Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

La crescita da professionisti dei vincitori di Slam juniores

ULTIMI ARTICOLI

È tornata la discesa a rete?

Pubblicato il 2 ottobre 2020 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Se guardando il Roland Garros 2020...

Venti non vuol dire sempre venti

Pubblicato il 12 ottobre 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // C’è sempre più traffico in cima...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (donne)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Come per gli uomini, anche per...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (uomini)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Da diversi anni ormai eseguo simulazioni...

Cosa succede al ritmo di gioco con le nuove regole imposte dalla pandemia

Pubblicato il 31 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // La pandemia COVID-19 ha imposto agli...

Che valore assegnamo ai tornei Masters o Premier vinti nella bolla?

Pubblicato il 30 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Il tennis è ripartito, ma molti...

Mettere un asterisco accanto agli US Open è prematuro, e forse del tutto sbagliato

Pubblicato il 19 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Ci saranno diverse assenze di alto...

Il circuito femminile post COVID-19 sta rientrando alla normalità

Pubblicato il 17 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Negli ultimi due tornei femminili, abbiamo...

Il sospetto che Venus e Serena debbano giocare contro troppo spesso è fondato?

Pubblicato il 12 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Nel torneo di Lexington di questi...

Effetti della pandemia nel torneo di Palermo?

Pubblicato il 10 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // È più difficile fare previsioni sullo...

ULTIMI ARTICOLI

Pubblicato il 9 aprile 2019 su HiddenGameOfTennis – Traduzione di Edoardo Salvati

// Nella maggior parte degli sport americani, ci sono organizzazioni che seguono da vicino lo sviluppo di giocatori di grande talento in una specifica disciplina, sia durante il liceo che nel periodo universitario, coloro che vengono chiamati promesse. Per quanto ne sappia, a eccezione della classifica ufficiale (in cui c’è comunque estrema confusione nelle posizioni molto distanti dal vertice), nessuno si premura di valutare promesse nel tennis con una metodologia coerente e mettere poi a disposizione di tutti i risultati. Le federazioni nazionali, e probabilmente alcuni centri o scuole private, compilano un elenco interno di giocatori promettenti, che appunto però non è reso pubblico.

Nel tennis, gli appassionati assegnano a un giocatore l’appellativo di promessa in modo molto più destrutturato. Magari da quando inizia a vincere molte partite sul circuito Challenger, magari perché arriva da una scuola di tennis prestigiosa, o magari perché è nell’orbita di un giocatore già affermato nel circuito maggiore che ne elogia la bravura. A volte perché vince un paio di partite in uno Slam o perché ottiene un risultato a sorpresa da sfavorito sempre in uno Slam. Oppure, perché vince uno Slam juniores.

In questo articolo, ho esaminato tutti i vincitori di Slam juniores dal 1990 e seguito il loro percorso nel raggiungimento di determinati traguardi da professionisti. Si tratta di 101 giocatori in 117 prove di Slam juniores.

Se vinco ora, vinco anche dopo?

La mia percezione è che si tende a supporre che il successo negli Slam juniores presagisca quello sul circuito maggiore, perché quando un giocatore vince sul circuito maggiore spesso i giornalisti ne richiamano la vittoria in uno Slam juniores e si pensa che, allora, deve essere quello il motivo. Forse è così per qualche giocatore, certamente non lo è per tutti.

La tabella mostra l’età media del vincitore di Slam juniores per i quattro tornei, il numero di tornei di singolare vinti sul circuito maggiore, i Master 1000 vinti, gli Slam vinti (al momento) e la mediana dei guadagni in carriera (compreso il doppio, i Challenger, etc).

Nei Master 1000 sono comprese anche le Finali di stagione. I guadagni in carriera tengono conto dell’inflazione. Mi interessava solo un’approssimazione, quindi ho usato l’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti, anche se la maggior parte dei giocatori non è americana. Inoltre, per evitare eccessive complicazioni, ho rapportato i valori all’anno a metà della carriera di un giocatore (ad esempio, Jurgen Melzer ha giocato dal 1999 al 2019 e l’indice dei prezzi al consumo è quello del 2009). Ho preso la mediana perché la media avrebbe confuso le idee, vale fra tutti il caso di Roger Federer che ha vinto Wimbledon juniores. Da ultimo, il numero in fondo alla colonna “Mediana $$” rappresenta la mediana dei guadagni di tutti i giocatori nei quattro Slam juniores, avendo tolto i vincitori multipli, vale a dire che non è la media o la mediana delle mediane nella colonna. Lo stesso è per il corrispettivo valore nella colonna “Mediana Classifica Massima”.

