I 19 Slam di Nadal, alla maniera di Marcel

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 9 settembre 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

La distanza si è accorciata. Dopo la vittoria maratona nella finale degli US Open 2019 contro Daniil Medvedev, Rafael Nadal ha raccolto lo Slam numero 19 in carriera, dietro solo ai 20 di Roger Federer. In agguato al terzo posto si trova Novak Djokovic con 16, il favorito agli US Open quest’anno, ritiratosi poi agli ottavi di finale per infortunio.

Appena poche settimane fa, Djokovic appariva come la minaccia più seria per il primo posto di Federer nell’elenco dei vincitori Slam ma, impegnato a riprendersi da una nuova serie di problemi fisici, è Nadal ora ad avere l’abbrivio. Per Federer, che ha compiuto 38 anni a inizio agosto, la prospettiva di aggiungere un altro titolo è sempre più remota.

Recentemente, nel tentativo di prevedere l’evoluzione della classifica Slam, ho ideato un semplice algoritmo, ispirato a Marcel — il sistema di proiezioni del baseball che prende nome della scimmia della famosa serie televisiva “Friends” — così elementare che anche un primate potrebbe usarlo. Le informazioni da considerare sono essenziali: prestazioni nelle semifinali e finali Slam degli ultimi due anni, più l’età. Si scambia ottimizzazione con immediatezza e facilità di comprensione, e i risultati sono incredibilmente affidabili. Per maggiori dettagli sulla metodologia di calcolo e sul rendimento per gli anni passati, potete leggere il precedente articolo.

Risolvete per RN = 19 + x

Prima degli US Open, Marcel sembrava impostato per far arrabbiare il maggior numero di tifosi. Prediceva che, nel corso dei prossimi cinque anni, Djokovic avrebbe vinto quattro Slam, Nadal due e Federer nemmeno uno, lasciando i Grandi Tre in pareggio. Con la conclusione di un altro Slam, le cose sono cambiate. La tabella mostra la nuova previsione, che riflette sia la vittoria di Nadal a New York che un pronostico più roseo per lui dopo aver aggiunto un altro titolo ai risultati più recenti.

Giocatore   Slam  Previsione  Totale  
Nadal       19    3.5         22.5  
Federer     20    0.3         20.3  
Djokovic    16    3.5         19.5

Nadal è ora in corsa per migliorare il totale di almeno tre Slam. Al termine dei cinque anni, avrà forse lasciato Djokovic e Federer nella polvere e ci staremo chiedendo se sarà in grado di raggiungere Serena Williams o anche Margaret Court.

Più previsioni

Questo algoritmo di base consente di generare previsioni di Slam per qualsiasi giocatore che ha raggiunto almeno una semifinale negli ultimi due anni. È importante notare che non cerco di prevedere il totale Slam in carriera, ma solo quanti potrebbero essere vinti nei prossimi cinque anni. Per i Grandi Tre, è ragionevole non preoccuparsi del computo dopo il 2025.
La tabella riepiloga le previsioni attuali per 18 giocatori.

Giocatore       Previsione  
Djokovic        3.5  
Nadal           3.5  
Medvedev        0.8  
Thiem           0.7  
Tsitsipas       0.6  
Berrettini      0.5  
Chung           0.4  
Pouille         0.3  
Edmund          0.3  
Federer         0.3  
Dimitrov        0.1  
Cecchinato      0.1  
Cilic           0.0  
Del Potro       0.0  
Bautista Agut   0.0  
Anderson        0.0  
Nishikori       0.0  
Isner           0.0

La maggior parte di questi giocatori ha solamente una semifinale all’attivo nei due anni passati, ed è l’età a separarli. Sembra logico essere più ottimisti sul futuro negli Slam di Stefanos Tsitsipas (21 anni) che di Roberto Bautista Agut (31), anche se l’algoritmo li pone sullo stesso piano in funzione dei risultati sinora ottenuti, una semifinale negli ultimi 12 mesi.

Cinque anni equivalgono a 20 Slam, e si può notare che la tabella ne tralascia parecchi. Il totale pronosticato è infatti di 10.8 Slam, dando ampio margine di manovra a giocatori che ancora non si sono qualificati, come ad esempio Alexander Zverev e Felix Auger-Aliassime. Sono sicuro che agli US Open 2024 guarderemo alle previsioni di fine 2019 e ci faremo una risata.

Federer manterrà la prima posizione maschile della classifica più santificata nel tennis per almeno quattro mesi. Djokovic sarà probabilmente il favorito agli Australian Open 2020, quindi Federer può godersi almeno nove mesi da unico uomo con 20 Slam. Non serve però un algoritmo, nemmeno il più banale, per identificare il favorito al Roland Garros 2020. Il tennis maschile professionalmente organizzato è rimasto più di un secolo senza un campione con 20 Slam. In meno di un anno, potremmo averne due.

Monkeying Around With Rafael Nadal’s 19 Grand Slams

Ci sei Margaret? Sono io, Serena

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 6 settembre 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

A Serena Williams mancano solo due partite per vincere lo Slam numero 24 (nella notte Williams si è qualificata per la finale battendo Elina Svitolina con il punteggio di 6-3 6-1, n.d.t.). Deve darle fastidio essere ferma a 23 dall’inizio del 2017, visto che il record di sempre è 24. Williams detiene già il record per l’era Open (a partire dal 1968) con una lunghezza su Steffi Graf, vincitrice di 22 Slam. Ma è Margaret Court davanti a tutti, con appunto 24 Slam tra il 1960 e il 1973.

Non c’è dubbio che Williams sia una delle giocatrici più forti di tutti i tempi, forse la più forte in assoluto. Anche Court è parte della conversazione, insieme ad altre luminarie come Graf, Martina Navratilova e Chris Evert. Nel tennis, confronti tra epoche sono estremamente complicati, perché ogni aspetto del gioco è fondamentalmente cambiato. La tecnica, l’allenamento, l’attrezzatura e il calendario di Williams — tralasciando il benessere economico e lo status! — sarebbero del tutto estranei per una stella degli anni ’60 e ’70 come Court.

La tesi dei tifosi di Williams

L’opinione dei tifosi di Williams sulla posizione che dovrebbe occupare nella classifica di tutti i tempi non subisce le limitazioni legate alla difficoltà del confronto tra epoche. A prescindere dal numero di Slam in bacheca, tre sono le tesi principali su cui i suoi sostenitori fanno affidamento:

  • il livello della competizione è decisamente più alto ora di quanto lo fosse in passato
  • Court ha vinto gli Australian Open 11 volte quando erano il più debole dei quattro Slam
  • Court è una sbruffona antipatica con cui è difficile essere d’accordo

La prima affermazione è probabilmente vera, ma se cerchiamo di portare a termine una comparazione tra epoche, credo che l’unica modalità possibile sia di metterle sullo stesso piano. Non sapremo mai che risultati avrebbe avuto Williams con in mano una raccheta di legno, o come Court si sarebbe adattata alla fisicità del gioco moderno. Si può razionalmente sostenere che le giocatrici attuali siano semplicemente più forti di quelle di due generazioni fa, che a loro volta erano più forti di quelle che le hanno precedute, e così via. Ma l’idea stessa di “più grande di tutti i tempi” presuppone ipotesi diverse da “più grande di tutti i tempi secondo gli standard di oggi”. Per questo ogni epoca verrà trattata allo stesso modo.

La terza affermazione è abbastanza comune, ma temo che il mio database non sia di grande aiuto su quel tipo di discussione. Rimane la numero due, cioè la debolezza relativa degli Australian Open.

