Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

La crescita da professioniste delle vincitrici di Slam juniores

ULTIMI ARTICOLI

È tornata la discesa a rete?

Pubblicato il 2 ottobre 2020 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Se guardando il Roland Garros 2020...

Venti non vuol dire sempre venti

Pubblicato il 12 ottobre 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // C’è sempre più traffico in cima...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (donne)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Come per gli uomini, anche per...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (uomini)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Da diversi anni ormai eseguo simulazioni...

Cosa succede al ritmo di gioco con le nuove regole imposte dalla pandemia

Pubblicato il 31 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // La pandemia COVID-19 ha imposto agli...

Che valore assegnamo ai tornei Masters o Premier vinti nella bolla?

Pubblicato il 30 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Il tennis è ripartito, ma molti...

Mettere un asterisco accanto agli US Open è prematuro, e forse del tutto sbagliato

Pubblicato il 19 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Ci saranno diverse assenze di alto...

Il circuito femminile post COVID-19 sta rientrando alla normalità

Pubblicato il 17 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Negli ultimi due tornei femminili, abbiamo...

Il sospetto che Venus e Serena debbano giocare contro troppo spesso è fondato?

Pubblicato il 12 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Nel torneo di Lexington di questi...

Effetti della pandemia nel torneo di Palermo?

Pubblicato il 10 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // È più difficile fare previsioni sullo...

ULTIMI ARTICOLI

Pubblicato il 21 aprile 2019 su HiddenGameOfTennis – Traduzione di Edoardo Salvati

// In un precedente articolo, ho affrontato la durata della crescita dei vincitori di prove Slam juniores una volta passati al professionismo. È il momento delle vincitrici, in particolare di tutte quelle che dal 1990 hanno vinto almeno uno Slam juniores, e del loro avanzamento nel raggiungere determinati traguardi da professioniste. Si tratta di 99 giocatrici in 117 prove di Slam juniores.

Vinco ora, vinco anche dopo

La semplice tabella che segue mostra l’età media della vincitrice juniores per i quattro tornei, il numero di tornei di singolare vinti sul circuito maggiore, i Premier vinti, gli Slam vinti (al momento) e la mediana dei guadagni in carriera (compreso il doppio, i Challenger, etc).

I guadagni in carriera tengono conto dell’inflazione. Mi interessava solo un’approssimazione, quindi ho usato l’indice dei prezzi al consumo deli Stati Uniti, anche se la maggior parte delle giocatrici non è americana. Inoltre, per evitare eccessive complicazioni, ho rapportato i valori all’anno a metà della carriera di una giocatrice (ad esempio, ai fini dell’analisi Victoria Azarenka ha giocato dal 2003 al 2019 e l’indice dei prezzi al consumo è quello del 2011). Ho preso la mediana perché la media avrebbe confuso le idee: in particolare Azarenka, Martina Hingis e Agnieszka Radwanska hanno vinto molti più premi partita e tornei delle altre vincitrici juniores.

Da ultimo, il numero in fondo alla colonna “Mediana $$” rappresenta la mediana dei guadagni di tutti le giocatrici nei quattro Slam juniores, avendo tolto le vincitrici multiple, vale a dire che non è la media o la mediana delle mediane nella colonna. Lo stesso è per il corrispettivo valore nella colonna “Mediana Classifica Massima”. Inoltre, come ho spiegato in un altro articolo, è molto difficile stabilire quale torneo possa rientrare nella categoria Premier di quelli precedenti alla ridefinizione (relativamente recente) della struttura dei tornei della WTA.

Numeri migliori degli uomini

Vale la pena sottolineare che l’età media delle vincitrici è di ben un anno inferiore a quella dei vincitori. Complessivamente, le vincitrici hanno anche medie e mediane migliori dei vincitori, con 121 titoli in più vinti, 8 Slam in più, circa un milione di dollari in più in guadagni mediani e una mediana della classifica massima migliore di 24 posizioni rispetto ai vincitori di Slam juniores.

In aggregato, si potrebbe pensare che la vincitrice di uno Slam juniores vincerà poi 6 o 7 tornei sul circuito maggiore (655 diviso 99), con un 50% di probabilità di vincere un evento Premier. Così non è naturalmente. Hingis, Justine Henin e Lindsay Davenport hanno vinto 141 di quei 655 titoli, quasi la metà dei Premier e quasi la metà degli Slam. Tuttavia, a differenza dei vincitori in cui meno della metà ha vinto anche un solo torneo del circuito maggiore, tra le vincitrici il 60% ha vinto un torneo WTA.

