Cronologia

2019

// Il Metodo Medvedev o i possibili meriti di due prime di servizio (#521)

// La diversità ecologica del tennis femminile (#520)

// La sconfitta di Pliskova lascia spazio a un evento storico nel tennis femminile (#519)

// Una breve spiegazione sull’arrivo in volata alla Laver Cup (#518)

// Il futuro del tennis con un esperimento sul tabellone di Wimbledon 2019 (#517)

// Come Medvedev e Berrettini hanno gestito la pressione agli US Open (#516)

// La disparità di trattamento che viene ignorata (#515)

// Il destino delle finaliste di Slam juniores (#514)

// Andreescu, Medvedev e il futuro secondo Elo (#513)

// I 19 Slam di Nadal, alla maniera di Marcel (#512)

// Verso una nuova distribuzione d’età bimodale agli US Open (#511)

// Ci sei Margaret? Sono io, Serena (#510)

// Una misura dell’impatto delle palle break (#509)

// Il destino dei finalisti di Slam juniores (#508)

// La fortuna del sorteggio: US Open 2019 (donne) (#507)

// La fortuna del sorteggio: US Open 2019 (uomini) (#506)

// Fare previsioni sul migliore di sempre con l’aiuto di una scimmia (#505)

// Chi ha un vantaggio alla vigilia degli US Open? (#504)

// Una statistica per le partite assolutamente da non perdere (#503)

// Per lo Slam numero 24, Serena ha bisogno di più sfide (#502)

// Quali giocatori potrebbero essere più efficienti con il challenge? (#501)

// L’immersione di Infosys in piscina (#500)

// C’è sempre una possibilità, anche per Marie Bouzkova (#499)

// Unicorni nel circuito femminile (#498)

// L’incoraggiante anticonformismo di Elina Svitolina (#497)

// Anatomia della prova di forza al servizio di Alex de Minaur (#496)

// Come Ashleigh Barty è diventata la più forte del mondo (#495)

// Federer non è stato dominante nei momenti chiave, ma ci è andato vicino (#494)

// Basta a Federer un rovescio tornato normale? (#493)

// 6000 partite! (#492)

// L’effetto generato dalla velocità del servizio di Serena (#491)

// Scompare l’erba, ma non la velocità (#490)

// La lentezza del campo potrebbe determinare l’esito del quarantesimo scontro tra Federer e Nadal (#489)

// Sì, Wimbledon è più lento quest’anno (#488)

// Quanto è forte Cori Gauff al momento? (#487)

// Il problema è nella velocità della prima di Zverev? (#486)

// Lasciate che Bernie si tenga i soldi (#485)

// Il gioco a rete è diminuito, ma la ragione è un’altra (#484)

// La disputa sbagliata (#483)

// La fortuna del sorteggio: Wimbledon 2019 (donne) (#482)

// La fortuna del sorteggio: Wimbledon 2019 (uomini) (#481)

// Due meno tre = x (#480)

// Sono tutti d’accordo, serve un Master 1000 sull’erba (#479)

// Teste di serie e tabelloni negli Slam (#478)

// La sorprendentemente semplice verità sulle wild card (#477)

// Identificare chi è sottovalutato attraverso Elo per i circuiti minori (#476)

// La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2019 (uomini) (#475)

// La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2019 (donne) (#474)

// La crescita da professioniste delle vincitrici di Slam juniores (#473)

// La crescita da professionisti dei vincitori di Slam juniores (#472)

// Un semplice classificatore di stili di gioco alla prova (#471)

// Una storia dei tabelloni femminili al Roland Garros in cui chiunque poteva vincere (#470)

// Sara Errani sull’orlo del precipizio (#469)

// Roger Federer, vincitore della lotteria (#468)

// Questi giocatori sono simili tra loro? (#467)

// L’effetto della fortuna nei tiebreak (#466)

// Chi subisce di più la pressione del tiebreak (#465)

// Il costo di un doppio fallo (#464)

// Salite e discese nelle prime settimane di terra battuta (#463)

// Di nuovo sull’uso delle statistiche della partita per classificare gli stili di gioco (#462)

// Un avvio inatteso della stagione europea sulla terra (#461)

// Cosa possono dire le statistiche della partita sugli stili di gioco? (#460)

// La giocatrice di tennis più prevedibile (#459)

// Around the Net, numero 8 (#458)

// Il futuro di Felix Auger-Aliassime nelle dinamiche d’invecchiamento del tennis maschile (#457)

// Un confronto tra i tornei sulla terra battuta della stagione 2018 (#456)

// Un’interpretazione grafica di Elo (#455)

// Chi ha reso di più sotto pressione nel mese di marzo (#454)

// Tutto su Radu Albot (#453)