La facilità australiana

Court ha vinto gli Australian Open 11 volte, più di qualsiasi altro Slam vinto da una giocatrice. Di per sé, non è un aspetto negativo. Nessuno rinfaccia a Rafael Nadal di aver vinto il Roland Garros 12 volte. All’epoca dei dilettanti, e anche negli anni successivi alla professionalizzazione del tennis, gli Australian Open non erano una tappa obbligatoria per le migliori e i migliori del mondo. Le distanze erano enormi e il torneo non aveva ancora acquisito il prestigio odierno. Si fa presto a concludere quindi che la vittoria a Wimbledon 1963 per Court ha più peso di quella dello stesso anno agli Australian Championships. Molti sono certamente d’accordo nel dover ridurre il valore di quegli Australian Open. Di quanto?

Titoli slam ponderati per difficoltà

Tempo fa ho messo a confronto i candidati al titolo di più forte giocatore della storia in funzione del numero di Slam, corretti per il livello della competizione. Nel tennis attuale, il campo partecipanti è quasi identico da uno Slam all’altro, ma il tabellone può aumentare considerevolmente la difficoltà di vincere un torneo rispetto a un altro. Con la stessa metodologia siamo in grado di confrontare la difficoltà del tabellone e la qualità degli avversari per tornei degli anni ’70 in presenza di una variazione di entrambe. Ad esempio, il cammino di Court alla vittoria degli US Open 1973 fu di difficoltà media, in linea con molte delle vittorie di Williams. La conquista degli Australian Open 1973 ebbe una difficoltà di solo due terzi, cioè fu una delle vittorie più facili di uno Slam nell’era Open.

Ogni epoca allo stesso modo

Non è casuale portare ad esempio le ultime vittorie Slam di Court. Analizzando le prestazioni dagli anni ’70, ci avviciniamo al limite della debolezza di dati storici relativi al tennis. E quasi impossibile stimare l’esatto livello di difficoltà di molti dei titoli di Court, proprio per le poche informazioni a disposizione dell’epoca dei dilettanti. Dovremo invece procedere per approssimazione sulla base di quello che abbiamo.

La ponderazione per difficoltà fa leva sulle valutazioni Elo, che ho calcolato fino al 1972 (pur in possesso di risultati abbastanza completi fino a circa il 1970, serve un po’ di tempo per raccogliere un campione di partite accettabile per ciascun giocatore e per una stabilizzazione delle valutazioni). La tabella riepiloga la difficoltà relativa dei quattro Slam nei primi cinque anni, dal 1972 al 1976.

Slam               Difficoltà  
Australian Open    0.60  
Roland Garros      0.54  
Wimbledon          0.99  
US Open            0.85

Dal 1972 a oggi, la difficoltà media di un titolo Slam è 1.0, con valori più alti per vittorie finali più complicate. Il campo partecipanti non era così agguerrito negli anni ’70, quindi tipicamente uno Slam valeva meno di 1.0. In quei primi cinque anni, notiamo che Wimbledon non si discostava dalla media storica, gli US Open erano leggermente più facili e gli altri due Slam molto più accessibili. Se, come detto, decidiamo di trattare ogni epoca allo stesso modo — escludendo la debolezza del tabellone in Australia — dobbiamo normalizzare queste difficoltà in modo che gli altri tre Slam siano in media 1.0.

Slam              Difficoltà
Australian Open   0.76  
Roland Garros     0.68
Wimbledon         1.25  
US Open           1.07

Estrapolazione all’indietro

Non sappiamo molto della qualità delle avversarie agli Australian Open nel periodo di massimo rendimento di Court. In mancanza di meglio, utilizziamo la media del periodo dal 1972 al 1976, perché è quella che più si avvicina. Così facendo probabilmente si sovrastima la qualità del tabellone australiano rispetto agli altri Slam, ma se vogliamo avvicinarci a definire Williams la più grande di sempre a spese di Court, dovremmo partire da ipotesi più conservative in modo da avere più sicurezza sul risultato finale.

La tabella riepiloga la variazione al totale in carriera di Court applicando il correttivo della normalizzazione.

Slam              Difficoltà  # Slam  Correzione  
Australian Open   0.76        11      8.3  
Roland Garros     0.68        5       3.4  
Wimbledon         1.25        3       3.7  
US Open           1.07        5       5.4  
Totale                        24      20.8

Il medesimo esercizio, ponderare ogni Slam per la difficoltà e normalizzare per epoca, ha conseguenze più lievi sui totali di Williams e Graf. Williams arriva a 23.3 e Graf a 21.9. Non abbiamo materiale a sufficienza per cambiare il punto di vista sui successi di queste due giocatrici. Ed entrambe fanno meglio del totale modificato di Court.

Il ristretto gruppo delle più grandi

Non dimentichiamoci che non è un aggiustamento per epoca. Al contrario, abbiamo ipotizzato per semplicità che tutte le epoche siano uguali, tranne che per il fatto che per diversi anni le giocatrici più forti non sono andate fino in Australia, rendendo quello Slam più facile da vincere degli altri.

Inoltre sono numeri che non negano, come era ovvio, che Court non sia una delle migliori. Anche saltando lo Slam casalingo, si sarebbe comunque ritirata con all’attivo 13 Slam, oltre a una manciata di Slam in doppio e a un lungo elenco di trionfi altrove. Se l’Australia non fosse così distante, probabilmente non avrebbe vinto undici volte, ma otto erano alla portata.

Pur di fronte a tutte le sue vittorie, una volta che stabilita la debolezza del tabellone degli Australian Open, Court cede il primo posto della classifica più santificata nel tennis. Viene quantomeno superata da Williams e Graf. Ricordiamoci che siamo in regime di aggiustamenti conservativi: raccogliendo più dati e scoprendo che dovremmo essere più decisi nel ridurre il valore dei titoli da lei vinti in Australia negli anni ’60, il totale potrebbe posizionarla intorno ai 18 Slam, insieme a Navratilova e Evert.

Non sappiamo ancora se Williams riuscirà a eguagliare o superare i 24 di Court. Anche se dovesse ritirarsi avendone vinti 23, per il livello della competizione attuale — come si vede in ogni Slam ogni anno — merita già di essere in cima alla piramide.

Are You There, Margaret? It’s Me, Serena

Fare previsioni sul migliore di sempre con l’aiuto di una scimmia

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 3 agosto 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Dopo la vittoria di Novak Djokovic a Wimbledon, l’attenzione al primato negli Slam è salita alle stelle. Roger Federer è a 20, Rafael Nadal a 18 e Djokovic, ora a 16, è di gran lunga il più forte del mondo sulla superficie dei prossimi due, gli US Open e gli Australian Open. La corsa è assolutamente aperta.

Fare previsioni nel tennis è difficile, anche cercando di pronosticare i risultati delle partite del giorno dopo. Sembra che i giocatori migliorino e peggiorino in modo del tutto casuale, rendendo difficile capire quale sarà la classifica anche a pochi mesi di distanza. Appassionati e tifosi amano perdersi in congetture su chi dei Grandi Tre s’impossesserà della vetta degli Slam, ma troppa incertezza non permette conclusioni definitive.

Si può pensare di costruire una sfera di cristallo con cui analizzare la problematica in modo rigoroso. Prendiamo ad esempio l’età di un giocatore, la probabile durata della carriera, gli eventuali infortuni, il rendimento negli ultimi quattro Slam, la classifica attuale, la bravura degli altri giocatori su ciascuna superficie e altri possibili parametri. Forse si riesce a determinare qualche numero che abbia un senso. E se invece ignorassimo tutto questo, adottando il modello più semplice in assoluto?

