Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Un WAR per tutte le stagioni

ULTIMI ARTICOLI

Prevedere l’esito dei prossimi cinque anni di Slam con la sfera di cristallo

Pubblicato il 16 ottobre 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // L’anno scorso, ho creato un modello...

È tornata la discesa a rete?

Pubblicato il 2 ottobre 2020 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Se guardando il Roland Garros 2020...

Venti non vuol dire sempre venti

Pubblicato il 12 ottobre 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // C’è sempre più traffico in cima...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (donne)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Come per gli uomini, anche per...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (uomini)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Da diversi anni ormai eseguo simulazioni...

Cosa succede al ritmo di gioco con le nuove regole imposte dalla pandemia

Pubblicato il 31 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // La pandemia COVID-19 ha imposto agli...

Che valore assegnamo ai tornei Masters o Premier vinti nella bolla?

Pubblicato il 30 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Il tennis è ripartito, ma molti...

Mettere un asterisco accanto agli US Open è prematuro, e forse del tutto sbagliato

Pubblicato il 19 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Ci saranno diverse assenze di alto...

Il circuito femminile post COVID-19 sta rientrando alla normalità

Pubblicato il 17 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Negli ultimi due tornei femminili, abbiamo...

Il sospetto che Venus e Serena debbano giocare contro troppo spesso è fondato?

Pubblicato il 12 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Nel torneo di Lexington di questi...

ULTIMI ARTICOLI

Pubblicato il 14 novembre 2015 su StatsOnTheT – Traduzione di Edoardo Salvati

// In un precedente articolo mi sono chiesta se il WAR, una statistica completa per misurare il valore di un giocatore, possa essere utilizzata anche nel tennis. Sebbene il WAR sia stato ideato e principalmente utilizzato per gli sport collettivi al fine di stimare la contribuzione di un giocatore alle vittorie della squadra, il suo potenziale applicativo è molto più ampio. Nella sua concezione più generale, il WAR consente di rendere omogenee nel tempo le prestazioni di un giocatore confrontandone i risultati con quelli di uno standard comunemente definito: il giocatore sostitutivo o di rimpiazzo.   

In qualsiasi sport, la necessità di contestualizzare le vittorie di un giocatore o di una squadra è molto frequente soprattutto nel confronto tra epoche. Babe Ruth è stato il più grande battitore di sempre? Chi ha avuto più successo tra Rod Laver e Jimmy Connors?

Tradizionalmente, nelle conversazioni sul migliore di tutti i tempi si fa riferimento ai record assoluti. Questo è in linea con l’abitudine di definire come “il migliore” l’atleta che ha dominato il proprio sport durante la carriera, a prescindere dagli standard di gioco del tempo. Il WAR formalizza questa scuola di pensiero con una metodologia che mette in relazione i risultati di un giocatore rispetto al livello della competizione nel periodo in cui quei risultati sono stati realizzati. 

Il WAR è in grado di dare una prospettiva diversa sui risultati di un giocatore rispetto alle semplici vittorie?

Come banco iniziale di prova dell’utilità del WAR nel tennis si può prendere a riferimento la stagione 2015 di Novak Djokovic rispetto ai successi ottenuti fino a quel momento nella sua carriera. Djokovic era già stato protagonista di una stagione stellare nel 2011: ha superato se stesso con quello che è riuscito a fare nel 2015?

Anche senza quelle che potrebbe ottenere nelle imminenti finali ATP (in cui ha poi vinto il torneo perdendo una partita delle 5 disputate, n.d.t.) Djokovic ha già totalizzato 78 vittorie nel 2015, 8 in più del 2011. Da questa differenza si può pensare che il 2015 sia stato l’anno migliore, ma così facendo si attribuisce a ogni vittoria di ciascuna stagione la medesima importanza, ignorando i cambiamenti avvenuti nel livello medio di bravura dei giocatori del circuito e nella combinazione di avversari affrontati a distanza di quattro anni. Ad esempio, nel 2011 Djokovic ha incontrato Rafael Nadal 6 volte, un giocatore sicuramente più forte e in forma rispetto a quello del 2015.

Il WAR serve appunto per capire con maggiore precisione se le differenze nella qualità degli avversarsi di Djokovic nel 2011 e nel 2015 possano influenzare il giudizio sulla sua stagione migliore. 

Determinare il Giocatore Sostitutivo o di Rimpiazzo

La “R” di WAR sta per giocatore sostitutivo o di rimpiazzo (replacement player). Per la Major League Baseball il giocatore sostitutivo è determinato attraverso l’abilità di un tipico giocatore di campionati inferiori – le minor leagues , quelli in cui si trova cioè l’alternativa più economica per la rosa attuale della squadra. In questo modo, le vittorie attese con un giocatore sostitutivo rappresentano il livello minimo di gioco necessario alla vittoria nel massimo livello espressivo di quello sport.