// Il futuro di Bianca Andreescu nelle dinamiche d’invecchiamento del tennis femminile (#452)

// Around the Net, numero 7 (#451)

// Come si comportano al servizio giocatori e giocatrici dopo un doppio fallo (#450)

// Le ripercussioni degli scontri diretti in campo femminile (#449)

// Le ripercussioni degli scontri diretti in campo maschile (#448)

// Around the Net, numero 6 (#447)

// Il divario tra uomini e donne nel doppio misto (#446)

// Velocità del servizio contro precisione (#445)

// Around the Net, numero 5 (#444)

// Dominic Thiem, Tennys Sandgren e l’adattamento al contesto del torneo (#443)

// La strada che porta a 110 titoli (#442)

// Sotto pressione, Nick Kyrgios è davvero un giocatore diverso (#441)

// Around the Net, numero 4 (#440)

// Chi ha reso di più sotto pressione nel mese di febbraio (#439)

// Pronostici maschili per la vittoria a Indian Wells (#438)

// Pronostici femminili per la vittoria a Indian Wells (#437)

// I video più ricercati dal Match Charting Project (#436)

// Nick Kyrgios è più prevedibile di quanto si pensi (#435)

// Il miglior tabellone che i soldi possono comprare (#434)

// Around the Net, numero 3 (#433)

// Belinda Bencic ha vinto un torneo storicamente difficile, ma non era quello di Dubai (#432)

// La ricetta di Aliaksandra Sasnovich per le ciambelle (#431)

// Il metodo migliore per determinare la pressione al servizio (#430)

// Around the Net, numero 1 e 2 (#429)

// Tendenze al servizio sulle palle break nel circuito maschile (#428)

// Gli scambi si allungano con l’avanzare della partita? (#427)

// Le prime cinque vittorie sul circuito maggiore di Juan Ignacio Londero (#426)

// Esiste un calo emotivo dopo una finale ATP? (#425)

// Le sconfitte a sorpresa delle teste di serie numero 1 nei 250 (#424)

// Il Match Charting Project raggiunge e supera le 5000 partite (#423)

// La resistenza di Ivo Karlovic e la chiave dell’invecchiamento nel tennis maschile (#422)

// Il cambio della guardia agli Australian Open 2019 è supportato dai numeri? (#421)

// Altro Slam, altro inutile cronometro al servizio (#420)

// Novak Djokovic e una corsa agli Slam sempre più ravvicinata (#419)

// L’impatto del nuovo super-tiebreak agli Australian Open 2019 (#418)

// Contrasti: Le belle speranze di Lorenzo Musetti (#417)

// L’impatto del nuovo servizio di Rafael Nadal (#416)

// L’attuale configurazione di Petra Kvitova (#415)

// La strana debolezza della seconda di servizio di Naomi Osaka (#414)

// Naomi Osaka e la garanzia del primo set (#413)

// Danielle Collins e le sorprendenti semifinaliste di Slam (#412)

// I margini ridotti di Frances Tiafoe (#411)

// Dayana Yastremska colpisce più forte di voi (#410)

// Lo Slam felice è anche quello veloce (#409)

// Uno sguardo ravvicinato alle strategie nel tiebreak (#408)

// L’arma segreta di Mackenzie McDonald (#407)

// Le costose conseguenze dei doppi falli di Kasatkina (#406)

// Fate attenzione a Tomas Berdych (#405)

// I Fantastici Quattro e le frazioni di titolo Slam (#404)

// Una riattribuzione delle teste di serie agli Australian Open 2019 (#403)

// La fortuna del sorteggio: Australian Open 2019 (#402)

// La settimana decisamente positiva di Bianca Andreescu (#401)

2018

// Un rivisitazione della componente mentale nel tennis (#400)

// I match point di Simona Halep (#399)

// I giocatori di vertice non sempre hanno la frequenza di ace più alta (#398)

// Cose di tennis che non sapevo su Luca Vanni (#397)

// La giusta quantità di servizio e volée (#396)

// Chi ha giocato i set a maggiore e minore pressione del 2018? (#395)

// Jurgen Melzer e i singolaristi che s’interessano anche del doppio (#394)

// Finali di stagione Gruppo Hewitt, le probabilità delle semifinali (#393)

// Finali di stagione Gruppo Kuerten, le probabilità delle semifinali (#392)

// Le partite più competitive del 2018 valutate in termini di pressione (#391)

// Finali Next Gen Gruppo B, le probabilità delle semifinali (#390)

// Finali Next Gen Gruppo A, le probabilità delle semifinali (#389)

// Djokovic torna numero 1, ma non ha smesso di salire (#388)

// E se fossimo nel 1988? (#387)

// Statistiche Plus-Minus anche per il tennis (#386)