Vi presento la scimmia

I patiti di statistiche di baseball hanno familiarità con il sistema di proiezioni Marcel, così chiamato in onore della scimmia nella famosa serie televisiva “Friends”, perché “utilizza meno intelligenza possibile”. Nel caso del baseball, appena tre anni di risultati e una correzione per il fattore età. Non è immune da lacune, e sono evidenti i molti miglioramenti che si potrebbero apportare. Ma, come nel tennis, anche nel baseball le statistiche producono rumore. Per la maggior parte degli scopi, un sistema previsionale “di base” funziona tanto quanto uno più complesso. E, nel corso degli anni, Marcel ha fatto meglio di molti modelli considerevolmente più evoluti.

Applichiamo la logica del mammifero alle previsioni per gli Slam. Per prima cosa, riformulo leggermente la domanda alla ricerca di una risposta più diretta. Invece di prevedere i risultati Slam “in carriera”, mi concentro sulle vittorie per i prossimi cinque anni (includendo, quantomeno a occhio, il cammino completo dei Grandi Tre). Inoltre, nello spirito di Marcel, limito i dati a semifinali, finali e titoli Slam per gli ultimi tre anni, e l’età dei giocatori. Anzi, spengo subito una parte del cervello da scimmia, perché i risultati relativi agli Slam di tre anni fa possiedono scarso potere predittivo. Quindi l’elenco si riduce a due anni di semifinali, finali e titoli Slam, più l’età.

Una buona approssimazione

Il modello che ne consegue è molto valido! Per quei giocatori che hanno raggiunto una semifinale degli ultimi otto Slam, è in grado di prevedere il 40% della variazione nei titoli Slam dei prossimi cinque anni. In assenza di un modello iper-complesso e ottimale, non so esattamente dire dove si posizioni, ma per un orizzonte così lungo prevedere quasi la metà della variazione di risultati Slam giocatore per giocatore è, per me, una buona approssimazione.

Si pensi a tutto ciò che si ignora degli Slam per il 2022, ancor più per il 2024: chi è in attività, chi si è infortunato, chi è migliorato a sufficienza per essere considerato un favorito, quali promesse sono emerse dal nulla, e così via. Voglio dire che anche il modello più perfetto avrebbe molte carenze, quindi non serve stabilire uno standard troppo alto.

Andare dietro alla scimmia

L’algoritmo dei due anni più l’età è così semplice da poter essere eseguito sul retro di una scatola di sigarette (in omaggio al grande fisico Ettore Majorana, n.d.t.). Per il singolo giocatore, si contano le semifinali (vinte o perse), le finali (vinte o perse) e i titoli degli ultimi quattro Slam, e si fa lo stesso per i precedenti quattro. Si considera poi l’età all’inizio dello Slam successivo. Si parte con zero punti e si procede come segue:

  • si aggiungono 15 punti per ogni semifinale degli ultimi quattro Slam
  • si aggiungono 30 punti per ogni finale degli ultimi quattro Slam
  • si aggiungono 90 punti per ogni titolo degli ultimi quattro Slam
  • si aggiungono 6 punti per ogni semifinale dei precedenti quattro Slam
  • si aggiungono 12 punti per ogni finale dei precedenti quattro Slam
  • si aggiungono 36 punti per ogni titolo dei precedenti quattro Slam
  • se il giocatore ha più di 27 anni, si sottraggono 8 punti per ogni anno dopo il 27esimo
  • se il giocatore ha meno di 27 anni, si aggiungono 8 punti per ogni anno fino al 27esimo
  • si divide la somma per 100.

Un test con Djokovic

Finito! Proviamo con Djokovic. Negli ultimi quattro Slam (fino a Wimbledon 2019 incluso), ha vinto tre titoli e raggiunto una semifinale. Dei quattro precedenti, ne ha vinto uno. Agli US Open 2019 avrà 32 anni. Quindi:

  • +60 (15 punti per ognuna delle semifinali negli ultimi quattro Slam)
  • +90 (30 punti per ognuna delle tre finali negli ultimi quattro Slam)
  • +270 (90 punti per ognuno dei tre titoli negli ultimi quattro Slam)
  • +6 (6 punti per la semifinale a Wimbledon 2017)
  • +12 (12 punti per la finale a Wimbledon 2017)
  • +36 (36 punti per il titolo a Wimbledon 2017)
  • -40 (Djokovic ha 32 anni, si sottraggono 8 punti per ognuno dei cinque sopra ai 27).

Sommando, si ottiene 434 che, diviso per 100, genera una previsione di altri 4.34 Slam per Djokovic.

Un nuovo livello di provocazione nella discussione sul più forte di sempre

Avete la mia parola che si tratta di un’analisi totalmente disinteressata. Voglio solo sapere quanto un’accurata previsione Slam di lungo periodo, seppur ridotta all’osso, riesca a essere precisa. Non ho l’intento di farvi perdere i capelli che, temo di dovervi confessare, perderete comunque prima o poi.

Questo è il numero di Slam che il modello prevede per i Grandi Tre tra gli US Open 2019 e Wimbledon 2024:

  • Djokovic, 4.34
  • Nadal, 2.22
  • Federer, 0.26.

Non serve che mostri i calcoli per il passo successivo, ma sapete che non posso esimermi dal farli. Questa è la previsione per il totale in carriera:

  • Djokovic, 20.34
  • Federer, 20.26
  • Nadal, 20.22.

Siccome viviamo in un mondo dove non si vincono frazioni di Slam, abbiamo:

  • Djokovic, 20
  • Federer, 20
  • Nadal, 20

Molto bene…

Torniamo al modello

La previsione di 4.34 Slam per Djokovic è decisamente alta, in linea con un giocatore che ne ha vinti tre degli ultimi quattro. Per ogni anno dal 1971, ho calcolato le previsioni Slam di ciascun giocatore che ha raggiunto una semifinale nei due anni precedenti, un totale di più di 800 previsioni. Solo 14 sono superiori a 4.34, e molte riguardano i Grandi Tre. La tabella riepiloga le prime dieci.

Anno  Giocatore   Età   Previsione   Effettivo     
2008  Federer     26    6.38         5     
2007  Federer     25    5.86         7     
2016  Djokovic    28    5.20         6 *  
2005  Federer     23    4.91         11     
2011  Nadal       24    4.89         5     
2006  Federer     24    4.86         10     
2017  Djokovic    29    4.79         4 *  
2012  Djokovic    24    4.68         8     
1989  Wilander    24    4.65         0     
1988  Lendl       27    4.56         2

* conteggio che potrebbe ancora aumentare

Sono previsioni basate sui dati disponibili all’inizio dell’anno che compare nell’elenco. La prima riga, Federer 2008, si riferisce alla previsione per Federer dei titoli Slam per il periodo dal 2008 al 2012, in funzione del rendimento nel 2006 e 2007 e sull’età agli Australian Open 2008. Se avessi concepito il modello a quel tempo, la previsione si sarebbe attestata intorno alla mezza dozzina di Slam. Federer ne ha vinti cinque.

Ci sarà sempre molto rumore statistico agli estremi di modelli come questi. All’inizio del 2005, l’algoritmo avrebbe assegnato a Federer “solo” cinque dei successivi venti Slam. Invece, ne vinse ben 11. Faccio fatica però a credere che ci fosse stato anche un modello talmente ottimistico da indovinare la doppia cifra. L’edizione 1989 del modello invece sarebbe stata generosa in senso opposto con Mats Wilander, che nel 1988 aveva fatto tre quarti di Slam. Tristemente per lo svedese, un gruppetto di giovanissimi gli passò avanti e non raggiunse più nemmeno una finale.