Nel tennis, il circuito ATP Challenger è una sorta di campionato inferiore, anche se la distinzione tra Challenger e circuito principale è meno netta perché i giocatori possono partecipare a tornei di entrambi i circuiti nella stessa stagione, se riescono a qualificarsi a quelli in cui vogliono giocare. 

Il lucky loser

Sebbene dunque il tennis non abbia un corrispettivo analogo alle minor leagues di baseball, ha però l’equivalente del giocatore sostitutivo, vale a dire il lucky loser. Il lucky loser è il giocatore che non riesce a qualificarsi per il tabellone principale ma viene ripescato in caso di ritiro da parte di un altro giocatore. Il lucky loser è quindi una scelta naturale per determinare il livello minimo di gioco nel circuito principale.

I lucky loser sono difficili da trovare, perché si presentano solo nel momento in cui uno dei nomi principali o un qualificato si ritirano. Per evitare una stima poco affidabile del livello minimo di gioco a causa del ridotto numero dei lucky loser in una stagione, ho considerato in questa sede tutti i qualificati e i giocatori sostitutivi dei tornei del Grande Slam e dei Master 1000 in una determinata stagione. Ho escluso le wild card i giocatori che ricevono un invito dagli organizzatori del torneo – perché fattori esterni alla loro bravura possono influenzarne la selezione (pratica diffusa anche in altri sport).

Rispetto a questa definizione, ci sono stati 97 giocatori sostitutivi nel 2011 e 88 nel 2015 (fino alla fine di settembre). Utilizzando un modello di stima della bravura di un giocatore dato dalle vittorie attese pitagoriche basate sulle palle break per un periodo di 12 mesi, il livello di bravura complessivo per un tipico giocatore sostitutivo è una media pitagorica ponderata, ottenuta incrociando il livello di bravura pitagorico di ogni giocatore per il numero di partite giocate sul circuito professionistico. Per il 2011 il livello di bravura medio del giocatore sostitutivo è stato del 41.5%. Nel 2015, le vittorie attese per i giocatori sostitutivi sono state decisamente inferiori, con un livello di bravura medio del 38.6%. 

Calcolare il livello di bravura degli avversari

Una volta determinato il livello di bravura del giocatore sostitutivo per il 2011 e il 2015, il passaggio successivo per ottenere il WAR delle due stagioni è calcolare il livello di bravura degli avversari di Djokovic nel 2011 e nel 2015 nel momento in cui effettivamente si è giocata la partita. Anche in questo caso ho usato le vittorie attese pitagoriche basate sulle palle break, per un periodo fino a 12 mesi che non include però il giorno della partita tra Djokovic e l’avversario.

Stagione 2011

IMMAGINE 1 – Livello di bravura degli avversari di Novak Djokovic per la stagione 2011

war-for-all_1

Ordinando le partite secondo il livello di bravura stimato per il singolo avversario, inteso come vittoria attesa pitagorica prima della specifica partita, nel 2011 si possono trovare 10 partite tra l’85 e l’88%, come illustrato nell’immagine 1. Ogni barra del grafico rappresenta l’avversario di Djokovic e il torneo in cui la partita è stata giocata (nella versione originale è possibile visualizzare i singoli valori puntando il mouse sul grafico, n.d.t.). Le 10 partite più dure sono contro Nadal e Roger Federer. Due sono invece le partite che si possono considerare delle “passeggiate”, nelle quali la bravura dell’avversario era inferiore al 20%. Delle 6 sconfitte subite da Djokovic nel 2011, tutte tranne una (quella con Kei Nishikori a Basilea) sono state contro avversari con un livello di bravura pitagorico del 73% o maggiore. 

Stagione 2015

IMMAGINE 2 – Livello di bravura degli avversari di Novak Djokovic per la stagione 2015, ad oggi

war-for-all_2

Nel 2015, Djokovic ha avuto meno avversari con un livello di bravura superiore all’80% (8 contro i 10 del 2011), anche se per due volte ha giocato contro Federer al livello di bravura pitagorico superiore al 90%, nella finale degli US Open e in quella del Cincinnati Masters, livello che nel 2011 sarebbe stato superiore a qualsiasi partita, come illustrato nell’immagine 2. Solo una partita è stata una “passeggiata” nel 2015 e, delle 5 sconfitte, tre sono state contro avversari con un livello di bravura superiore al 70%.