// Classifica Elo e ATP a confronto nell’ascesa di Daniil Medvedev (#385)

// Ivo Karlovic e il tiebreak d’ordinanza (#384)

// Djokovic e Bertens tra i giocatori che più si sono migliorati nel 2018 (#383)

// L’insolita posizione di Nishikori alla risposta lo rende vulnerabile sul lato sinistro? (#382)

// Il futuro è roseo per Aryna Sabalenka (#381)

// La corsa alla vetta della classifica dei Masters è molto più incerta di quanto si pensi (#380)

// Idee rubate al golf: la Hall of Fame (#379)

// La differenza nei premi partita tra uomini e donne in funzione delle opportunità di guadagno settimanali (#378)

// Jack Sock, di nuovo re del doppio (#377)

// Quanto era veloce la superficie della Laver Cup? (#376)

// Il dominio europeo attraverso simulazioni di Laver Cup fittizie (#375)

// L’impatto dell’utilizzo del cronometro al servizio agli US Open 2018 (#374)

// Un pronostico sulla Laver Cup 2018 (#373)

// L’enigma della velocità di superficie agli US Open 2018 (#372)

// Otto diverse campionesse Slam. Se facessimo nove? (#371)

// Il deludente rendimento di Zverev negli Slam? (#370)

// Differenze fra sessi nell’assegnazione delle penalità (#369)

// Gli US Open 2015 restano ancora i più estenuanti della storia (#368)

// Le semifinali intimidatorie di Juan Martin Del Potro (#367)

// Dominic Thiem nei game al servizio sotto pressione (#366)

// Fare incetta di connazionali (#365)

// Due macchine da servizi, zero tiebreak (#364)

// La partita lotteria fenomenale di Marketa Vondrousova (#363)

// Chi è il Giovanissimo Più Forte Di Sempre? (#362)

// Nadal ha quasi perso un set contro Ferrer? (#361)

// Forse, finalmente, la Next Gen è arrivata (#360)

// Prime considerazioni sul cronometro al servizio dopo il torneo di Cincinnati (#359)

// Le parità interminabili nei game, tra cui i 28 punti al servizio di Gerald Melzer (#358)

// Le difficoltà di Simona Halep nei primi turni degli Slam (#357)

// Come la superficie incide sul rendimento dei giocatori (#356)

// Cosa può dire il caso di Grega Zemlja sul tennis americano? (#355)

// Un modello per il confronto tra tornei dei primi due mesi di stagione (#354)

// Si può dare la colpa al sintetico per l’imprevedibilità della stagione sull’erba? (#353)

// La classifica dei primi 100 alla luce delle modifiche al punteggio dei Challenger in vigore dal 2019 (#352)

// Un confronto tra i tornei della stagione 2018 sull’erba (#351)

// La competitività del circuito femminile può spiegare il bizzarro andamento di Wimbledon 2018? (#350)

// Idee rubate al golf: il consolidamento (#349)

// Idee rubate al golf: posti a sedere e ambientazione* (#348)

// Idee eccentriche: il tennis dovrebbe diventare come il golf? (#347)

// Sul possibile motivo per il quale l’età dei giocatori è in crescita (#346)

// Jiri Vesely è molto forte al servizio (o è simile a Gilles Muller)? (#345)

// L’avversione di Pablo Carreno Busta per l’erba (#344)

// La novità storica delle sconfitte nei primi turni delle teste di serie a Wimbledon 2018 (#343)

// Sull’erba nessuno come Federer (#342)

// Le giocatrici con le migliori prospettive per la prima vittoria di uno Slam a Wimbledon (#341)

// Evgeny Donskoy e la Quadrupla A (#340)

// Le partenze di stagione nel doppio maschile e il caso di Marach e Pavic (#339)

// Quando essere aggressivi o conservativi (#338)

// Breve analisi degli scambi incrociati (#337)

// Gli specialisti sono una razza in via di estinzione? (#336)

// Le sospensioni di una partita incidono sull’esito finale? (#335)

// Tutto quello che avete sempre desiderato sapere sul cammino di Cecchinato verso la semifinale del Roland Garros (#334)

// La freschezza è un fattore al Roland Garros? (#333)

// Analisi di una rivalità da una partita che non c’è mai stata (#332)

// Alla ricerca del Sock perduto (#331)

// Gestire infortuni e assenze con il sistema Elo (#330)

// Quale tipo di gioco possiamo attenderci da Nadal al Roland Garros? (#329)

// Serena Williams senza la testa di serie nel tabellone del Roland Garros 2018 (#328)

// Chi è migliorato di più tra le teste di serie del Roland Garros 2018 (#327)

// Quale giocatore ha il tabellone “davvero” più duro al Roland Garros? (#326)