Sapere quando ritirarsi

La mediana dei guadagni di circa 2.2 milioni di dollari è molto più alta di quanto visto per i vincitori juniores i quali hanno una carriera tra i professionisti di circa dieci anni dalla vittoria dello Slam, riuscendo a malapena a vivere dei premi partita, visti gli ingenti costi annuali. Dopo aver escluso i guadagni estremi di Federer, Murray, Wawrinka, Marin Cilic e Andy Roddick, e calcolato la media e la deviazione standard dei guadagni in carriera dei rimanenti giocatori, un campione di Slam juniores ha una probabilità del 24% di guadagnare non più di 250.000 dollari in carriera…prima delle spese.

Replicare la stessa metodologia in campo femminile è marcatamente più complesso. In primo luogo, i casi estremi sono molto rari. Più di una dozzina delle 99 vincitrici del campione considerato hanno guadagnato 15 milioni di dollari (tenendo conto dell’inflazione). Altrettanto importante, le vincitrici sanno quando è arrivato il momento di ritirarsi. Dei vincitori e vincitrici juniores che non sono più in attività, l’età media a cui le vincitrici si sono ritirate è di quattro interi anni più bassa di quella dei vincitori.

Risalire la classifica

La tabella che segue mostra la percentuale di giocatrici che raggiungono determinati traguardi una volta diventate professioniste. Le prime colonne si riferiscono a traguardi in termini di classifica, le ultime due a titoli sul circuito maggiore e Slam.

Ci sono 50 percentuali e, nel confronto con la versione maschile, le vincitrici ottengono un record di 47-1-2 (vittorie, pareggi, sconfitte). Il vincitore degli US Open juniores ha il 10% di probabilità di arrivare al numero 1 della classifica, contro il 6.7% delle vincitrici, ma è di poca importanza. Si parla infatti di tre juniores uomini contro due donne. Le due percentuali di pareggio si riferiscono al raggiungimento del numero 1 e alla vittoria di uno Slam dopo aver vinto gli Australian Open juniores, entrambe prive di importanza.

Sembra quindi che, rispetto ai vincitori, una campionessa Slam juniores abbia molte più probabilità di una solida carriera. Tralasciando le categorie con campioni ridotti (in particolare il numero 1 e le vittorie negli Slam), le vincitrici hanno il 50% di probabilità in più dei vincitori di entrare tra le prime 50 e tra le prime 20, e il 33% in più di vincere un torneo di singolare del circuito maggiore. Vale la pena riflettere su questi numeri. Se la tendenza storica si mantiene tale, la vincitrice di una prova Slam juniores ha circa il 50% di probabilità di entrare tra le prime 20, più di una probabilità su quattro di entrare tra le prime 10 e quasi una su cinque tra le prime 5. Se ne deduce quindi che la ricerca di una futura promessa tra le vincitrici di Slam juniores è più redditizia che tra i vincitori.

Appunti relativi allo specifico torneo

Delle brevi considerazioni a margine.

Australian Open

Come per i vincitori, le vincitrici di Australian Open juniores ottengono meno successo delle vincitrici degli altri tre Slam juniores

Roland Garros

Nessun vincitore del Roland Garros juniores dal 1990 al 2018 è arrivato al numero 1 della classifica mondiale. Per contro, ci sono più vincitrici del Roland Garros juniores che hanno raggiunto il numero 1 – ben 5 – di qualsiasi degli altri Slam juniores. La mediana del picco massimo di classifica delle vincitrici del Roland Garros juniores è di 14!

Halep

Tra le campionesse juniores dal 2007 (in qualsiasi dei quattro tornei), Halep è l’unica vincitrice di uno Slam da professionista

Vincitrici multiple

Ci sono 15 vincitrici multiple di Slam juniores.

