Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Lo Slam che nessun giocatore salta – Gemme degli US Open

ULTIMI ARTICOLI

Prevedere l’esito dei prossimi cinque anni di Slam con la sfera di cristallo

Pubblicato il 16 ottobre 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // L’anno scorso, ho creato un modello...

È tornata la discesa a rete?

Pubblicato il 2 ottobre 2020 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Se guardando il Roland Garros 2020...

Venti non vuol dire sempre venti

Pubblicato il 12 ottobre 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // C’è sempre più traffico in cima...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (donne)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Come per gli uomini, anche per...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (uomini)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Da diversi anni ormai eseguo simulazioni...

Cosa succede al ritmo di gioco con le nuove regole imposte dalla pandemia

Pubblicato il 31 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // La pandemia COVID-19 ha imposto agli...

Che valore assegnamo ai tornei Masters o Premier vinti nella bolla?

Pubblicato il 30 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Il tennis è ripartito, ma molti...

Mettere un asterisco accanto agli US Open è prematuro, e forse del tutto sbagliato

Pubblicato il 19 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Ci saranno diverse assenze di alto...

Il circuito femminile post COVID-19 sta rientrando alla normalità

Pubblicato il 17 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Negli ultimi due tornei femminili, abbiamo...

Il sospetto che Venus e Serena debbano giocare contro troppo spesso è fondato?

Pubblicato il 12 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Nel torneo di Lexington di questi...

ULTIMI ARTICOLI

Pubblicato il 23 agosto 2012 su TennisAbstract – Traduzione di Edoardo Salvati

// Il quinto articolo della serie Gemme degli US Open.

Rafael Nadal salta gli US Open 2012 e ormai non è più una notizia. Non è nemmeno una sorpresa, visto che Nadal non ha giocato più da Wimbledon 2012 e, in passato, il ginocchio l’ha tenuto a lungo lontano dal circuito.

L’aspetto che più colpisce è la rarità – per un giocatore di vertice – nel saltare gli US Open. Nonostante sia un torneo che si presenta verso la fine della stagione, dopo otto spossanti mesi in cui tutti i giocatori in qualche modo sono colpiti da infortuni, New York riceve più presenze tra i primi 10 del mondo degli altri tre Slam.

Anzi, dal 1991 Nadal è solo il terzo giocatore tra i primi 3 della classifica a saltare gli US Open. Nel 1999, Pete Sampras, numero 1, non potè giocare e, nel 2004, fu il numero 3 Guillermo Coria a rimanere a casa. Solo 10 delle ultime 21 edizioni hanno visto l’assenza di uno dei primi 10 giocatori.

Perché i più forti giocano gli US Open più di altri Slam

È interessante chiedersi perché i più forti vadano a giocare gli US Open come non fanno con gli altri Slam. Wimbledon ha certamente più prestigio. Di sicuro, i diversi cambi di superficie tra tornei primaverili ed estivi mettono alla prova la resistenza fisica e mentale di qualsiasi giocatore. Forse la sospensione leggermente più lunga tra Wimbledon e New York permette ai giocatori di riposarsi, dovessero averne bisogno. La maggior parte dei giocatori gioca i Master in Canada e a Cincinnati ma, come successo quest’anno, in molti sono disposti a saltare uno dei due tornei, a significare che solo un infortunio serio tiene un giocatore fuori dal tabellone degli US Open.

In ulteriore contrasto con la saggezza popolare tennistica, lo Slam con la seconda migliore presenza di giocatori di vertice è il Roland Garros, non Wimbledon. Dal 1991, solo tredici dei primi 10 hanno saltato il Roland Garros, tre dei quali erano in realtà un solo giocatore, Boris Becker.

Wimbledon al terzo posto

Pur venendo considerato sinonimo di tennis, Wimbledon è al terzo posto e ben dietro, con 25 dei primi 10 assenti nelle ultime 22 edizioni. In questo caso i nomi hanno più senso: Alex Corretja tre volte, Marcelo Rios due, Sergi Bruguera quattro volte. Semplicemente, verso la fine degli anni ’90 alcuni giocatori non consideravano Wimbledon un torneo a cui dover partecipare a ogni costo.

Gli Australian Open sono poco più indietro al quarto posto, con 29 giocatori tra i primi 10 che non hanno giocato. Melbourne sembra essere il torneo con meno presa dei quattro Slam, ma negli ultimi anni c’è stata un’inversione di tendenza. Dal 2006 infatti solo un giocatore tra i primi 10, Nikolay Davydenko nel 2009, non ha giocato.

Si può essere quindi indotti a pensare che le assenze dai tornei Slam siano casuali, determinate da infortuni che capitano in qualsiasi momento. Ogni assenza di un singolo giocatore certamente sembra essere motivata da questo. Ci sono però anche forze di ordine superiore – come il valore associato a certi tornei, la maggiore pressione a cui il fisico è sottoposto in alcuni momenti della stagione rispetto ad altri – che sono anch’esse casuali. In un certo e ulteriore modo, Nadal sta facendo vedere di essere un giocatore unico, saltando lo Slam del calendario che nessuno salta.

Aggiornamento

La tabella riepiloga le assenze tra i primi 10 giocatori del mondo nei cinque anni successivi al 2012, quando è stato scritto l’articolo originale. Si nota immediatamente come non solo gli US Open abbiano perso il primato di Slam con più presenze tra i primi 10, ma siano scesi all’ultimo posto, principalmente a causa dei quattro ritiri dell’edizione 2017 (n.d.t.). ◼︎

                2013  2014  2015  2016  2017  TOT
Australian Open    1     0     1     1     0    3
Roland Garros      2     1     1     1     1    6
Wimbledon          0     1     1     1     1    3
US Open            1     1     0     2     4    8

The Slam No One Misses

DELLO STESSO AUTORE

Belinda Bencic ha vinto un torneo storicamente difficile, ma non era quello di Dubai

Pubblicato il 27 febbraio 2019 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Belinda Bencic è tornata ai vertici del tennis...

Effetti della pandemia nel torneo di Palermo?

Pubblicato il 10 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // È più difficile fare previsioni sullo...

Il Match Charting Project raggiunge e supera le 5000 partite

Pubblicato il 6 febbraio 2019 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Siamo di fronte a una pietra miliare....

I 10.466 ace di Ivo Karlovic, con l’asterisco

Pubblicato il 14 agosto 2015 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // La storia è questa: in settimana, Ivo...

La velocità di ciascuna superficie

Pubblicato il 13 settembre 2011 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // In un recente articolo apparso...

Jelena Ostapenko promette di diventare più della prossima Iva Majoli?

Pubblicato il 14 giugno 2017 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Vincere un torneo dello Slam da giovanissima...

Quanto è forte Cori Gauff al momento?

Pubblicato il 7 luglio 2019 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Cori Gauff, la quindicenne rivelazione di Wimbledon...

La settimana decisamente positiva di Bianca Andreescu

Pubblicato il 4 gennaio 2019 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Chi segue il tennis femminile è...

Andreescu, Medvedev e il futuro secondo Elo

Pubblicato il 10 settembre 2019 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Con la vittoria agli US Open,...

Gli effetti conseguenti all’avere trentadue teste di serie in tabellone

Pubblicato il 28 maggio 2014 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // A metà del 2001, il numero di...