La fortuna del sorteggio: Australian Open 2020 (uomini)

di Chapel Heel // HiddenGameOfTennis

Pubblicato il 19 gennaio 2020 – Traduzione di Edoardo Salvati

Come d’abitudine per gli Slam, ho eseguito una simulazione (con la mia variante Elo) di 100.000 configurazioni del tabellone principale, utilizzando lo stesso metodo che gli organizzatori usano per assegnare ai giocatori la loro posizione. L’ho poi confrontata con la previsione per il torneo su base Elo rispetto al tabellone effettivo.

La tabella mette a confronto la previsione effettiva del tabellone con i risultati dalle simulazioni di rimescolamento, in modo da avere alcune indicazioni sull’accessibilità del tabellone effettivo rispetto alle altre configurazioni. Tonalità di rosso (e arancione) evidenziano la sfortuna del giocatore. Al contrario, tonalità di verde rappresentano la fortuna ricevuta nel tabellone effettivo, in riferimento a un particolare turno. Il giallo simboleggia neutralità, e si può di fatto ignorare qualsiasi valore superiore o inferiore allo 0.3%.

Per una presentazione più compatta rispetto al passato, ho riportato nella tabella solo le teste di serie, e organizzato nella tabella successiva quei giocatori fuori dalle teste di serie per i quali c’è stata un’incidenza degna di nota (almeno lo 0.5% di segno positivo o negativo).

Tabellone effettivo e simulato a confronto per le teste di serie

Rispetto a tabelloni casuali, la parte bassa del tabellone principale è più difficile di quella alta. A David Goffin non è andata proprio bene essendo finito nella sezione del giocatore più in forma del momento, Andrey Rublev, che invece è tra i più fortunati, come Matteo Berrettini. Pensavo che la testa di serie numero 8 per Berrettini fosse eccessiva, perché non mi sembra tra i primi otto favoriti, ma so che le teste di serie procedono in automatico. Comunque, ha il tabellone più fortunato tra tutte le teste di serie.

IMMAGINE 1 – Confronto tra tabellone effettivo e simulazioni per le teste di serie

Effetti di rilievo su una selezione di giocatori fuori dalle teste di serie

Kevin Anderson ha giocato abbastanza bene all’ATP Cup. Con un pò di fortuna potrebbe superare un po’ di turni, magari fino agli ottavi. I quarti di finale sembrano troppo ambiziosi. Fresco vincitore del primo torneo, Ugo Humbert non è stato ricompensato con un percorso semplice. Ma non credo farà troppa differenza perché, anche scarico di adrenalina, dovrebbe perdere da John Millman al primo turno.

IMMAGINE 2 – Effetti della casualità del sorteggio su alcune non teste di serie

Luck of the Draw: Australian Open 2020 (Men)