// Previsioni per il Roland Garros 2018 (#325)

// Sull’uso delle statistiche del Match Charting Project: Pouille vs Khachanov (parte 2) (#324)

// L’evoluzione di Zverev sulla terra battuta (#323)

// Sull’uso delle statistiche del Match Charting Project: Pouille vs Khachanov (parte 1) (#322)

// Le ultime 156 finali Slam maschili (#321)

// Gli scontri diretti più sorprendenti nella storia del tennis femminile (#320)

// La vorticosa ascesa in classifica di Mihaela Buzarnescu (#319)

// Gli scontri diretti più sorprendenti dell’era Open (#318)

// Nessuna testa di serie ai quarti di finale (#317)

// Rafael Nadal e i risultati migliori di sempre in un singolo torneo (#316)

// A Djokovic servono solo più partite? (#315)

// Il metodo dell’equivalenza tra circuiti (#314)

// Un nuovo livello di efficienza per Nadal (#313)

// Divertente aneddotica dall’Irving Challenger (#312)

// Nadal si appresta a diventare il re della terra battuta anche nel 2018 (#311)

// Strisce negative dei Fantastici Quattro (#310)

// Predominio nei momenti chiave a Indian Wells e Miami 2018 (#309)

// L’invasione di americani al torneo di Houston (#308)

// L’efficienza nelle vittorie di Sloane Stephens (#307)

// L’evoluzione del rovescio di Del Potro (#306)

// Il cambio della guardia è imminente? (#305)

// La WTA è diventata più competitiva (#304)

// Si dovrebbe includere Serena Williams tra le teste di serie? (#303)

// A Indian Wells e Miami, le teste di serie non perdono la testa (#302)

// Previsioni per il Miami Masters 2018 (#301)

// Il movimento analitico del tennis celebra il linguaggio R a Cape Town (#300)

// Quanto è davvero forte Serena Williams come giocatrice di tennis? (#299)

// L’invecchiamento nel circuito maschile non sembra arrestarsi (#298)

// Strisce degne di nota dalla stagione ATP 2017 (#297)

// La WTA sta invecchiando bene (#296)

// La vittoria a Delray Beach è l’inizio di un brillante percorso per Tiafoe? (#295)

// Il caso di Schwartzman, di Verdasco e delle partite consecutive contro lo stesso avversario (#294)

// Dominic Thiem, specialista vecchia scuola della terra battuta (#293)

// Le previsioni Elo migliorano includendo Future e Challenger? (#292)

// Il punto sulla ricerca nella statistica sportiva dalla MIT Sloan 2018 (#291)

// Il gioco alla risposta di Schwartzman è ancora meglio di quanto pensassi (#290)

// Tendenze negli errori delle previsioni Elo (#289)

// Il ventesimo Slam di Federer, quello più facile (#288)

// Note dal primo hackathon del tennis (#287)

// Quando anche le maratone di tennis diventano troppo lunghe (#286)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 22 (sull’effetto scoraggiamento (#285)

// Le serie conseguenze che subiscono i giocatori più forti di fronte a troppo tennis (#284)

// Lo stato di salute del rovescio a una mano (#283)

// Le teste di serie negli Slam: meglio 16 o 32? (#282)

// Come si esprime la scienza su meriti e demeriti dei grugniti (#281)

// Roger Federer: 20 anni, 20 titoli (#280)

// Un confronto tra le prestazioni di alcuni modelli predittivi (#279)

// La striscia vincente in uno Slam dà un vantaggio effettivo? (#278)

// È improbabile rientrare rapidamente ad alto livello dopo un infortunio (#277)

// Una nuova statistica per misurare la fruizione visiva del tennis professionistico (#276)

// Valori di riferimento nell’analisi punto per punto (#275)

// Previsioni per il singolare femminile degli Australian Open 2018 (#274)

// Previsioni per il singolare maschile degli Australian Open 2018 (#273)

// Presente e futuro degli errori (#272)

// L’estenuante calendario maschile sta mietendo vittime al vertice del tennis? (#271)

// I tornei di preparazione a uno Slam e gli altri ATP 250 (#270)

// Cosa succede dopo aver vinto un torneo di preparazione agli Australian Open? (#269)

2017

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 21 (sugli effetti del sentirsi vincenti) (#268)

// I giocatori più forti nel 2017 per rendimento su ciascuna superficie (#267)

// Il numero dei ritiri negli Slam non è preoccupante (#266)

// La potenza analitica di un punto per mille (#265)

// Le giocatrici migliori al servizio e alla risposta nel 2017 (#264)

// Alla ricerca dello smash migliore – Parte 2 (WTA) (#263)