Al pari dei vincitori, anche le vincitrici juniores hanno raggiunto buoni risultati. La mediana dei guadagni è notevolmente più bassa di quella maschile, in parte dovuta alla disparità di premi partita. La mediana di classifica massima dei vincitori è di quattro posizioni peggiore rispetto a quella delle vincitrici. Le vincitrici multiple hanno 47 titoli in più e 8 Slam in più rispetto ai vincitori. Come per i vincitori, i guadagni includono anche i premi del doppio, ma non le altre colonne.

Vincere tre volte è meglio di due? Con soli due vincitori di tre Slam a testa, Gael Monfils (ottima carriera) e Daniel Elsner (di cui non avevo mai sentito parlare), non si sono potute trarre grandi conclusioni. Tra le donne, abbiamo Magdalena Maleeva (ottima carriera), Hingis (nella Hall of Fame) e Anastasia Pavlyuchenkova (ottima carriera).

Durata della crescita

Siamo in grado di calcolare la probabilità con cui le vincitrici di Slam juniores raggiungono determinati traguardi da professioniste, ma non la velocità con cui lo fanno (se mai ci riescono). Ho misurato il tempo trascorso in mesi (arrotondato) tra la data della vittoria di uno Slam juniores per una giocatrice e il raggiungimento di quei traguardi. Il grafico dell’immagine 1 mostra le curve per ciascun torneo con il numero di mesi sull’asse delle ordinate.

IMMAGINE 1 – Durata della crescita (in mesi)

Un numero importante di campionesse juniores erano già tra le prime 200 al momento della vittoria di uno Slam juniores. Inoltre, Angelique Widjaja ha vinto il titolo al Roland Garros con una classifica tra le prime 125 e avendo già un trofeo sul circuito maggiore!

Minore variazione ma più tempo per entrare nelle prime 20

Si assiste anche a una variazione minore tra gli Slam juniores femminili rispetto a quelli maschili: le quattro curve del grafico seguono un andamento ragionevolmente simile. Le curve dei vincitori erano anche più piatte, con una progressione più stabile verso il vertice. Le vincitrici invece passano più velocemente da un livello al successivo, fino alle prime 50. Per passare però poi alle prime 20, la fase di attesa è più lunga di quanto si verifica tra i vincitori, da cui l’andamento più verticale delle curve per quella sezione del grafico.

In media, servono due anni e tre mesi dalle prime 50 alle prime 20, cioè quasi un anno di più dei vincitori che sono arrivati fino a quelle posizioni. D’altro canto, le vincitrici raggiungono il primo titolo quasi otto mesi prima e chi riesce ad arrivare nelle prime 5 lo fa in media 18 mesi prima dei vincitori di Slam juniores.

Aggregando i dati dei quattro Slam juniores femminili per ognuno dei traguardi citati, oltre al primo “vero” Slam raggiunto, otteniamo il grafico a scatola dell’immagine 2. L’asse delle ordinate riporta il numero di mesi. Il colore verde rappresenta il terzo quartile e il blu il secondo quartile. Visto che è preferibile una crescita più rapida, le scatole blu sono migliori delle verdi. I cerchi dal contorno blu indicano i valori estremi. Ad esempio, sono servite 107 settimane a Kristina Kucova per entrare tra le prime 10 dopo aver vinto gli US Open juniores 2007, cioè una durata nettamente fuori media (che per gli US Open è di circa 22 mesi).

IMMAGINE 2 – Finestre di crescita

Chi è indietro?

Grazie a queste finestre temporali, possiamo vedere quali tra le recenti vincitrici di Slam juniores sono ancora in corsa per raggiungere determinati traguardi. Allo scopo, utilizzo finestre aggregate dal grafico a scatola e non quelle di crescita specifiche per torneo. Non mi spingo più in la dei primi 10 anche per le vincitrici – perché da quel punto il campione di dati inizia a frammentarsi – e il primo titolo. Questo significa che sono rilevanti solo le vincitrici dal 2012, rispetto al 2013 per i vincitori, visto il periodo di crescita più lungo necessario a entrare tra le prime 20.

Se una giocatrice ha già raggiunto il traguardo, scrivo il numero di mesi nella cella. Ma se è in ritardo (cioè fuori dal vertice del terzo quartile), lo sfondo è rosso con il carattere in bianco. Dato che, ovviamente, è meglio avere una crescita più rapida, utilizzo il carattere in blu se si è sotto la mediana – cioè la giocatrice ha ancora molto tempo – e uno sfondo verde se si è nel terzo quartile, cioè se il tempo a disposizione è sempre meno ma ancora non in modo irrecuperabile. Lo sfondo è rosso se la giocatrice ha mancato il terzo quartile.

