Ci sei Margaret? Sono io, Serena

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 6 settembre 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

A Serena Williams mancano solo due partite per vincere lo Slam numero 24 (nella notte Williams si è qualificata per la finale battendo Elina Svitolina con il punteggio di 6-3 6-1, n.d.t.). Deve darle fastidio essere ferma a 23 dall’inizio del 2017, visto che il record di sempre è 24. Williams detiene già il record per l’era Open (a partire dal 1968) con una lunghezza su Steffi Graf, vincitrice di 22 Slam. Ma è Margaret Court davanti a tutti, con appunto 24 Slam tra il 1960 e il 1973.

Non c’è dubbio che Williams sia una delle giocatrici più forti di tutti i tempi, forse la più forte in assoluto. Anche Court è parte della conversazione, insieme ad altre luminarie come Graf, Martina Navratilova e Chris Evert. Nel tennis, confronti tra epoche sono estremamente complicati, perché ogni aspetto del gioco è fondamentalmente cambiato. La tecnica, l’allenamento, l’attrezzatura e il calendario di Williams — tralasciando il benessere economico e lo status! — sarebbero del tutto estranei per una stella degli anni ’60 e ’70 come Court.

La tesi dei tifosi di Williams

L’opinione dei tifosi di Williams sulla posizione che dovrebbe occupare nella classifica di tutti i tempi non subisce le limitazioni legate alla difficoltà del confronto tra epoche. A prescindere dal numero di Slam in bacheca, tre sono le tesi principali su cui i suoi sostenitori fanno affidamento:

  • il livello della competizione è decisamente più alto ora di quanto lo fosse in passato
  • Court ha vinto gli Australian Open 11 volte quando erano il più debole dei quattro Slam
  • Court è una sbruffona antipatica con cui è difficile essere d’accordo

La prima affermazione è probabilmente vera, ma se cerchiamo di portare a termine una comparazione tra epoche, credo che l’unica modalità possibile sia di metterle sullo stesso piano. Non sapremo mai che risultati avrebbe avuto Williams con in mano una raccheta di legno, o come Court si sarebbe adattata alla fisicità del gioco moderno. Si può razionalmente sostenere che le giocatrici attuali siano semplicemente più forti di quelle di due generazioni fa, che a loro volta erano più forti di quelle che le hanno precedute, e così via. Ma l’idea stessa di “più grande di tutti i tempi” presuppone ipotesi diverse da “più grande di tutti i tempi secondo gli standard di oggi”. Per questo ogni epoca verrà trattata allo stesso modo.

La terza affermazione è abbastanza comune, ma temo che il mio database non sia di grande aiuto su quel tipo di discussione. Rimane la numero due, cioè la debolezza relativa degli Australian Open.

La facilità australiana

Court ha vinto gli Australian Open 11 volte, più di qualsiasi altro Slam vinto da una giocatrice. Di per sé, non è un aspetto negativo. Nessuno rinfaccia a Rafael Nadal di aver vinto il Roland Garros 12 volte. All’epoca dei dilettanti, e anche negli anni successivi alla professionalizzazione del tennis, gli Australian Open non erano una tappa obbligatoria per le migliori e i migliori del mondo. Le distanze erano enormi e il torneo non aveva ancora acquisito il prestigio odierno. Si fa presto a concludere quindi che la vittoria a Wimbledon 1963 per Court ha più peso di quella dello stesso anno agli Australian Championships. Molti sono certamente d’accordo nel dover ridurre il valore di quegli Australian Open. Di quanto?

Titoli slam ponderati per difficoltà

Tempo fa ho messo a confronto i candidati al titolo di più forte giocatore della storia in funzione del numero di Slam, corretti per il livello della competizione. Nel tennis attuale, il campo partecipanti è quasi identico da uno Slam all’altro, ma il tabellone può aumentare considerevolmente la difficoltà di vincere un torneo rispetto a un altro. Con la stessa metodologia siamo in grado di confrontare la difficoltà del tabellone e la qualità degli avversari per tornei degli anni ’70 in presenza di una variazione di entrambe. Ad esempio, il cammino di Court alla vittoria degli US Open 1973 fu di difficoltà media, in linea con molte delle vittorie di Williams. La conquista degli Australian Open 1973 ebbe una difficoltà di solo due terzi, cioè fu una delle vittorie più facili di uno Slam nell’era Open.