// Alla ricerca dello smash migliore – Parte 1 (ATP) (#262)

// I giocatori migliori al servizio e alla risposta nel 2017 (#261)

// Rendimenti superiori in Coppa Davis (#260)

// I migliori nelle partite al meglio dei cinque set (#259)

// Il vantaggio dei cinque set (#258)

// I giocatori più giovani hanno un rendimento migliore nelle partite più lunghe (#257)

// Ridimensionando la stagione di Federer (#256)

// La fatica è un fattore anche nel tennis? (#255)

// Gli effetti conseguenti all’avere trentadue teste di serie in tabellone (#254)

// Rendimento al servizio e alla risposta secondo il sistema di valutazione Elo (#253)

// Benoit Paire e i casi in cui la classifica è troppo alta per un Challenger (#252)

// David Ferrer e la formula anti invecchiamento (#251)

// Statistiche emozionali a confronto (#250)

// La quasi neutralità del nastro sul servizio (#249)

// Teoria e pratica di ogni risposta (#248)

// Una statistica emozionale e la sua applicazione al singolare maschile degli US Open 2017 (#247)

// La difficoltà (e l’importanza) di trovare il rovescio avversario (#246)

// Una visualizzazione della qualità dei colpi (#245)

// Per una migliore comprensione della risposta efficace (#244)

// Stabilire l’efficacia delle risposte di rovescio (#243)

// Il ruolo pervasivo della fortuna nel tennis (#242)

// Vincenti, errori e disinformazione (#241)

// Partita dopo partita, la fatica si accumula? (#240)

// La capacità di Novak Djokovic di rendere la seconda di servizio inefficace (#239)

// Nel tennis, cosa significa avere la “mano calda”? (#238)

// Come si comportano destri e mancini al servizio nei due lati del campo (#237)

// L’esito di un punto in funzione del punteggio nel game (#236)

// Misurare la fatica in partita (#235)

// La mano calda sul 30-40…al contrario (#234)

// Due prime di servizio sono sempre meglio di una? (#233)

// Una valutazione degli effetti generati dalle situazioni di punteggio (#232)

// SABR-metrica: a sostegno di una risposta iper-aggressiva (#231)

// Aggressività incontrollata (#230)

// Il declino nella qualità degli Slam femminili 2017 (#229)

// Servendo con un miglio orario in più di velocità (#228)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 20 (ancora sul servire per primi) (#227)

// Uno sguardo ravvicinato al rapporto tra vincenti ed errori non forzati (#226)

// Quanto conta l’altezza nel tennis maschile? (#225)

// Un pronostico sulla Laver Cup (#224)

// Il declino nella qualità degli Slam maschili 2017 (#223)

// Una prefazione per il libro su chi è il più grande di sempre (#222)

// Un po’ di ironia con il rapporto nei punti al servizio (#221)

// Denis Shapovalov e le partenze veloci sul circuito maggiore (#220)

// Il tabellone degli US Open 2016 demolirebbe quello degli US Open 2017 (#219)

// Quale era la probabilità di avere quattro giocatrici americane nelle semifinali degli US Open 2017? (#218)

// Quantificare i tabelloni “passeggiata”, o la volta in cui Nadal finalmente ha avuto fortuna (#217)

// Per delle Chiavi del Match più semplici ed efficaci – Gemme degli US Open (#216)

// Quale torneo assegna wild card competitive? – Gemme degli US Open (#215)

// Il mito del primo incontro e delle sue insidie – Gemme degli US Open (#214)

// Lo Slam che nessun giocatore salta – Gemme degli US Open (#213)

// Kevin Anderson sta diventando un giocatore d’élite? – Gemme degli US Open (#212)

// L’incidenza della velocità del servizio – Gemme degli US Open (#211)

// Il tabellone degli US Open è davvero casuale? – Gemme degli US Open (#210)

// Negli Slam, partite più brevi portano al successo finale? – Gemme degli US Open (#209)

// Le conseguenze di un ritiro pre partita – Gemme degli US Open (#208)

// Scegliere un torneo Challenger: un caso studio (#207)

// I giocatori di vertice stanno subendo le conseguenze di troppo gioco? (#206)

// Il predominio in situazione di partita dei componenti della Next Gen (#205)

// Sebastian Ofner e i debutti sul circuito maggiore (#204)

// Le strisce vincenti più sorprendenti nell’era Open del tennis maschile (#203)

// La qualità e profondità del tabellone di un torneo (#202)

// Quota periscopio (#201)

// Uno studio sulle partite Slam 2000-2016 attraverso l’analisi del punteggio (#200)

// Le storie che il semplice punteggio dei set non svela (#199)

// Il Federer del 2017 è molto diverso dal Federer del 2015? (#198)