Diamo uno sguardo anche alle successive dieci previsioni più rosee, e alla stima attuale per Djokovic.

Anno  Giocatore   Età   Previsione   Effettivo     
2010  Federer     28    4.48         2     
1981  Borg        24    4.47         1     
1996  Sampras     24    4.47         6     
1975  Connors     22    4.45         2     

Att.  Djokovic    32    4.34         0 *  

1980  Borg        23    4.28         3     
2013  Djokovic    25    4.24         7     
2009  Federer     27    4.20         4     
1995  Sampras     23    4.16         7     
2009  Nadal       22    4.12         8     
1979  Borg        22    4.09         5

* conteggio che potrebbe ancora aumentare

Di nuovo molto rumore, con risultati tra 0 e 8 Slam. Però, la media delle altre dieci previsioni in elenco è di 4.5 Slam, esattamente in linea con la precedente previsione per Djokovic.

Slam che mancano…

Il modello prevede che i Grandi Tre vincano circa sette dei prossimi venti Slam. Giustamente vi chiederete: e gli altri tredici? La scimmia considera solo i giocatori con una semifinale negli ultimi otto Slam, quindi la somma complessiva non dovrebbe fare venti. Esiste la possibilità che vincitori del 2023 e 2024 non siano ancora nel radar, e molti dei giovani sulla bocca degli opinionisti —come Alexander Zverev, Felix Auger-Aliassime e Daniil Medvedev — non hanno ancora raggiunto una finale Slam. La tabella riepiloga i giocatori per i quali è possibile fare una previsione.

Giocatore         Previsione Slam  
Djokovic          4.34  
Nadal             2.22  
Thiem             0.71  
Tsitsipas         0.63  
H. Chung          0.38  
Pouille           0.31  
Edmund            0.30  
Federer           0.26  
Del Potro         0.19  
Cecchinato        0.06  
----------------  ----  
TOTALE            9.40

* Per gli altri cinque giocatori con una semifinale 
dagli US Open 2017 la previsione di titoli Slam è zero

Sono consapevole che Lucas Pouille e Hyeon Chung non hanno più probabilità di vincere uno Slam di quante ne abbia Federer. Ma sono (relativamente) giovani e il modello riconosce a molti giocatori che hanno raggiunto una semifinale Slam all’inizio della carriera la capacità di gettare le basi sul quel successo.

Oltretutto, ci stiamo perdendo molti Slam. Se la previsione complessiva è corretta, quei giocatori vinceranno meno della metà dei prossimi venti Slam, lasciando almeno dieci titoli a giocatori che ancora devono arrivare a un quarto di finale Slam.

…e il fattore età

Se vi ricordate, ho proceduto a ritroso nelle previsioni per ciascun intervallo di cinque anni fino al 1971-1975. Su 44 anni dall’avvio delle stagioni tra il 1971 e il 2014, il modello tipicamente ha previsto che i giocatori di cui aveva dati — vale a dire quelli con semifinali Slam nei precedenti due anni — avrebbero vinto 13 dei successivi 20 Slam. In realtà, i giocatori nel radar hanno vinto in media 12 Slam nei cinque anni a venire.

È solamente negli ultimi anni che il numero totale di Slam previsti è sceso sotto i 10. La colpa è dell’età: come detto, per correggere per l’età si sottraggono 8 punti (0.08 Slam) per ogni anno oltre i 27. Per Djokovic e Nadal si tratta di una penalizzazione di 0.4 Slam, mentre sono 0.8 gli Slam cancellati dalla futura bacheca di Federer. Accade che il modello prevede il calo di rendimento dei Grandi Tre, e al contempo non ci sono molti giovani (come Pouille e Chung) nell’elenco in grado di compensarlo.

Nuove curve d’invecchiamento

L’interpretazione delle previsioni per i Grandi Tre alla luce degli Slam “mancanti” dipende da un paio di elementi:

  • la curva d’invecchiamento per le mega stelle è cambiata? I 30 sono i nuovi 25, o i 32 i nuovi 27?
  • la nuova generazione di giocatori riuscirà a essere forte abbastanza in fretta da scardinare la presa dei Grandi Tre?

C’è abbondanza di prove a dimostrazione di una modifica della curva d’invecchiamento, dovremmo cioè aspettarci risultati migliori dai trentenni di questa epoca rispetto a quanto accadeva negli anni ’80 e ’90. Questo ridurrebbe gran parte del divario. Ipotizziamo di spostare l’età di massimo picco a 31 anni, quattro in più rispetto alla media maschile di 27 per l’era Open. Così facendo aggiungiamo 0.32 Slam alla previsione di ogni giocatore, probabilmente aumentando di uno il computo previsto per i Grandi Tre. Complessivamente, vorrebbe dire portare il totale della precedente tabella a un po’ più di tre Slam addizionali, avvicinandosi alla media storica di 13 Slam. La variazione di età non sbroglia però la matassa dei Grandi Tre, perché li riguarda allo stesso modo. Solo, essere in parità a 21 Slam diventa leggermente più probabile che esserlo a 20 Slam.

La difficoltà di prevedere il livello di competizione

La seconda domanda è quella più importante, ma anche la meno pronosticabile. Pur risolvendo l’ostica incombenza di arrivare a conoscere il rendimento del singolo giocatore tra tre, quattro o cinque anni (e a volte, come nel caso di Nick Kyrgios, anche domani), rimarremmo comunque con l’ancora più difficile questione di prevedere il livello della competizione.

Nel 2003, la scimmia sarebbe stata convinta che i giocatori di vertice del momento, quelli che avevano raggiunto semifinali Slam nel 2001 e 2002, avrebbero raccolto 13 Slam tra il 2003 e il 2007. Erano 2.5 per Lleyton Hewitt, più uno a testa per Thomas JohanssonAlbert CostaPete SamprasMarat SafinDavid NalbandianJuan Carlos Ferrero. Questi sette giocatori ne hanno poi vinti solo due. L’intero gruppo di venti giocatori meritevoli di previsioni alla vigilia degli Australian Open 2003 ne ha vinti solo 3.

Non riusciremo probabilmente mai a stabilire con esattezza la bravura di quel gruppo rispetto ad altre epoche. La certezza che abbiamo è che nessuno è stato forte quanto Federer tra il 2003 e il 2005 e che, alla fine del periodo di cinque anni, anche Nadal è entrato a dominare la scena (solo Nalbandian era tra i primi 10 in classifica alla fine del 2007). La generazione degli Zverev/Tsitsipas/Auger-Aliassime/etc non raggiungerà l’apice toccato dai Fantastici Quattro, ma l’andamento dei prossimi venti Slam dipenderà più da loro che dalla (relativamente) più prevedibile traiettoria di carriera di Djokovic, Federer e Nadal.

Non ci rimane che un mucchio di incertezze già note ed errori con una parabola più ampia di un rovescio steccato di Federer. Però, rispetto a quanto sappiamo, la vetta della classifica Slam di tutti i tempi diventerà ancora più affollata.

Così parlo la scimmia.

GOAT Races: Forecasting Future Slams With a Monkey

C’è sempre una possibilità, anche per Marie Bouzkova

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 10 agosto 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Marie Bouzkova, numero 91 del mondo e passata dalle qualificazioni, ha battuto ai quarti di finale di Toronto la numero 4 Simona Halep, che si è dovuta ritirare per un infortunio alla gamba dopo aver perso il primo set. C’è quindi un asterisco: anche se fossimo pronti ad attribuire più importanza a una singola partita di quella che richiede, non daremmo grande significato a questa.

