L’incoraggiante anticonformismo di Elina Svitolina

di Matt Zemek // Tennis with an Accent

Pubblicato il 19 luglio 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

In un periodo non troppo lontano, sembrava che Elina Svitolina fosse la giocatrice più formidabile e instancabile dell’intero circuito femminile. Mesi dopo il congedo di maternità di Serena Williams nel 2017, Svitolina aveva fatto incetta di titoli Premier 5, e si era presentata al Roland Garros tra le favorite, riuscendo quasi a sconfiggere Simona Halep nei quarti di finale. Aveva anche ottenuto grandi risultati nei tornei estivi di preparazione agli US Open.

L’ascesa

Svitolina aveva dato l’idea di poter diventare il tipo di giocatrice di cui il tennis femminile è alla ricerca, cioè un’atleta che si presenta in forma nella maggior parte delle settimane e che riesce ad arrivare in fondo con continuità.

Considerata la brevità della stagione sull’erba in entrambi i circuiti, nel 2017 Svitolina era in posizione ottimale per dominare il calendario e diventare un riferimento di prestazioni. Anche se non avesse fatto bene a Wimbledon? Escluso il periodo da metà giugno a metà luglio, aveva tutti gli altri mesi per far vedere di essere la migliore.

Alla vigilia degli US Open 2017, Svitolina sembrava sulla rampa di lancio. La dolorosa sconfitta contro Halep a Parigi a maggio — avanti di un set e sul punteggio di 5-1 nel secondo — era stata messa da parte con la vittoria a Toronto. Se al Roland Garros aveva perso il controllo, l’impressione è che lo avesse velocemente riguadagnato in Canada.

Senza Williams a fare la voce grossa e spezzare i sogni delle altre con la potenza del suo servizio, e anno prima dell’entrata in scena di Naomi Osaka — che si sarebbe imposta come elettrizzante giocatrice da cemento in grado di polverizzare la palla e gestire la pressione delle grandi partite — Svitolina aveva la possibilità di diventare una forza con cui fare i conti, a eccezione di Wimbledon.

La caduta

A New York aveva un break di vantaggio contro Madison Keys nel terzo set degli ottavi di finale. In quel preciso istante, la strada per imporre una nuova e più piena consapevolezza negli Slam era chiara. Poi, però, Svitolina è scivolata. Ha perso il break e quattro game di fila, lasciando il set per 6-4 e la partita a Keys, che poi da li è arrivata in finale, un proscenio al quale probabilmente Svitolina sentiva di appartenere.

Da quel momento, ha smesso di essere l’immagine della continuità. Poco ha senso nella sua carriera adesso, ma non è una situazione così negativa come si può pensare. Svitolina è infatti la giocatrice che rappresenta al meglio la volatilità del circuito femminile, un aspetto positivo per quanto imperfetto. Il modesto rendimento del 2019 è più evidente di quello del 2017, ma quando Svitolina gioca bene, fa impressione.

Le finali di stagione 2018 hanno lasciato tutti a bocca aperta, a Singapore e nel resto del mondo. Stava cambiando allenatore ed era all’apparente ricerca del peso di gioco ideale. Nel mezzo di una fase così delicata e di profonda incertezza, ha battuto le altre sette e conquistato il prestigioso torneo, mostrando di saper emergere dal nulla e sbaragliare la concorrenza.

La rinascita?

Così ha fatto a Wimbledon 2019. Pur possedendo la combinazione necessaria a raggiungere una semifinale Slam, non si era mai spinta tanto lontano a Wimbledon. Ha approfittato di un pizzico di fortuna con il ritiro di Margarita Gasparyan al secondo turno, ma non aveva certamente un tabellone da passeggio. Non ha sprecato l’occasione e si è sbarazzata di Maria Sakkari, Petra Martic e Karolina Muchova. Solo la precisione chirurgica di Halep (poi vincitrice del torneo) l’ha fermata, ma si era finalmente assicurata l’approdo in una semifinale Slam. La capacità di essere un elemento positivo inatteso era rimasta intatta.

La più grande sorpresa potrebbe essere ora proprio dietro l’angolo. Riuscirà Svitolina a trasformare il risveglio di Wimbledon in vittorie nella seconda parte della stagione? Ritroverà la forma che aveva nel 2017 per sfruttarla, con maggiore cognizione, agli US Open e poi nelle Finali di stagione?

Svitolina ha perso l’aura che la poneva automaticamente tra le favorite degli opinionisti. È per questo che ripresentarsi con la qualità di tennis del 2017 sarebbe la sorpresa perfetta, l’ultimo dei colpi di scena che minerebbe la “prevedibile imprevedibilità” dello stato attuale del tennis femminile. Vedremo se Svitolina sarà capace di sorprenderci ancora una volta nella trasferta nordamericana (per il momento ha perso nei quarti di finale a San Jose, ed è la testa di serie numero 6 a Toronto con una probabilità di vittoria del 4.9%, n.d.t.).

Elina Svitolina — unconventional can be encouraging