// Vale la pena perdere una partita per fare le qualificazioni di uno Slam? (#197)

// Chi ha più sorpreso a Wimbledon 2017 (#196)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 19 (sui campioni veri e i punti che contano) (#195)

// Una misura del predomino in situazione di partita (#194)

// Le giocatrici dovrebbero andare a rete più spesso? (#193)

// Servire per primi nei set maratona (#192)

// I migliori nei momenti chiave fino agli ottavi di finale di Wimbledon 2017 (#191)

// Una disamina sul tabellone del torneo di Antalya 2017 (#190)

// I ritiri non significano necessariamente manipolare il sistema (#189)

// Sulla scelta di una mina vagante a Wimbledon (#188)

// Le giocatrici migliori sull’erba al servizio e alla risposta (#187)

// I giocatori migliori sull’erba al servizio e alla risposta (#186)

// I giocatori sono vecchi e i giocatori migliori sono ancora più vecchi (#185)

// Chi ha favorito e sfavorito di più il (o la fortuna nel) sorteggio del tabellone maschile di Wimbledon? (#184)

// Rimbalzi imprevedibili, risultati pronosticabili (#183)

// Una misurazione dell’incidenza della formula per assegnare le teste di serie a Wimbledon (#182)

// Perché Serena Williams non è in nessun modo la numero 700 della classifica maschile (#181)

// Nick Kyrgios e le prime cinquanta partite – Verso Wimbledon (#180)

// Il tabellone maschile di Wimbledon sta invecchiando – Verso Wimbledon (#179)

// Partite a senso unico..doppio – Verso Wimbledon (#178)

// Nick Kyrgios, il giovane Jedi del tiebreak – Verso Wimbledon (#177)

// Raggiungere i quarti di finale di uno Slam senza aver subito break – Verso Wimbledon (#176)

// Qual è la probabilità per il sequel di Isner v. Mahut – Verso Wimbledon (#175)

// La più grande vittoria a sorpresa nella storia recente dello sport – Verso Wimbledon (#174)

// La stagione femminile 2017 ricorda molto l’inizio del 2003 (#173)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 18 (sul servire con palline nuove) (#172)

// Quanto è offensivo il gioco di Jelena Ostapenko? (#171)

// Jelena Ostapenko promette di diventare più della prossima Iva Majoli? (#170)

// Gli scontri diretti hanno valore limitato (#169)

// I debutti tra finalisti nei tornei Slam (#168)

// Il curioso caso di Stanislas Wawrinka (#167)

// I giocatori migliori al Roland Garros 2017 (#166)

// Le giocatrici migliori al Roland Garros 2017 (#165)

// Dominic Thiem e la capacità di ribaltare sconfitte impietose (#164)

// Simona Halep e le rimonte dopo aver annullato uno o più match point (#163)

// Jelena Ostapenko e i risultati eclatanti negli Slam delle giovani promesse (#162)

// Sui punti più importanti, i colpi si accorciano (#161)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 17 (sul sangue freddo dei giocatori di vertice) (#160)

// Ripensare l’assegnazione delle teste di serie per il singolare femminile del Roland Garros (#159)

// L’impatto negativo del tempo trascorso in campo (#158)

// I postumi di una maratona al quinto set (#157)

// Gli errori non forzati e nei momenti sbagliati di Angelique Kerber (#156)

// Il sempre meno pronosticabile circuito femminile (#155)

// Gli effetti di una partita maratona al terzo set (#154)

// Il comportamento sulla terra, nel corso degli anni, dei quattro maggiori contendenti al Roland Garros (#153)

// I migliori alla risposta tra i probabili contendenti per il Roland Garros (#152)

// I migliori al servizio tra i probabili contendenti per il Roland Garros (#151)

// La classifica WTA non funziona bene (#150)

// Dovremmo sorprenderci della stagione che Murray sta avendo sulla terra? (#149)

// I ritiri non dipendono solo dal caldo (#148)

// La strategia di Benoit Paire sulla seconda di servizio (#147)

// Dominic Thiem e la Coppa Davis a Barcellona. O qualcosa del genere… (#146)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 16 (sul sentirsi vincenti e prendere più rischi) (#145)

// Non esiste una rivoluzione analitica nel tennis (#144)

// Anche i giudici sono umani (#143)

// Cosa succede dopo un challenge sbagliato sulla prima di servizio? (#142)

// Quanto vale un challenge? (#141)

// Il potenziale dei dati Hawk-Eye e l’impatto sull’evoluzione del tennis (#140)

// I punti a rete sono la kryptonite di Andy Murray? (#139)

// Le ragioni a favore di una wild card a Parigi per Maria Sharapova (#138)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 15 (sul gioco conservativo sotto pressione) (#137)