Si tratta comunque di un risultato di prestigio per la ventunenne della Repubblica Ceca, che ha eliminato la seconda giocatrice tra le prime 10 della settimana, arrivando alla prima semifinale in carriera in un torneo Premier, contro niente di meno che Serena Williams (perdendo però in tre set, dopo aver vinto il primo per 6-1, n.d.t.)

Qualcosa di strano

Era la partita numero 62 del 2019 per Bouzkova, la numero 61 contro una giocatrice in possesso di classifica ufficiale. Ha vinto contro la più forte che abbia incontrato quest’anno, Halep, ma ha perso appena la settimana scorsa contro CoCo Vandeweghe, la numero 636 e l’avversaria con la classifica più bassa.

C’è un altro asterisco: Vandeweghe è al rientro da un infortunio, è sicuramente a un livello più alto di quello attuale e le stranezze del circuito Transition della federazione internazionale non hanno consentito al sistema di classifica di riflettere nel 2019 lo stato dell’arte come in passato. Alcune giocatrici che avrebbero normalmente una classifica molto bassa, come ad esempio la wild card del Kazakistan che Bouzkova ha demolito un paio di settimane fa, non contano.

Rimangono in ogni caso 61 partite, di cui una vittoria contro la giocatrice dalla classifica più alta e una sconfitta contro quella dalla classifica più bassa. Una ricerca nel mio database ha rivelato molte altre simili sorprese. Tornando indietro per meno di dieci anni, fino al 2010, ho trovato 127 giocatrici che hanno ottenuto una combinazione identica di risultati all’interno della stessa stagione, con almeno trenta partite giocate (per coerenza, ho incluso i ritiri quando si era concluso almeno un set).

Se alcune non sono di grande interesse — è il caso ad esempio di Mira Antonitsch che l’anno scorso non ha giocato contro avversarie tra le prime 400 — 63 delle 127 hanno battuto una tra le prime 100, 44 hanno battuto una delle prime 50 e 25 hanno avuto il lusso di una vittoria a sorpresa contro una delle prime 10. Halep è stata la vittima delle prime 10 in ben tre occasioni!

Le limitazioni del sistema ufficiale

Questo fa di Bouzkova la quarta giocatrice in una stagione (quantomeno di otto mesi) ad aver battuto Halep, a non aver giocato contro una giocatrice dalla classifica più alta e ad aver anche perso con la giocatrice più bassa in classifica. Halep non deve rimanerci troppo male, visto che Angelique Kerber è stata dalla parte della sconfitta più alta per cinque volte, di cui quattro nel 2017. Non bene!

La tabella elenca le 25 giocatrici-stagione tra il 2010 e il 2018 che hanno battuto la più alta in classifica e perso dall’avversaria più bassa.

Anno  Giocatrice   Più alta    Class  Più bassa    Class       
2017  Kasatkina    Kerber      1      Kanepi       418      
2018  Hsieh        Halep       1      Gasparyan    410      
2010  Jankovic     Serena      1      Diyas        268      
2010  Clijsters    Wozniacki   1      G-Vidagany   258   *  
2014  Cornet       Serena      1      Townsend     205      
2010  Yakimova     Jankovic    2      Dellacqua    980      
2017  Bouchard     Kerber      2      Duval        896   *  
2017  Vesnina      Kerber      2      Azarenka     683      
2016  Bencic       Kerber      2      Boserup      225      
2014  Rybarikova   Halep       2      Eguchi       183      
2017  Mladenovic   Kerber      2      Andreescu    167   *  
2018  Goerges      Wozniacki   3      Serena       451      
2014  Tomljanovic  Radwanska   3      A Bogdan     308      
2015  Mladenovic   Halep       3      Savchuk      262      
2017  Kerber       Pliskova    4      Stephens     934      
2014  Pavlyu'ova   Radwanska   4      Wozniak      241      
2017  Dodin        Cibulkova   5      Rybarikova   453      
2017  Bellis       Radwanska   6      Azarenka     683      
2018  Buyukakcay   Ostapenko   6      Di Sarra     555      
2017  Sakkari      Wozniacki   6      Potapova     454      
2015  L Davis      Bouchard    7      E Bogdan     527      
2015  Ostapenko    S-Navarro   9      Dushevina    1100  *  
2016  KC Chang     Vinci       10     S Murray     862      
2018  Pera         Konta       10     Hlavackova   825      
2018  Danilovic    Goerges     10     Pegula       620

* 1 avversaria senza classifica

Basta poco per accorgersi che Vandeweghe non è la prima giocatrice con bassa classifica a suscitare una reazione del tipo “si, ma…”. Questo gruppo di avversarie apparentemente deboli è in realtà molto forte visto che contenere giocatrici con una classifica media fuori dalle prime 500. Ci sono stelle come Victoria Azarenka (per due volte) e Serena, oltre a promesse come Bianca Andreescu e Victoria Duval.

Consideriamolo il richiamo quotidiano alle limitazioni della classifica generata dalla WTA, che indica quali giocatrici hanno vinto molte partite nelle ultime 52 settimane, ma non necessariamente chi stia giocando bene.

Divergenze estreme ma non troppo rilevanti

Siamo di fronte ad alcune delle divergenze più estreme tra le posizioni espresse dal sistema ufficiale e la bravura sul campo in uno specifico momento. Non credo che essere in questo elenco abbia particolare rilevanza, tranne forse che le molte presenze di Keber (sia da giocatrice che da scalpo!) siano una sintesi efficace della delusione della sua stagione 2017.

Bouzkova rimarrà in elenco per almeno ancora altri due giorni, visto che Serena è fuori dalle prime 10 e le altre due semifinaliste hanno una classifica più bassa, facendo sì che Halep sia stata l’avversaria più “difficile” (nell’altra semifinale Andreescu ha battuto Sofia Kenin per 6-4 7-6, n.d.t.). E, nonostante la settimana di ottimo tennis, è comprensibile che Bouzkova possa sentirsi disorientata quando dalla parte opposta della rete c’è una giocatrice che ha vinto 23 Slam (per quanto, come visto, pur nella sconfitta Bouzkova ha dominato il primo set, n.d.t.). Una cosa è certa: Bouzkova è indifferente al numero che compare accanto al nome dell’avversaria.

There’s Always a Chance: Marie Bouzkova Edition

Roger Federer, vincitore della lotteria

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 16 maggio 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Battendo Borna Coric nel terzo turno degli Internazionali d’Italia a Roma con il punteggio di 2-6 6-4 7-6(7), Roger Federer ha generato statistiche davvero insolite. I suoi 95 punti vinti contro i 107 di Coric equivalgono a un percentuale di punti vinti sul totale (PVT) del 47%, non inedita per il giocatore che vince, ma ai limiti delle effettive possibilità. L’indice di dominio (Dominance Ratio o DR) di Federer – cioè il rapporto tra i punti vinti alla risposta e quelli persi al servizio – è di 0.78, con 1.0 che rappresenta una situazione in cui i punti sono equamente distribuiti. Ha vinto solo 24 volte in carriera con un DR inferiore a 1.0, ed era la prima dal 2015. Occorrenze di questo tipo vengono spesso definite come “partite lotteria”, perché sul risultato incide più fortuna del solito.

Non solo Federer ha vinto con una PVT minore del 50% e un DR inferiore a 1.0, ma in ciascuno dei set ha ottenuto numeri ancora più bassi. Ha vinto 23 punti su 55 (41.8%) nel primo, 31 su 64 (48.4%) nel secondo e 41 su 83 (49.4%) nel terzo. Avendo perso malamente il primo set, c’è da aspettarsi un totale così ridotto. Spesso però, numeri scadenti per un’intera partita arrivano da un rendimento mediocre in un set, come può essere per un punteggio di 7-6 1-6 7-6. Coric ha giocato meglio di Federer, almeno in parte, in tutti e tre i set.