Una misura d’insieme

La scomposizione del livello di bravura per le stagioni 2011 e 2015 evidenzia la variabilità nella distribuzione degli avversari di un giocatore da un anno all’altro. Questo è l’aspetto su cui il WAR esprime tutta la sua praticità. Con i dati precedentemente calcolati possiamo ricavare una stima del WAR per il tennis. 

In altre parole, vogliamo trovare quanto segue.

WAR = Vittorie Sul Sostitutivo − Sconfitte Sul Sostitutivo

(Wins Over Replacement Losses Over Replacement) dove si premia un giocatore per quante vittorie in più riesce a ottenere rispetto a quelle che ci si attende dal giocatore sostitutivo se affrontasse gli stessi avversari e si penalizza un giocatore per le sconfitte in più rispetto a quelle che ci si aspetta da un giocatore sostitutivo se affrontasse gli stessi avversari.

Questa è la stima.

WAR = (Vittorie Effettive − Vittorie Attese Del Sostitutivo) − (Sconfitte Effettive − Sconfitte Attese Del Sostitutivo)

[(Actual Wins − Replacement Expected Wins) − (Actual Losses Replacement Expected Losses)] dove le vittorie e sconfitte attese per il giocatore sostitutivo sono determinate dalla somma delle probabilità di vittoria (probabilità di sconfitta) mediante una formula Bradley-Terry utilizzando l’attesa pitagorica come stima del livello di bravura di un giocatore.

IMMAGINE 3 – Confronto tra le stagioni 2011 e 2015 di Novak Djokovic secondo il WAR

war-for-all_3

L’immagine 3 mostra il cambiamento cumulativo del WAR durante le stagioni 2011 e 2015. Per la maggior parte della stagione, i risultati complessivi del 2015 sono stati leggermente inferiori a quelli del 2011, con una differenza di 3 partite effettive guadagnate. Alla 76esima partita giocata, però, la stagione 2015 di Djokovic ha ripreso quella del 2011 grazie a una striscia di vittorie sui tornei in cemento della trasferta in Asia e, curiosamente, nello stesso momento in cui Djokovic dichiarava che il 2015 era la sua migliore stagione di sempre. Dopo la vittoria nello Shanghai Masters, Djokovic ha superato il WAR di +38.9 partite della fine del 2011. Alla vigilia delle Finali di stagione, il WAR di Djokovic del 2015 si trova a +44.4 partite (Djokovic chiuderà il 2015 con un WAR di +46.8 vittorie, n.d.t.), una differenza di 5.5 partite guadagnate rispetto al 2011. 

Conclusioni

Le statistiche di WAR per Djokovic identificano nel 2015 la sua migliore stagione non perché le sue partite siano state più dure, ma perché ha giocato e vinto più partite di difficoltà paragonabile a quelli del 2011. Un risultato impressionante che Djokovic ha l’opportunità di incrementare ulteriormente con le Finali di stagione. ◼︎

WAR for All Seasons

DELLO STESSO AUTORE

Le partite più competitive del 2018 valutate in termini di pressione

Pubblicato il 2 novembre 2018 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // In molti si sono domandati se...

Il deludente rendimento di Zverev negli Slam

Pubblicato il 4 settembre 2018 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Uno degli argomenti più dibattuti agli US...

I giocatori migliori al servizio e alla risposta nel 2017

Pubblicato il 2 dicembre 2017 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Qual è stato il miglior giocatore al...

È improbabile rientrare rapidamente ad alto livello dopo un infortunio

Pubblicato il 22 gennaio 2018 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Al rientro dopo sei mesi di pausa...

L’invecchiamento nel circuito maschile non sembra arrestarsi

Pubblicato il 5 settembre 2015 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // L’età media dei giocatori che hanno raggiunto...

La velocità del dritto a rimbalzo – Australian Open Series

Pubblicato il 26 novembre 2016 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Il quinto articolo delle Australian Open Series.

A Djokovic servono solo più partite?

Pubblicato il 25 aprile 2018 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Di fronte alla sconfitta di Novak Djokovic...

L’effetto numero 1 o come il successo di Barty potrebbe scuotere il tennis femminile australiano

Pubblicato il 3 febbraio 2020 su TheConversation - Traduzione di Edoardo Salvati // La vittoria di Sofia Kenin nella...

La velocità del rovescio a rimbalzo – Australian Open Series

Pubblicato il 22 ottobre 2016 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Negli ultimi mesi, il Game Insight Group...

La misurazione della qualità dei colpi applicata ai quarti di finale degli Australian Open 2017

Pubblicato il 24 gennaio 2017 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // La seconda settimana di uno Slam è...