// Dominic Thiem può e deve migliorare sul cemento (#136)

// Serena Williams: campionessa e mamma? (#135)

// Quando dominano i giocatori alla risposta (#134)

// La facilità del tabellone di Nadal a Monte Carlo (#133)

// La fiera tradizione nordamericana di saltare Monte Carlo (#132)

// Quanto è agevole il ritorno di Sharapova al vertice? (#131)

// Quale torneo sulla terra ha il miglior campo di partecipazione? (#130)

// Undici buoni motivi per contribuire al Match Charting Project (#129)

// 3000 partite! (#128)

// Guida rapida al Match Charting Project (#127)

// Il 2017 è il miglior inizio di stagione per Federer? (#126)

// Tennis, datti una raffreddata! (#125)

// Le Cinque Grandi Domande sull’analisi statistica nel tennis (#124)

// I giocatori migliori a Miami nei momenti chiave (#123)

// Una nuova idea sui premi partita (#122)

// Nick Kyrgios e la soglia minima nei game di risposta (#121)

// La possibile tenacia della sfortuna nei sorteggi di Del Potro (#120)

// Giocando anche meglio della numero 1 (#119)

// Uomini, donne ed errori non forzati (#118)

// La questione degli errori non forzati (#117)

// L’incidenza del primo set al tiebreak (#116)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 14 (sulla strategia efficiente al servizio) (#115)

// Uno studio sull’avvertimento per violazione temporale (#114)

// Una proposta per regolamentare il rientro da una squalifica (#113)

// Gli effetti (e, forse, anche il vantaggio psicologico) di uno scambio lungo (#112)

// Nella rivalità con Nadal, il rovescio di Federer è diventato un’arma? (#111)

// Il fattore campo nel tennis, parte 3 (le conclusioni) (#110)

// Il fattore campo nel tennis, parte 2 (l’analisi sui singoli paesi) (#109)

// Il fattore campo nel tennis, parte 1 (le premesse) (#108)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 13 (sulla seconda di servizio come misura della bravura) (#107)

// Il rovescio di Federer (#106)

// Il “quarto della morte” a Indian Wells (#105)

// Sotto pressione, il servizio di Nadal è più prevedibile (#104)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 12 (sulla competitività del tennis maschile rispetto a quello femminile) (#103)

// La misurazione della qualità dei colpi applicata ai quarti di finale degli Australian Open 2017 (#102)

// I maestri di marzo (#101)

// La qualità dei colpi nella semifinale degli Australian Open tra Federer e Wawrinka (#100)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 11 (sulle partenze lente) (#99)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 10 (sulla misura della qualità) (#98)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 9 (sul ruolo delle statistiche e del caso fortuito) (#97)

// La precisione delle previsioni del sistema Elo e la velocità della superficie (#96)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 8 (sul break e contro-break) (#95)

// Il tennis del futuro sarà dominato dai giocatori più alti? (#94)

// Come è stata vinta la finale degli Australian Open 2017 (#93)

// Il rovescio di Federer che ha finalmente battuto Nadal (#92)

// Tutti i colori di una finale reale (#91)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 7 (sul doppio fallo) (#90)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 6 (sulla validità del servizio) (#89)

// La fortuna del sorteggio – Australian Open 2017 (#88)

// L’impegno – Australian Open Series (#87)

// La distanza percorsa dalle donne – Australian Open Series (#86)

// La distanza percorsa dagli uomini – Australian Open Series (#85)

// Il primo colpo dopo il servizio – Australian Open Series (#84)

// Scambi vincenti – Australian Open Series (#83)

// La lunghezza dello scambio – Australian Open Series (#82)

// La velocità del dritto a rimbalzo – Australian Open Series (#81)

// Tempo di reazione – Australian Open Series (#80)

// Pressione alla risposta – Australian Open Series (#79)

// Superare la rete – Australian Open Series (#78)

// Colpire le linee – Australian Open Series (#77)

// La velocità del rovescio a rimbalzo – Australian Open Series (#76)

2016

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 5 (ancora sull’importanza dei punti) (#75)

// I 10.466 ace di Ivo Karlovic, con l’asterisco (#74)

// La corsa agli ace, parte 2 (#73)

// La corsa agli ace, parte 1 (#72)

// Nick Kyrgios possiede il gioco alla risposta per entrare (e rimanere) tra i primi 10? (#71)

// A chi giovano i bye? (#70)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 4 (sul settimo game) (#69)

// Serena Williams e la differenza tra le grandi di sempre e la più grande di sempre (#68)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 3 (sull’importanza dei punti) (#67)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 2 (sul servire per primi) (#66)

// Le partite femminili più emozionanti della stagione 2016 (#65)