Riepilogando, se c’è solo il numero nella cella, la giocatrice è in posizione ottimale. I numeri bianchi su sfondo rosso indicano un passaggio intermedio di crescita più lenta del normale. Le celle blu vanno bene, le verdi non sono granché e quelle rosse senza numeri vanno male.

IMMAGINE 3 – Tabella riepilogativa della crescita delle vincitrici di Slam juniores con codifica tramite colori

Un’attesa più lunga per entrare nelle prime 200

Per via della più lunga durata di crescita per entrare nelle prime 20 e andare oltre, ci sono molte più celle blu nella metà destra della tabella, se paragonata a quella dei vincitori. È anche interessante il numero di traguardi raggiunti ma con ritardo sulla progressione attesa (i numeri bianchi su sfondo rosso). Siamo principalmente nella fase tra le prime 200 e le prime 125, e credo dipenda dal fenomeno già citato, per cui alcune giocatrici erano nelle prime 200 e prime 125 quando hanno vinto lo Slam juniores.

Sebbene delle giocatrici nella tabella solo Annika Beck e Amanda Anisimova siano esempio di questo aspetto, la media di tutte le vincitrici juniores include 17 giocatrici che erano già nelle prime 200 alla loro vittoria, riducendo la durata della crescita. È per questo che non darei troppo peso agli undici mesi attesi di crescita per entrare nelle prime 200. Più probabilmente siamo in presenza di un tempo doppio, considerando la quantità di numeri bianchi su sfondo rosso per quella colonna.

Alcune considerazioni su giocatrici singole o gruppi di giocatrici.

Townsend

Anche se sempre un po’ tardi sulla progressione, Taylor Townsend ha raggiunto diversi traguardi, quindi è difficile pensare che non possa entrare tra le prime 50 dalla sua attuale 84esima posizione. La situazione può cambiare rapidamente nella classifica femminile, anche se le prime 50 sembrano rappresentare per lei un punto di arrivo.

Beck e Bouchard

Non penso che Beck e Eugenie Bouchard siano giocatrici simili, ma osserviamo quanto la durata della loro crescita sia, o sia stata, analoga. Beck si è ritirata nel 2018, ma in realtà ha smesso di giocare nel 2017 per via di infortuni, prima di compiere 24 anni. Annunciando il ritiro ha detto di avere altri aspirazioni oltre al tennis, quindi ha lasciato. Si può pensare che Beck non avesse il talento per stare nel lungo periodo dietro a Bouchard – la quale a sua volta ha avuto delle battute d’arresto – ma Beck ha vinto due tornei, e Bouchard è ancora ferma a uno.

Konjuh

Ana Konjuh era in linea con tutti i traguardi, ma è stata tradita dal gomito. A marzo si è sottoposta a un intervento chirurgico al legamento collaterale dell’ulna, noto anche con il nome di “operazione Tommy John”, che suona molto più preoccupante. Ha almeno un anno prima di riprendere qualsiasi forma di tennis competitivo. È probabile che la cella rossa delle prime 10 nella sua tabella non si riempia di un numero bianco, ma è interessante pensare a dove sarebbe potuta arrivare.

Linee pulite e cieli blu

Solo Alexander Zverev, tra i vincitori di Slam juniores, vanta un linea completamente pulita, senza celle vuote o con sfondo rosso. Tra le vincitrici abbiamo invece Bouchard, Belinda Bencic e Jelena Ostapenko che però, una volta raggiunti i traguardi, hanno smarrito la strada.

Nel frattempo Anisimova (che ha vinto il primo titolo a Bogotà 2019) e Iga Swiatek (che ha giocato la prima finale a Lugano 2019) stanno raggiungendo i loro traguardi in direzione di cieli, o celle, sempre più blu.

Tic Toc (ma è un orologio che rimane indietro?)

Marie Bouzkova è arrivata tardi a ogni traguardo, ma al momento non è lontana dalle prime 100. La tabella segnala il suo ritardo anche per i prossimi due traguardi, e non è un buon segno. Ho guardato alcune partite e, in termini di talento, penso possa raggiungere le prime 50 (magari anche le prime 40). Ha vinto gli US Open juniores 2014, e ha solo vent’anni.