Comunque non me la passerò male, no?

In aggregato, si potrebbe pensare che il vincitore di uno Slam juniores vincerà poi circa 5 tornei sul circuito maggiore (534 diviso 101) e probabilmente un Master 1000. Così non è naturalmente. Federer, Andy Murray e Stanislas Wawrinka hanno vinto 162 di quei 534 titoli, più della metà dei Master 1000 e 26 Slam su 29. In realtà, meno della metà dei campioni Slam juniores ha vinto anche un solo torneo del circuito maggiore.

Il guadagno mediano di circa 1.2 milioni di dollari non sembra così malvagio, ma la maggior parte dei giocatori ha una finestra di circa dieci anni da quando ha vinto uno Slam juniores. Se si ipotizza che per mantenersi sul circuito servono circa 75.000 dollari all’anno, un giocatore guadagna circa 45.000 dollari annui. E questo per chi ha risultati nella media, gli altri fanno molta più fatica. Dopo aver escluso i guadagni estremi di Federer, Murray, Wawrinka, Marin Cilic e Andy Roddick, e calcolato la media e la deviazione standard dei guadagni in carriera dei rimanenti giocatori, la probabilità che un campione di Slam juniores guadagni non più di 250.000 dollari in carriera è del 24%. Non proprio il massimo!

Continueresti la carriera tennistica se, subito dopo aver vinto uno Slam juniores, ti dicessero che c’è una probabilità del 24% che subirai perdite nette di centinaia di migliaia di dollari? Probabilmente si, perché sei euforico e perché “tanto non succede a me”.

Risalire la classifica

La tabella che segue mostra la percentuale di giocatori che raggiungono determinati traguardi una volta diventati professionisti. Le prime colonne si riferiscono a traguardi in termini di classifica, le ultime due a titoli sul circuito maggiore e Slam.

Sono abbastanza indeciso sulla posizione da prendere relativamente a queste percentuali. Un giocatore può avere una carriera decente se rimane tra i primi 100, e ha circa il 60% di probabilità che accada se ha vinto uno Slam juniores. E una probabilità di circa il 30% di entrare tra i primi 20 sembra abbastanza valida.

D’altro canto, dopo che hai vinto uno Slam juniores probabilmente ritieni di avere una probabilità molto più alta di raggiungere il vertice e diventare qualcuno. Eppure, circa un terzo dei giocatori non entra tra i primi 125, che significa una carriera con pochi ingressi diretti nel tabellone principale di un torneo del circuito. E questo spiega, naturalmente, i risultati trovati in precedenza per i guadagni in carriera.

Appunti relativi allo specifico torneo

Ci sono molti altri spunti e domande interessanti che si possono trarre dai dati rispetto al singolo torneo. Non voglio dedicarvi troppo tempo perché sono una deviazione dal tema centrale dell’articolo, ma ce ne sono un paio che meritano una breve digressione.

Australian Open e US Open

Perché, in generale, i vincitori dell’Australian Open juniores hanno poi un rendimento ben peggiore rispetto ai vincitori degli US Open juniores? Forse perché gli US Open arrivano a stagione inoltrata? C’è poca differenza nell’età media dei rispettivi vincitori, ma è probabile che tra gennaio e settembre di quegli anni cruciali di sviluppo i giocatori acquisiscano molta esperienza a distanza anche solo di qualche mese.

Roland Garros

Nessun vincitore del Roland Garros juniores dal 1990 al 2018 è arrivato al numero 1 della classifica mondiale.

Dal 2007, i vincitori del Roland Garros juniores hanno vinto un solo titolo del circuito maggiore (Andrey Rublev a Umago 2017). Forse ancora più sorprendente, Rublev è l’unico vincitore di Roland Garros juniores dal 2007 a essere entrato tra i primi 50.

Wimbledon

Wimbledon è in linea con gli altri Slam in molte categorie, ma a partire dai primi 20 ha una riduzione in percentuale decisamente più marcata.

Master 1000

Dal 2006, un vincitore di Slam juniores ha vinto solo cinque Master 1000, e ci sono riusciti in due (Grigor Dimitrov e Alexander Zverev) su 35 giocatori.