Un evento raro

Il vostro sospetto di essere di fronte a un evento raro è fondato. Solo il 4.5% delle partite del circuito maggiore finisce a favore del giocatore che ha vinto meno punti, e solo il 7.2% di quelle in cui il vincitore ha un DR inferiore a 1.0. Solitamente c’è sovrapposizione, ma non sempre. Circa il 4% delle partite sono vinte da un giocatore con una PVT minore al 50% e un DR inferiore a 1.0. Ed è ancora più facile che i singoli set siano vinti dal giocatore che ha fatto più punti. Solo il 2.4% dei set è vinto dal giocatore che ha perso più punti. La frequenza con cui il DR è minore di 1.0 è del 7.4%, circa la stessa che dell’intera partita.

Esiste però un precedente – esattamente uno! – dell’impresa di Federer, vale a dire vincere una partita con una PVT minore del 50% e un DR inferiore a 1.0 in ognuno dei tre set. Stiamo parlando di un singolo episodio in un database con più di 17.000 partite punto per punto del circuito maggiore dal 2010. Inevitabilmente, c’è lo zampino di John Isner.

Ma c’è Isner, come sempre

Nel torneo di Memphis 2017, Isner ha perso il quarto di finale contro Donald Young per 7-6 3-6 7-6. Young ha vinto solo il 46.9% dei punti totali, con un DR di 0.66, entrambi valori che un giocatore che vince la partita difficilmente potrà mai abbassare. Come Federer, Young è andato vicino nei set che ha vinto, con un 49.3% dei punti totali sia nel primo che nel terzo set. Salvando otto palle break su nove e resistendo al servizio di Isner nel tiebreak, Young ha avuto la meglio di un avversario statisticamente superiore.

La vittoria di Federer contro Coric non ha fatto grande leva sul rendimento sulle palle break, anche se i tifosi apprezzeranno la confortante trasformazione di due opportunità su quattro. Si è detto molto della ridotta efficacia di Federer in quel tipo di partite: a fronte di 24 vittorie con un DR inferiore a 1.0, ha subito 49 sconfitte con un DR superiore a 1.0. E spesso la colpa ricade sulle palle break sprecate. Se i giocatori dal servizio dominante tendono a giocare spesso partite equilibrate, Federer è riuscito a vincerne molte senza fare affidamento su quelle in cui la fortuna ha un ruolo preponderante.

Con un posto assicurato nelle pagine più illustri del libro dei record, Federer si sta mettendo in mostra anche nei capitoli più oscuri. Dopo averci deliziato con vittorie a senso unico, finalmente ha portato a casa una partita in cui le statistiche puntavano nella direzione opposta.

Roger Federer, Lottery Winner

Around the Net, numero 8

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 14 aprile 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Around the Net è il nuovo appuntamento settimanale di @tennisabstract per rilanciare contenuti analitici di tennis apparsi in varie modalità su internet. Dell’abbondanza di stimoli disponibili nella versione originale, @setteseitennis propone una sintesi. Il numero 7.

Articoli tradotti in italiano

Dati

  • Match Charting Project: il database è aumentato di più di 75 partite nelle ultime due settimane, da 5439 a 5517. Abbiamo aggiunto molte altre semifinali Slam maschili e femminili degli anni ’90, alcune finali femminili d’annata dei tornei di Hilton Head e Berlino, oltre alla solita sfilza di partite dai tornei più recenti di entrambi i circuiti.
  • Un’analisi della rotazione imposta alla pallina durante il Miami Masters (twitter.com/Vestige_du_jour)

Spallinature

  • Al torneo ITF di Sunderland, Tara Moore ha recuperato da uno svantaggio di 0-6, 0-5, 30-40 vincendo il secondo set al tiebreak e chiudendo la partita 6-3 al terzo.
  • Incredibilmente, nella storia del tennis femminile esiste un recupero ancora più improbabile. Nelle qualificazioni degli US Open 1983, Barbi Bramblett perdeva 0-6, 0-5, 0-40 contro Ann Hulbert. Riuscì poi ad annullare 18 match point e vincere la partita per 0-6 7-5 6-3.
  • Rispetto al recupero di Moore, la maggior parte delle stranezze che accadono sul circuito femminile passa quasi inosservata. Ma c’e n’è pronta un’altra. Nel torneo di Charleston, dopo aver perso il primo set 0-6, Kaia Kanepi ha recuperato contro Elise Mertens per vincere 0-6 6-0 7-5, la prima volta dal 2000 che una qualsiasi partita (compresi i tornei ITF) finisce con quello specifico punteggio.

Around the Net, Issue 8

Around the Net, numero 7

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 31 marzo 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Around the Net è il nuovo appuntamento settimanale di @tennisabstract per rilanciare contenuti analitici di tennis apparsi in varie modalità su internet. Dell’abbondanza di stimoli disponibili nella versione originale, @setteseitennis propone una sintesi. Il numero 6.

Articoli tradotti in italiano

Dati

  • Match Charting Project: il database è aumentato di più di 60 partite nell’ultima settimana, da 5376 a 5439. Abbiamo aggiunto quasi tutte le finali femminili a Miami dal 1989 al 1996 e molte semifinali Slam maschili e femminili. Naturalmente, ci sono anche molte partite dal torneo di Miami appena concluso, tra cui le semifinali e la finale femminile.
  • Ho aggiornato la pagina GitHub del Match Charting Project.

Spallinature

  • Se Roger Federer può finalmente diventare il primo giocatore a vincere due titoli in stagione (come è riuscito poi a fare battendo John Isner in finale con il punteggio di 6-1 6-4, n.d.t.), tra le giocatrici nessuna ha vinto più di un torneo. A Miami, Ashleigh Barty è diventata la 14esima campionessa in altrettanti eventi del circuito maggiore.
  • Per arrivare in finale, Federer ha dovuto battere un giocatore più giovane di quindici anni. Anzi, in entrambe le semifinali, la differenza di età è stata di almeno un decennio e mezzo. È la prima volta che accade tra gli uomini dal 1979. Ci si è andati più vicini il mese scorso a Dubai, con le semifinali tra Federer e Borna Coric e tra Gael Monfils e Stefanos Tsitsipas, entrambe con una differenza di almeno 11.9 anni.
  • A proposito di semifinali insolite, i fratelli Bryan hanno battuto la coppia Kubot/Melo con il punteggio di 7-6(7) 6-7(8) [14‑12], praticamente la partita più lunga che si riesce ad avere nelle limitazioni imposte dal format attuale, senza game ai vantaggi e il super-tiebreak nel set decisivo (i Bryan hanno poi vinto anche il torneo, n.d.t.). Sono stati giocati 187 punti. Anche di fronte alla difficoltà di reperire statistiche per il doppio, possiedo un insieme ragionevolmente completo di partite dal 2017. In quel periodo, una partita di 187 punti è la più lunga che si sia mai verificata. Ce n’è stata un’altra da 187 punti nel 2018 e una maratona da 186 nel 2017.
  • Grazie in parte ai risultati al Miami Masters, Felix Auger Aliassime ha vinto le sue prime cinque partite in carriera contro giocatori tra i primi 20, un’impresa assolutamente inedita. Mario Ancic ha vinto le prime tre, Auger Aliassime è l’unico ad averne vinte di più. Dopo la sconfitta in semifinale contro Isner, il suo record è diventato 5-1, ma non ha perso la possibilità di estenderlo. Nessuno ha infatti vinto più di sette delle prime dieci partite contro i primi 20, un traguardo raggiunto solo da Gustavo Kuerten e Andrei Medvedev.