Ogni epoca allo stesso modo

Non è casuale portare ad esempio le ultime vittorie Slam di Court. Analizzando le prestazioni dagli anni ’70, ci avviciniamo al limite della debolezza di dati storici relativi al tennis. E quasi impossibile stimare l’esatto livello di difficoltà di molti dei titoli di Court, proprio per le poche informazioni a disposizione dell’epoca dei dilettanti. Dovremo invece procedere per approssimazione sulla base di quello che abbiamo.

La ponderazione per difficoltà fa leva sulle valutazioni Elo, che ho calcolato fino al 1972 (pur in possesso di risultati abbastanza completi fino a circa il 1970, serve un po’ di tempo per raccogliere un campione di partite accettabile per ciascun giocatore e per una stabilizzazione delle valutazioni). La tabella riepiloga la difficoltà relativa dei quattro Slam nei primi cinque anni, dal 1972 al 1976.

Slam               Difficoltà  
Australian Open    0.60  
Roland Garros      0.54  
Wimbledon          0.99  
US Open            0.85

Dal 1972 a oggi, la difficoltà media di un titolo Slam è 1.0, con valori più alti per vittorie finali più complicate. Il campo partecipanti non era così agguerrito negli anni ’70, quindi tipicamente uno Slam valeva meno di 1.0. In quei primi cinque anni, notiamo che Wimbledon non si discostava dalla media storica, gli US Open erano leggermente più facili e gli altri due Slam molto più accessibili. Se, come detto, decidiamo di trattare ogni epoca allo stesso modo — escludendo la debolezza del tabellone in Australia — dobbiamo normalizzare queste difficoltà in modo che gli altri tre Slam siano in media 1.0.

Slam              Difficoltà
Australian Open   0.76  
Roland Garros     0.68
Wimbledon         1.25  
US Open           1.07

Estrapolazione all’indietro

Non sappiamo molto della qualità delle avversarie agli Australian Open nel periodo di massimo rendimento di Court. In mancanza di meglio, utilizziamo la media del periodo dal 1972 al 1976, perché è quella che più si avvicina. Così facendo probabilmente si sovrastima la qualità del tabellone australiano rispetto agli altri Slam, ma se vogliamo avvicinarci a definire Williams la più grande di sempre a spese di Court, dovremmo partire da ipotesi più conservative in modo da avere più sicurezza sul risultato finale.

La tabella riepiloga la variazione al totale in carriera di Court applicando il correttivo della normalizzazione.

Slam              Difficoltà  # Slam  Correzione  
Australian Open   0.76        11      8.3  
Roland Garros     0.68        5       3.4  
Wimbledon         1.25        3       3.7  
US Open           1.07        5       5.4  
Totale                        24      20.8

Il medesimo esercizio, ponderare ogni Slam per la difficoltà e normalizzare per epoca, ha conseguenze più lievi sui totali di Williams e Graf. Williams arriva a 23.3 e Graf a 21.9. Non abbiamo materiale a sufficienza per cambiare il punto di vista sui successi di queste due giocatrici. Ed entrambe fanno meglio del totale modificato di Court.

Il ristretto gruppo delle più grandi

Non dimentichiamoci che non è un aggiustamento per epoca. Al contrario, abbiamo ipotizzato per semplicità che tutte le epoche siano uguali, tranne che per il fatto che per diversi anni le giocatrici più forti non sono andate fino in Australia, rendendo quello Slam più facile da vincere degli altri.

Inoltre sono numeri che non negano, come era ovvio, che Court non sia una delle migliori. Anche saltando lo Slam casalingo, si sarebbe comunque ritirata con all’attivo 13 Slam, oltre a una manciata di Slam in doppio e a un lungo elenco di trionfi altrove. Se l’Australia non fosse così distante, probabilmente non avrebbe vinto undici volte, ma otto erano alla portata.

Pur di fronte a tutte le sue vittorie, una volta che stabilita la debolezza del tabellone degli Australian Open, Court cede il primo posto della classifica più santificata nel tennis. Viene quantomeno superata da Williams e Graf. Ricordiamoci che siamo in regime di aggiustamenti conservativi: raccogliendo più dati e scoprendo che dovremmo essere più decisi nel ridurre il valore dei titoli da lei vinti in Australia negli anni ’60, il totale potrebbe posizionarla intorno ai 18 Slam, insieme a Navratilova e Evert.

Non sappiamo ancora se Williams riuscirà a eguagliare o superare i 24 di Court. Anche se dovesse ritirarsi avendone vinti 23, per il livello della competizione attuale — come si vede in ogni Slam ogni anno — merita già di essere in cima alla piramide.

Are You There, Margaret? It’s Me, Serena