Vincitori multipli

Ci sono 14 vincitori multipli di Slam juniores, ma ai nostri fini escludiamo Tseng Chun-hsin, che ne ha vinti due l’anno scorso e ha 17 anni (e ancora con una classifica nei 400). La tabella riporta alcuni dei dati visti in precedenza, ma relativi ai migliori 13 giocatori.

A indicazione di una carriera di successo duraturo sono numeri per cui non servono spiegazioni, anche se le vittorie negli Slam degli adulti sono difficili da ottenere, come in effetti dovrebbe essere. I guadagni includono anche i premi del doppio, ma non le altre colonne e con Leander Paes nell’elenco (da giovane, un singolarista di buon livello) è d’obbligo citare i suoi 54 titoli (tra cui ben 8 Slam!) e il numero 1 della classifica di doppio. Senza contare le vittorie nel doppio misto e il ruolo da gregario nel film Charlie e la fabbrica di cioccolato (per la somiglianza con l’attore Nitin Ganatra, n.d.t.).

Vincere tre volte è meglio di due? Non ci sono abbastanza dati per dirlo. Dal 1990, solo due giocatori hanno vinto tre prove di Slam juniores: Gael Monfils, che è evidentemente un ottimo giocatore anche se si pensa che i suoi risultati sono stati inferiori alle attese e Daniel Elsner, di cui non ho mai sentito parlare.

Durata della crescita

Siamo in grado di calcolare la probabilità con cui i vincitori di Slam juniores raggiungono determinati traguardi da professionisti, ma non la velocità con cui lo fanno (se mai ci riescono). Ho misurato il tempo trascorso in mesi (arrotondato) tra la data della vittoria di uno Slam juniores per un giocatore e il raggiungimento di quei traguardi. Il grafico dell’immagine 1 mostra le curve per ciascun torneo con il numero di mesi sull’asse delle ordinate.

IMMAGINE 1 – Durata della crescita (in mesi)

Siccome nessun vincitore del Roland Garros juniores dal 1990 è arrivato al numero 1 della classifica, ho impostato la durata artificiosamente in modo che uscisse dal grafico. Non si tratta comunque di una statistica chiave, perché di 101 giocatori univoci, solo quattro sono diventati numeri 1 (Federer, Murray, Roddick e Marcelo Rios), redendo il campione troppo ridotto per essere significativo.

Aggregando i dati dei quattro Slam juniores per ognuno dei traguardi citati, oltre al primo “vero” Slam raggiunto, otteniamo il grafico a scatola dell’immagine 2. L’asse delle ordinate riporta il numero di mesi.

Grafico a scatola

Se non si ha familiarità con il grafico a scatola, le porzioni superiore e inferiore delle linee che si estendono in verticale rappresentano rispettivamente il valore massimo e minimo.

La linea in mezzo alla scatola è la mediana, mentre la “x” interna alla scatola è la media. Il colore verde esprime il terzo quartile e il blu il secondo quartile. Visto che è preferibile una crescita più rapida, le scatole blu sono migliori delle verdi. I cerchi dal contorno blu indicano i valori estremi. Ad esempio, sono servite 142 settimane a Razyan Sabau per entrare tra i primi 125 dopo aver vinto Wimbledon juniores 1993, cioè una durata nettamente fuori media (che per Wimbledon è di circa 40 mesi).

IMMAGINE 2 – Finestre di crescita

Se il fatto che la porzione verde della finestra di crescita per i primi 10 non è chiaramente sopra alla verde dei primi 20 crea confusione, è probabile che sia dovuto solo alla dimensione del campione. Ci sono 23 occorrenze per i primi 10, 17 per i primi 5 e, come detto, solo 4 per il numero 1.

Chi è alla pari?

Grazie a queste finestre temporali, possiamo vedere quali tra i recenti vincitori di Slam juniores sono ancora in corsa per raggiungere determinati traguardi. Allo scopo, utilizzo finestre aggregate dal grafico a scatola e non quelle di crescita specifiche per torneo. Non mi spingo più in la dei primi 10 in questo caso – perché da quel punto il campione di dati inizia a frammentarsi – e il primo titolo, che significa che sono rilevanti solo i vincitori dal 2013.

Vorrei saperne di più su come costruire un grafico da queste informazioni, ma la cosa migliore che posso fare è associare dei colori a una tabella. Se un giocatore ha già raggiunto il traguardo, scrivo il numero di mesi nella cella. Ma se è in ritardo (cioè fuori dal vertice del terzo quartile), lo sfondo è rosso con il carattere in bianco. Visto che, ovviamente, è meglio avere una crescita più rapida, utilizzo il carattere in blu se si è sotto la mediana – cioè il giocatore ha ancora molto tempo – e uno sfondo verde se si è nel terzo quartile, cioè se il tempo a disposizione è sempre meno, ma non ancora in modo irrecuperabile. Lo sfondo è rosso se il giocatore ha mancato il terzo quartile.