Around the Net, Issue 7

Around the Net, numero 5

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 17 marzo 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Around the Net è il nuovo appuntamento settimanale di @tennisabstract per rilanciare contenuti analitici di tennis apparsi in varie modalità su internet. Dell’abbondanza di stimoli disponibili nella versione originale, @setteseitennis propone una sintesi. Il numero 4.

Articoli tradotti in italiano

Dati

  • Match Charting Project: il database è aumentato di 70 partite nell’ultima settimana, da 5256 a 5326. Abbiamo aggiunto moltissime partite maschili e femminili dell’Indian Wells Masters, qualche altra semifinale di Wimbledon degli anni ’90 (protagonista Boris Becker) ma, soprattutto, tre finali femminili del Roland Garros a lungo ricercate. Abbiamo finalmente completato tutte le finali Slam maschili e femminili del Roland Garros dal 1980.

Spallinature

  • Belinda Bencic continua ad accumulare vittorie contro le prime 10 della classifica e, nonostante la sconfitta in semifinale a Indian Wells da Angelique Kerber (battuta a sua volta da Bianca Andreescu, n.d.t.), il suo record si è mantenuto sopra la parità, con 19 vittorie e 16 sconfitte. Si tratta di un risultato di cui poche possono vantarsi, anche tra giocatrici che consideriamo di élite.
  • Sara Errani ha commesso lo strabiliante numero di 57 doppi falli nelle ultime quattro partite, tra cui 22 contro Irina Camelia Begu nel primo turno di Guadalajara. Eppure, le ha vinte tutte! 57 doppi falli sono più del totale commesso in tutta la stagione 2017 o in quella 2018.
  • La Next Gen femminile sta emergendo rapidamente. La sedicenne Clara Tauson ha vinto il torneo ITF $60K di Shenzen, e la quindicenne Dasha Lopatetskaya ha vinto il quinto torneo da professionista. Altre tre giovanissime hanno vinto tornei ITF in settimana e altre due sono arrivate in finale.
  • Battendo Novak Djokovic, Philipp Kohlschreiber è diventato il quarto giocatore più vecchio di sempre a eliminare il numero 1 della classifica mondiale.
  • Ivo Karlovic ha festeggiato i 40 anni compiuti tre settimane vincendo tre partite a Indian Wells, la prima volta dal 2011 (sempre a Indian Wells) in cui ha vinto almeno tre partite in un Master.

Around the Net, Issue 5

La strada che porta a 110 titoli

di Chapel Heel // HiddenGameOfTennis

Pubblicato l’8 marzo 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Come ormai noto, la vittoria di Roger Federer a Dubai è coincisa con il titolo 100 in carriera, a nove tornei di distacco da Jimmy Connors. Aggiungerne dieci non sembrerebbe un’impresa, a meno di avere 37 anni e mezzo. Ero dell’idea, dagli articoli sul numero 100, che Federer non sarà in grado di raggiungere Connors. Ho ragione a crederlo?

Non esistono precedenti di giocatori che hanno continuato a giocare all’età e al livello espresso da Federer. Connors ha vinto solo due tornei dopo aver compiuto 37 anni e uno solo quando ne aveva 36. Federer ne ha già vinti due a 37 anni e cinque a 36.

Penso si possa concordare sul fatto che se Federer volesse superare il record di titoli di Connors potrebbe farlo semplicemente accumulando vittorie con più partecipazioni agli ATP 250. Si fatica a credere però che Federer abbia qualsiasi interesse per una dinamica di questo tipo. Dove sta infatti la gloria? Più ancora, che tipo di ricadute avrebbe quella scelta di calendario sui tornei più importanti, quelli che ha veramente a cuore? Sarebbe davvero motivato a cercare di vincere Brisbane e Sidney nel 2020 e 2021 sulla strada che porta ai 110, sacrificando l’opportunità di fare lo stesso in due edizioni degli Australian Open? Ne dubito. Ha iniziato a saltare Brisbane nel 2017 per essere più fresco a Melbourne.

I segnali positivi

Ipotizziamo che Federer provi a giocare per altre 104 settimane di calendario, come ha fatto negli ultimi due anni, in cui ha vinto 11 dei 25 tornei a cui si è iscritto. Ha fatto anche altre quattro finali, perdendo due volte da Novak Djokovic, una da Alexander Zverev e una da Borna Coric.

Inoltre, non si è trattato di undici titoli fortuiti. Ho messo insieme le previsioni di vittoria per quei 25 tornei sulla base delle valutazioni Elo e le attese erano per 10.6 titoli. In media, l’indice di dominio (Dominance Ratio o DR) – cioè il rapporto tra i punti vinti alla risposta e quelli vinti alla risposta dall’avversario – per le undici vittorie era un solido 1.75. Deve quindi fare esattamente così per le prossime 104 settimane o poco più, e ha raggiunto Connors!

I segnali negativi

Neanche Federer, a 37 anni e mezzo, può pensare di ringiovanire. Solo 3 degli 11 titoli sono arrivati nelle ultime 52 settimane, periodo nel quale le aspettative di vittoria secondo le previsioni Elo erano di 5.4 tornei. Potrebbe aver ottenuto più di quanto previsto tra Indian Wells 2017 e Rotterdam 2018 e potrebbe essere in fase calante ora, almeno rispetto al numero di tornei vinti.

Ci sono altri indicatori di declino, anche se meno evidenti. Nelle ultime 52 settimane, il DR complessivo di tutte le partite è di 1.33, rispetto a 1.50 nel precedente anno, nonostante una classifica media degli avversari più bassa nell’ultima stagione.

Prima di entrare in depressione, non associamo al declino nel rendimento di Federer un offuscamento dell’incredibile successo ottenuto, allo stesso modo in cui non si può parlare di picchiata quando un aereo perde quota da 10.000 metri a 9000. La maggior parte dei giocatori firmerebbe per avere un DR medio di 1.33 per 52 settimane contro un avversario in media al 47esimo posto della classifica.

Altri segnali dell’invecchiamento di Federer?

La mia valutazione Elo specifica per il cemento di 104 settimane fa era per Federer di 2276. Ora è di 2235, una differenza che non desta preoccupazione. Però, 52 settimane fa era di 2323. C’è stato quindi un calo di quasi 90 punti in un tempo relativamente breve. Va detto che aveva giocato in maniera incredibile fino a quel momento, quindi assomiglia più a una scivolata che a una caduta.

Misurata nel corso della carriera, la valutazione Elo di Federer ha ovviamente raggiunto un valore altissimo. Ed è un calcolo che comprende un grande numero di partite: più alto questo numero, minore è l’oscillazione del valore a fronte di un insieme limitato di vittorie o sconfitte. Per questo motivo risulta complicato utilizzare la valutazione Elo in carriera per osservare un eventuale calo di Federer.

Elo stagione per stagione

Mi sono spesso chiesto che sembianza avrebbe Elo se fosse calcolato per un periodo definito, invece che per l’intera carriera. L’impressione è che Elo si stabilizzi molto rapidamente per i giocatori più bravi. In uno scambio di email con Jeff Sackmann di TennisAbstract, è emersa l’idea di calcolare Elo, seppur in un altro contesto, solamente dalle partite di una stagione (ho provato in passato a determinare un Elo “durante la partita” e non perdete tempo a provarci, perché non funziona!).

