punti vinti al servizio, 80.4% sulla prima) e le precedenti partite sul cemento (rispettivamente 66.6% e 72.7%). Non vi si può dare però troppo peso visto che non giocavano dal 2015 e Berdych era di rientro da un infortunio.

In finale, i tifosi più pessimisti di Nadal terranno d’occhio la seconda di servizio, che non ha mostrato lo stesso incremento in efficacia della prima. Nelle sei partite degli Australian Open 2019, Nadal ha vinto il 58.0% dei punti sulla seconda, appena sopra alla sua media in carriera negli Slam sul cemento del 57.3%.

Alex De Minaur, il miglior avversario alla risposta tra quelli di Melbourne, ha effettivamente sfruttato questo accenno di debolezza, limitando Nadal a un misero 36.4% di punti vinti sulla seconda. Djokovic è ancora meglio, perché capace di neutralizzare seconde di servizio più potenti di quella di Nadal e quindi creare seria preoccupazione.

Più efficacia e minore durata delle partite

Dovesse portare alla vittoria del titolo, il servizio di Nadal prenderà giustamente buona parte del merito. Non solo ha reso più efficace quell’aspetto del gioco, ma è stato un fattore nella minore durata delle partite e nella conservazione di energia per le insidie del cemento.

Anni fa ho sfidato la saggezza popolare e sostenuto che Nadal potesse raggiungere 17 vittorie Slam. Da allora, Federe ha alzato l’asticella, ma un Nadal con l’arma in più al servizio fa di 20 o 21 un numero mai così realistico (Nadal ha poi perso la finale con il 51% dei punti vinti con la prima di servizio e con il 62% con la seconda, contro rispettivamente l’80% e l’84% di Djokovic, n.d.t.).

The Impact of Rafael Nadal’s New Serve