Riepilogando, se c’è solo il numero nella cella, il giocatore è in posizione ottimale. I numeri bianchi su sfondo rosso indicano un passaggio intermedio di crescita più lenta del normale. Le celle blu vanno bene, le verdi non sono granché e quelle rosse senza numeri vanno male.

IMMAGINE 3 – Tabella riepilogativa della crescita dei vincitori di Slam juniores con codifica tramite colori

Kyrgios

Si fa notare più di tutte la cella rossa di Nick Kyrgios nella colonna dei primi 10. Ma non va dato troppo peso. Come detto, la dimensione del campione dei primi 10 si sta frammentando, motivo per il quale la parte negativa nel grafico a scatola è inferiore a quella dei primi 20. Va aggiunto però che i giocatori davvero fenomenali sono entrati tra i primi 10 antecedentemente alla fase della carriera in cui si trova Kyrgios, quindi un po’ di preoccupazione (per lui) la desta.

I tardivi

Christian Garin, Gianluigi Quinzi e Noah Rubin hanno raggiunto alcuni dei traguardi, ma sempre in ritardo, e sono anche indietro su tutti quelli successivi. Le recenti prestazioni di Garin lo hanno portato vicino ai primi 50 in modo da far pensare che abbia margini di crescita inespressi, ma il passaggio dal numero 73 al 50 è più ampio di quanto non lo sia nella realtà.

Stelle amiche

Tutti i recenti vincitori godono di buona salute, in molti casi perché i loro titoli sono freschi. Alcuni però si distinguono più di altri. Molta attenzione è stata data ai due canadesi Denis Shapovalov e Felix Auger-Aliassime che, rispetto a questa metrica, sono chiaramente sulla giusta traiettoria, o anche in anticipo sui tempi. Hanno ricevuto molta meno attenzione invece vincitori più recenti come Alexei Popyrin e Alejandro Davidovich Fokina, che sembrano anche loro sulla giusta traiettoria.

Tic toc

Per Geoffrey Blancaneaux il momento è arrivato, inesorabile. Si trova nella parte inferiore della finestra per i primi 200 e i primi 125. Gli serve quindi una scalata rapida e, dal numero 498, non sembra che sia nelle sue corde. Zsombor Piros ha un po’ più di tempo di Blancaneaux, ma al numero 361 deve rendersi conto di aver mancato gli obiettivi (letteralmente) e che si sta avvicinando, in carriera, a un punto di non ritorno. ◼︎

Boys Grand Slam Winners Developing as Pros, or “Geoffrey Blancaneaux, You’re On the Clock”

DELLO STESSO AUTORE

Il destino delle finaliste di Slam juniores

Pubblicato il 5 luglio 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Tempo fa, ho scritto della probabilità...

Le costose conseguenze dei doppi falli di Kasatkina

Pubblicato il 15 gennaio 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Nel primo turno degli Australian Open 2019...

Scegliere un torneo Challenger: un caso studio

Pubblicato il 14 agosto 2017 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // In quasi tutte le settimane del calendario...

Esiste un calo emotivo dopo una finale ATP?

Pubblicato l’1 gennaio 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Se siete come me, quando vedete due giocatori...

Il fattore campo nel tennis, parte 2 (l’analisi sui singoli paesi)

Pubblicato il 26 settembre 2015 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Nella parte 1, ho introdotto i criteri...

Due meno tre = x

di Chapel Heel // HiddenGameOfTennis // Negli ultimi giorni, i tifosi di Rafael Nadal si sono lamentati a gran...

Questi giocatori sono simili tra loro?

Pubblicato il 10 ottobre 2018 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Mentre ero alle prese con un’altra indagine...

La fortuna del sorteggio: Australian Open 2019

Pubblicato l’11 gennaio 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Come solitamente faccio alla vigilia di uno...

La crescita da professioniste delle vincitrici di Slam juniores

Pubblicato il 21 aprile 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // In un precedente articolo, ho affrontato la...

La ricetta di Aliaksandra Sasnovich per le ciambelle

Pubblicato il 20 febbraio 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Nel gergo inglese dell’appassionato di tennis, il...