// I recuperi e l’emozione del tennis misurati con le probabilità di vittoria (#64)

// Il problema della disparità di ricchezza nel tennis (#63)

// Come i guerrieri argentini hanno vinto la Davis in trasferta nonostante il fattore campo (#62)

// Le partite al meglio dei cinque set e l’improbabile crollo di Cilic (#61)

// Due grandi in lizza per il migliore di tutti i tempi (#60)

// Nick Kyrgios è in grado di vincere uno Slam? (#59)

// I 22 miti del tennis di Klaassen & Magnus – Mito 1 (sull’indipendenza dei punti) (#58)

// Sull’erba i mancini fanno meglio? (#57)

// Andy Murray e le strisce vincenti con almeno un break a partita (#56)

// Perché Novak Djokovic è ancora il numero uno (#55)

// Le partite di tennis e il fattore fortuna (#54)

// La crème de la crème: identificare i migliori di ogni categoria (#53)

// Il primo posto della classifica ATP nella storia valutato rispetto al sistema Elo (#52)

// L’impareggiabile talento di Kei Nishikori nei set decisivi (#51)

// Dominic Thiem e i record nel set decisivo per le migliori stagioni nella storia dell’ATP (#50)

// Le tattiche del tennis femminile misurate in termini di gioco offensivo (#49)

// Pronostici di singolare e doppio per le Finali ATP 2016 (#48)

// La palla corta: vale la pena giocarla? (#47)

// Come mantenere alto l’interesse per le partite di Round Robin, seconda parte (#46)

// Come mantenere alto l’interesse per le partite di Round Robin (#45)

// Lasciar giocare sui nastri è privo di senso (#44)

// Cosa succederebbe se la WTA introducesse il super-tiebreak nei singolari? (#43)

// Andrey Kuznetsov e la più alta classifica dei non semifinalisti di un torneo ATP (#42)

// Cercando di interpretare le statistiche sulla distanza percorsa in una partita (#41)

// Fare la differenza nei momenti chiave: una misura del predominio di un giocatore (#40)

// Come il sistema Elo risolverebbe la questione dei punti non assegnati per il torneo olimpico (#39)

// L’erba sta diventando più lenta: un altro sguardo alla convergenza tra la velocità delle superfici (#38)

// Quanto è pericoloso truccare un singolo game di servizio? (#37)

// Quanto costa truccare una partita di tennis (#36)

// Quantificare il predominio di un giocatore nei momenti chiave (#35)

// Un altro sguardo al dibattito sulla migliore stagione di sempre (#34)

// Un WAR per tutte le stagioni (#33)

// Prime riflessioni sulla possibilità di elaborare una statistica WAR per il tennis (#32)

// Le palle break sono più decisive nel tennis femminile (#31)

// Quanto sono decisive le palle break? (#30)

// Il temuto svantaggio al cambio di campo nel tiebreak (#29)

// Chi serve per primo nel tiebreak è avvantaggiato? (#28)

// Un modello pitagorico per il tennis: edizione femminile (#27)

// Le probabilità di chiudere il set al servizio (#26)

// Trasformare il dominio in vittorie: un modello pitagorico per il tennis (#25)

// Quanto è importante il settimo game del set? (#24)

// Le ragioni a favore di Novak Djokovic…e Roger Federer…e Rafael Nadal (#23)

// Il punto critico sul 15-30 (#22)

// Quale valutazione il sistema Elo assegna a Flavia Pennetta e Roberta Vinci, finaliste degli US Open 2015 (#21)

// Quanto è importante il primo punto di ogni game? (#20)

// Le palle break convertite e le partite molto equilibrate che Federer non vince (#19)

// Un nuovo modo di interpretare le partite lotteria (#18)

// Il sogno dei giocatori nati negli anni ’90 è vivo (#17)

// La discutibile saggezza della palla corta (#16)

// Verso una statistica granulare nel tennis (#15)

// Evitare i doppi falli quando più conta (#14)

// La convergenza tra la velocità delle superfici: un’illusione (#13)

// La fortuna del tiebreak (#12)

// Chi eccelle davvero nei tiebreak? (#11)

// Cosa conta nei tiebreak? (#10)

// Le conseguenze del super-tiebreak (#9)

// Guida alle simulazioni predittive (#8)

// Come i giocatori sfavoriti possono vincere il doppio di Wimbledon (#7)

// Guida ufficiale al mio sistema di classifica JRank (#6)

// Tre semplici accorgimenti per migliorare il sistema di classifica dell’ATP (#5)

// Il tallone d’Achille della classifica proposta da Rafael Nadal (#4)

// Bernoulli e il tennis (#3)

// La velocità di ciascuna superficie (#2)

// Le nuove palline del Roland Garros (#1)