Tra le vincitrici più recenti, Marta Kostyuk è entrata tra le prime 200 dopo il previsto, mentre nei tempi giusti tra le prime 125. Si trova ora allo scadere per l’ingresso tra le prime 100, e decisamente lontano vista la 245esima posizione. Possiamo dire che è ancora in tempo – anzi, è quello che ho scritto – e non la si può dare per persa. Ha vinto gli Australian Open juniores quando aveva solo 14 anni e mezzo e alla fine di giugno ne compirà 17.

Più bassa l’età della vittoria, migliore la carriera

Per alcune giocatrici, specialmente quelle che hanno vinto lo Slam juniores quando erano molto giovani, il tempo potrebbe interrompersi. I dati dell’articolo (e lo stesso per i vincitori juniores) misurano la distanza tra la vittoria in uno Slam juniores e un traguardo da professioniste, non l’età in cui questo si è verificato. La progressione verso il vertice del tennis non può essere sempre misurata a partite dall’età, perché in quel caso si ipotizza che ogni giocatrice raggiunga l’apice nello stesso momento. Il successo in uno Slam juniores fornisce indicazione del talento di una giocatrice, a prescindere dall’età.

Tuttavia, la crescita successiva alla vittoria potrebbe essere influenzata proprio dall’età della giocatrice. Ad esempio, l’età media delle vincitrici di Slam juniores è 16.5, ma ce ne sono diverse sotto i 16 anni come nel caso di Kostyuk: Maleeva (tre volte), Mirjana Lucic (due), Virginie Razzano (due), Jelena Jankovic, Barbora Strycova, Azarenka, Pavlyuchenkova (due), Townsend e Konjuh. 

È un elenco niente male, ed è solo quello delle vincitrici con meno di 16 anni degli Australian Open. Ho parlato del fatto che Hingis ha vinto il Roland Garros juniores due volte, di cui una a quattro mesi dai 13 anni e la seconda un anno dopo?!! Cori Gauff è entrata nel tabellone principale a Miami 2019 a soli 15 anni, nemmeno a un anno di distanza dalla vittoria del Roland Garros juniores.

Pur in assenza di prove inconfutabili, la mia idea è che le giocatrici che vincono Slam juniores a un’età molto più bassa della media beneficiano poi di una carriera decisamente migliore. Per adesso, mi fermo qui. ◼︎

Girls Grand Slam Winners Developing as Pros, or “Tick Tyock, Kostyuk”

DELLO STESSO AUTORE

Finali di stagione Gruppo Hewitt, le probabilità delle semifinali

Pubblicato il 15 novembre 2018 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Le probabilità delle semifinali del Gruppo Kuerten.

La fortuna del sorteggio: Wimbledon 2019 (uomini)

Pubblicato l’1 luglio 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Come d’abitudine per gli Slam, ho eseguito una...

L’avversione di Pablo Carreno Busta per l’erba

Pubblicato il 3 luglio 2018 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // È passato poco più di un anno...

La fortuna del sorteggio: Wimbledon 2019 (donne)

Pubblicato l’1 luglio 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Come d’abitudine per gli Slam, ho eseguito una simulazione...

Quali giocatori potrebbero essere più efficienti con il challenge?

Pubblicato il 9 agosto 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Durante Wimbledon, ho ricevuto una tabella relativa al...

Chi ha favorito e sfavorito di più il (o la fortuna nel) sorteggio del tabellone maschile di Wimbledon?

Pubblicato l’1 luglio 2017 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Nel sorteggio del tabellone di un torneo del...

Idee eccentriche: il tennis dovrebbe diventare come il golf?

Pubblicato il 26 maggio 2018 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Tempo fa, nel circolo dove gioco a...

Tutto su Radu Albot

Pubblicato il 29 marzo 2019 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Dopo aver iniziato l’anno alla posizione 98...

Scegliere un torneo Challenger: un caso studio

Pubblicato il 14 agosto 2017 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // In quasi tutte le settimane del calendario...

Cose di tennis che non sapevo su Luca Vanni

Pubblicato il 20 settembre 2018 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Il nome di Luca Vanni compare frequentemente...