Sì, Wimbledon è più lento quest’anno

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato l’8 luglio 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

I giocatori hanno ragione. L’erba di Wimbledon — oppure le palline, o l’atmosfera, o l’aurea — è diventata più lenta se paragonata agli anni più recenti. Ne hanno parlato in questo senso Roger Federer, Milos Raonic, Boris Becker, Rafael Nadal e molti altri. Raonic pensa che sia l’erba, Nadal le palline. A prescindere dai motivi, i numeri confermano la percezione. La tabella mostra una panoramica di alcuni indicatori di velocità di superficie per i primi tre turni di singolare maschile e femminile a Wimbledon, nelle edizioni dal 2017 al 2019.

                   2017   2018    2019  
Ace (U)            8.9%   10.0%   8.5%  
Ace (D)            4.1%   4.2%    4.1%  
                                         
Non Risp (U)       36.0%  36.6%   33.3%  
Non Risp (D)       25.9%  27.6%   25.2%  
                                         
<=3 Colpi (U)      65.2%  65.6%   61.9%  
<=3 Colpi (D)      55.3%  57.9%   55.0%  
                                         
Scambio medio (U)  3.4    3.5     3.7  
Scambio medio (D)  4.0    3.8     4.1

La seconda coppia di righe, “No Risp”, indica la percentuale di servizi senza risposta. Quella successiva “<=3 Colpi” è la percentuale di punti terminati con uno scambio non superiore ai tre colpi. Per tutte le statistiche considerate, quindi anche gli ace e la lunghezza media dello scambio, i numeri per gli uomini vanno in direzione di condizioni di gioco più lente. Per le donne, la situazione è meno chiara, nel senso che pur facendo pensare a un rallentamento della velocità, il livello di confidenza è inferiore.

Non solo il 2019

Solitamente, numeri aggregati come questi danno un’idea di cosa sta succedendo. Si può sempre fare meglio di così. I numeri della tabella non tengono conto della combinazione di giocatori e della durata delle loro partite. Ad esempio, i valori del 2019 sarebbero diversi se ci fosse stato John Isner, invece di Mikhail Kukushkin, al terzo turno. La velocità della superficie avrebbe potuto incidere sul risultato, ma se mettiamo a confronto la frequenza di ace da un anno al successivo, non dovremmo paragonare quella di Isner con quella di Kukushkin.

È qui che torna utile la mia statistica sulla velocità di superficie. Per ogni torneo, tengo conto della combinazione di giocatori al servizio e alla risposta (eh si, anche i giocatori alla risposta hanno incidenza sulla frequenza di ace) per condensare ogni torneo in un solo numero, che identifichi come la frequenza di ace per il torneo si posizioni rispetto alla media del circuito. Per quanto la velocità di superficie sia definita da più della sola frequenza di ace, gli ace sono un buon rappresentante di molti degli altri indicatori e, ancora più importante, sono una delle poche statistiche disponibili per tutte le partite.

L’indice risultante generalmente varia tra lo 0.5, cioè 50% di ace in meno della media, di solito su un campo lento in terra battuta come a Monte Carlo, e l’1.5, cioè il 50% di ace in più della media, su un campo veloce in erba (Antalya) o in cemento al chiuso (Metz). Nell’ultimo decennio, le condizioni a Wimbledon hanno oscillato dalla parte alta dell’intervallo a quella centrale.

Anno     Uomini   Donne   Media  
2011     1.26     1.37    1.31  
2012     1.27     1.06    1.17  
2013     1.29     1.04    1.17  
2014     1.35     1.19    1.27  
2015     1.20     1.16    1.18  
2016     1.06     1.03    1.04  
2017     1.03     1.07    1.05  
2018     1.14     0.98    1.06  
2019     1.04     0.96    1.00 

I numeri per gli uomini sono solitamente più affidabili, perché basati su molti più ace, vale a dire che la frequenza di ace per ogni partita è influenzata meno dal caso. Idealmente, dovremmo assistere a uno spostamento sincronizzato degli indici di velocità maschili e femminili, ma c’è un po di rumore nel calcolo, e gli indici sono anche relativi alla media di quell’anno sul circuito, che dipende in ultimo dal cambiamento nella velocità di una dozzina di altre superfici.

La direzione è chiara

A parte questi caveat, la tendenza ha una direzione chiara. Non c’è una sostanziale differenza tra il 2019 e gli ultimi anni, ma il divario tra la prima e la seconda metà del decennio è drammatico. Ciò che è meno evidente, e che richiederà considerevole ulteriore ricerca, è quanto questo abbia rilevanza. Nel 2014, Nick Kyrgios ha vinto a sorpresa contro Nadal in quattro set, mentre qualche giorno fa il risultato è stato opposto. Quanto è attribuibile alla superficie? Condizioni più rapide avrebbero permesso a Isner di vincere contro Kukushkin? Kevin Anderson contro Guido Pella? O ancora, Jelena Ostapenko contro Su Wei Hsieh?

Per il momento, sono domande che rientrano nel campo della congettura. Ora che siamo in grado di dire che l’erba effettivamente è diventata più lenta, possiamo indirizzare quelle congetture sul destino di alcuni erbivori come Federer, Raonic (che ha perso agli ottavi di finale, n.d.t.) e Karolina Pliskova (che ha perso agli ottavi di finale, n.d.t.). Alla fine delle due settimane di gioco, anche loro, come Kyrgios, potrebbero aver desiderato che fosse di nuovo il 2014.

Yep, Wimbledon is Playing Slower This Year