Elo specifico per erba e cemento

Vediamo se un calcolo Elo stagione per stagione sul cemento e sull’erba rivela indizi sulle possibilità di Federer di arrivare a 110 tornei vinti. In altre parole, per ogni anno si assegna a Federer (e agli altri giocatori) una valore Elo di 1500 e si calcola la valutazione alla fine della stagione, come se l’intero universo del tennis professionistico maschile sul cemento e sull’erba fosse contenuto all’interno di quella stagione. Ho iniziato con il 2009, quando Federer aveva 27 anni, fino ad agosto. L’immagine 1 mostra le sue valutazioni alla fine di ogni stagione.

IMMAGINE 1 – Andamento delle valutazioni Elo di Federer specifiche per erba e cemento alla fine di ogni stagione a partire dal 2009

È una curva poco lineare, anche se si mantiene a un livello alto. Se si tracciasse una linea di tendenza che unisce il centro di tutti quei punti, verrebbe fuori una traiettoria un po’ discendente. L’immagine 2 mostra esattamente questo.

IMMAGINE 2 – Linea di tendenza delle valutazioni Elo di Federer specifiche per erba e cemento alla fine di ogni stagione a partire dal 2009

Elo prima di Indian Wells

Però Federer è partito bene nel 2019, con un record di 8-1 e la vittoria di un torneo, e siamo appena a marzo. La valutazione Elo specifica per cemento è già a 1862.99: si tratta di un numero buono o cattivo, prima di Indian Wells (dove Federer, al momento della traduzione, ha vinto tre partite, n.d.t.)? L’immagine 3 mostra la valutazione Elo di Federer prima dell’inizio di Indian Wells per il periodo dal 2009 al 2019.

IMMAGINE 3 – Valutazione Elo specifica per cemento di Federer prima di Indian Wells dal 2009 al 2019

Se si tracciasse una linea di tendenza, sarebbe qui più piatta di quella osservata in precedenza per la fine della stagione. Detto altrimenti, la progressione di Federer è leggermente più stabile appena prima di Indian Wells di quanto non lo sia alla fine della stagione. Forse era prevedibile pensando al rendimento storicamente solido nei tornei della prima parte del calendario (principalmente gli Australian Open, Rotterdam, Dubai e qualche volta Brisbane). Ma è anche vero che il campione di partite dai tornei prima di Indian Wells è più ridotto, aspetto che normalmente comporta una maggiore variazione.

Elo da Indian Wells in avanti

Più stabilità prima di Indian Wells di quella che segue potrebbe essere un’indicazione della minore freschezza di Federer al progredire della stagione. Se questo è valido per qualsiasi giocatore, senza dubbio per uno di quasi 38 anni deve rappresentare un’ulteriore sfida. Cosa succede se sottraiamo il grafico dell’immagine 3 da quello dell’immagine 2? Cioè, quanta parte dell’aumento della valutazione Elo stagionale è generato in media da Indian Wells in avanti? L’immagine 4 mostra quanti punti Elo Federer ha accumulato ogni anno da Indian Wells a fine stagione.

IMMAGINE 4 – Punti Elo accumulati da Federer ogni anno da Indian Wells a fine stagione

Appare evidente che da Indian Wells 2018 a fine stagione dello stesso anno, Federer abbia avuto un rendimento inferiore a qualsiasi periodo equiparabile del passato che rientra nel confronto. Bisogna preoccuparsi? Non lo so, in fondo si parla di un solo anno. Nella stagione precedente, la progressione da Indian Wells in avanti è stata efficace tanto quanto nel periodo compreso nel grafico, indietro fino ai 27 anni. Ci sono stati altri momenti di alternanza tra cadute e risalite da un anno al successivo. Nel 2012, le prestazioni dopo Indian Wells sono state relativamente deboli, per poi raggiungere il massimo due anni dopo. Anche nel 2016 il rendimento è sceso sotto la media per ritornare al massimo nel 2017. Preferisco però non dare troppa importanza a questo andamento, che merita comunque di essere tenuto in conto. Serve avere conferma da altri segnali.

Arriverà a 110?

La logica sembrerebbe sfavorevole, ma non ho visto nei numeri argomentazioni sufficientemente forti da suggerire che sia impossibile. Eventuali risultati mediocri durante l’estate – cioè una diminuzione nel rendimento al progredire della stagione simile a quella dell’immagine 4 – potrebbero farmi cambiare idea.

In ogni caso, che Federer raggiunga i 110 titoli rimane improbabile, a meno di sue partecipazioni nei 250 per qualche facile vittoria. Altrimenti, per stabilire il nuovo record nelle prossime 104 settimane dovrà replicare quasi alla lettera quanto fatto nelle 104 precedenti. Al riguardo, i fattori critici sono rappresentati dalla condizione fisica e dal desiderio di sottoporsi al regime imposto dal professionismo. Ci si aspetta che nella fascia di età dai 37.5 ai 39.5 sia più complesso che nell’età dai 35.5 ai 37.5. Ma poi, quante sono le circostanze che ci attendevamo dall’invecchiamento di Federer che non hanno avuto riscontro nel suo gioco?

Il problema concreto è dato dai ridottissimi margini del circuito maggiore. Se l’abilità di Federer o la condizione fisica diminuisse anche solo di un 10% nelle prossime 104 settimane, o se il resto della carriera fosse più breve delle speranze che tutti nutrono, la possibilità di arrivare a 110 diventerebbe davvero risicata.

The Road to 110

Around the Net, numero 4

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 9 marzo 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Around the Net è il nuovo appuntamento settimanale di @tennisabstract per rilanciare contenuti analitici di tennis apparsi in varie modalità su internet. Dell’abbondanza di stimoli disponibili nella versione originale, @setteseitennis propone una sintesi. Il numero 3.

Articoli tradotti in italiano

Dati

  • Match Charting Project: il database è aumentato di più di 60 partite nell’ultima settimana, da 5194 a 5256. Abbiamo completato tutte le finali femminili di Indian Wells fino al 2004, insieme a quelle del 1999 e 2000. Abbiamo aggiunto tutte le finali dei tornei della settimana scorsa, le ultime quattro partite di Nick Kyrgios nella vittoria di Acapulco, e un’altra manciata di semifinali Slam di Pete Sampras.
  • I video più ricercati: ci manca davvero poco per completare alcuni speciali insiemi di partite, ma non riusciamo a trovare il video di alcune partite chiave. Aiutateci per favore!

Spallinature

  • Laslo Djere è la testa di serie numero 30 all’Indian Wells Masters 2019. È solo la seconda volta dall’introduzione dei Master 1000 obbligatori a seguito della riorganizzazione dei tornei maschili intorno al 2000 che una wild card riceve una testa di serie in un Master 1000 obbligatorio. Djere non ha mai vinto una partita a livello Master e ha vinto solo quattro partite sul cemento in tornei del circuito maggiore (Djere ha poi superato il primo turno battendo Guido Andreozzi per 6-3 6-4 e deve giocare il secondo turno contro un lucky loser, con la concreta possibilità quindi di arrivare almeno al terzo turno, n.d.t.).
  • Anche Donald Young ha ricevuto una wild card per il tabellone principale, la sua 29esima per il tabellone di un torneo del circuito maggiore, e la quarta a Indian Wells, dopo aver avuto la prima ben quattordici anni fa.
  • Sempre a Indian Wells, la numero 104 della classifica femminile Stefanie Voegele ha battuto a sorpresa la testa di serie numero 4 Sloane Stephens. Forse sorpresa non è esattamente la parola giusta, visto che Voegele ha vinto quattro volte su cinque contro Stephens, e tutte le vittorie tranne una sono arrivate dopo che Stephens è entrata tra le prime 15.
  • I numeri dei 100 titoli di Roger Federer: dove ha vinto di più? Chi ha battuto di più? (bbc.com)

Around the Net, Issue 4