Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Quando anche le maratone di tennis diventano troppo lunghe

ULTIMI ARTICOLI

Venti non vuol dire sempre venti

Pubblicato il 12 ottobre 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // C’è sempre più traffico in cima...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (donne)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Come per gli uomini, anche per...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (uomini)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Da diversi anni ormai eseguo simulazioni...

Cosa succede al ritmo di gioco con le nuove regole imposte dalla pandemia

Pubblicato il 31 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // La pandemia COVID-19 ha imposto agli...

Che valore assegnamo ai tornei Masters o Premier vinti nella bolla?

Pubblicato il 30 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Il tennis è ripartito, ma molti...

Mettere un asterisco accanto agli US Open è prematuro, e forse del tutto sbagliato

Pubblicato il 19 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Ci saranno diverse assenze di alto...

Il circuito femminile post COVID-19 sta rientrando alla normalità

Pubblicato il 17 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Negli ultimi due tornei femminili, abbiamo...

Il sospetto che Venus e Serena debbano giocare contro troppo spesso è fondato?

Pubblicato il 12 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Nel torneo di Lexington di questi...

Effetti della pandemia nel torneo di Palermo?

Pubblicato il 10 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // È più difficile fare previsioni sullo...

Elo ai tempi del COVID-19

Pubblicato il 2 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Il tennis è ripartito, ma nessuno...

ULTIMI ARTICOLI

Pubblicato il 24 gennaio 2016 su TheConversation – Traduzione di Edoardo Salvati 

Le partite maratona, quelle che sembrano non aver fine, sono più frequenti nel tennis attuale di quanto lo siano mai state. Di conseguenza, lo standard di eccellenza dello sport è sotto minaccia.

Dieci partite di primo turno agli Australian Open 2016 si sono concluse al quinto set. Due partite terminate in quattro set hanno avuto il tiebreak in ogni set.

Sono tutte partite, tranne una, che hanno superato le 3 ore di gioco. Tre di queste sono durate più di 4 ore e mezzo. Per contro, agli Australian Open 2001 nessuna partita dell’intero torneo – ancor meno quindi del solo primo turno – è durata 4 ore e mezza.

Una tendenza generale

Il gruppo di partite di durata prolungata nei primi turni degli Australian Open 2016 è espressione di una tendenza generale di aumento del tempo trascorso in campo nei tornei dello Slam. Tra il 2000 e il 2012, il tempo complessivo di gioco per il tabellone di singolare maschile degli Slam sul cemento (Australian Open e US Open) è salito di 44 ore.

IMMAGINE 1 – Monte ore di gioco nei tornei dello Slam (singolare maschile)

Con il numero di partite in singolare fermo, nel periodo considerato, a 127, questa dinamica si è tradotta in un aumento medio di 20 minuti a partita nel 2012 rispetto a un decennio fa.

Anche a Wimbledon, dal 2000 al 2012, la durata delle partite è cresciuta significativamente pur trattandosi di un torneo su erba, stabilendo un record di più di 310 ore di gioco nel 2010 e nel 2012. Solo al Roland Garros, lo Slam sulla terra battuta e quello in cui storicamente le partite hanno avuto la durata più lunga, non si sono verificati cambiamenti degni di nota.

Perché le partite stanno diventando più lunghe?

Attualmente esistono tre principali superfici, cemento, erba e terra battuta. Il tipo di superficie è in grado di incidere significativamente sulla velocità della pallina, con la terra battuta su cui si registrano le velocità più basse e l’erba quella con le più alte. Mai come prima, il tennis è diventato uno sport omogeneo: il gioco su ciascuna superficie assomiglia ormai molto allo sfiancante palleggio tradizionalmente associato alla terra battuta. 

Il cambiamento più evidente degli anni recenti è stato il passaggio da un gioco rapido caratterizzato dal servizio e volée degli anni ’80 e ’90 a uno da fondo in cui gli scambi sono più lunghi e in cui è raro vedere punti giocati a rete.

Pur in assenza di un singolo fattore scatenante, il ruolo dei nuovi materiali – racchette e corde – ha fatto da propulsore. Il diffuso utilizzo di racchette con un piatto più grande e con corde in poliestere ha consentito ai giocatori di vertice di colpire con straordinaria forza e controllo in ogni punto del campo, rendendo le discese a rete una strategia meno vincente.

Quali sono gli effetti?

Un aumento della durata delle partite genera ricadute su tutti gli aspetti del tennis. Aggiungere due giornate di gioco alla programmazione bi-settimanale dello stesso torneo può essere una sfida in condizioni normali, un incubo logistico in presenza di rinvii per maltempo.

Dopo diversi anni in cui gli US Open sono stati martoriati dalla pioggia, gli organizzatori hanno deciso di spostare la finale del singolare maschile al lunedì, rischiando di perdere milioni di dollari in sponsorizzazioni e di subire un calo degli ascolti televisivi (con la realizzazione della copertura mobile del campo centrale, la finale è tornata a disputarsi regolarmente di domenica, n.d.t.).

La durata incide anche sul divertimento e gradimento degli spettatori. Un patito non si lamenterà mai di troppo tennis, ma se l’obiettivo è aumentare il numero di appassionati in tutto il mondo, la presenza regolare di partite maratona deve essere un campanello d’allarme. Se seguire il tennis si traduce in uno sforzo aerobico, c’è il rischio di assistere a un assottigliamento nelle fila degli appassionati anche più estremi.

Tra gli effetti collaterali di partite più lunghe, quelli più gravosi risiedono in un aumento degli infortuni e un peggioramento della prestazione sportiva. La competizione ai massimi livelli non dovrebbe mai andare a scapito della salute dei giocatori.

Per quanto sia un legame indiretto, un contestuale aumento della frequenza dei ritiri nello Slam in cui si è verificato il maggior incremento nella durata delle partite – gli US Open – solleva il timore che il rendimento dei giocatori possa essere alterato dalla necessità di dover stare più tempo in campo, dando adito a un più alto rischio di infortuni.     

IMMAGINE 2 – Ritiri durante la partita (singolare maschile)

Cosa si sta facendo?

Nel 2012, tre partite di singolare maschile in uno Slam sono durate quasi sei ore. La maratona di undici ore tra John Isner e Nicolas Mahut a Wimbledon 2010 è apparsa più un’anticipazione dei tempi a venire che un evento accidentale.

Alla fine del 2012, l’ATP – l’organismo a capo del circuito maschile, ha introdotto modifiche volte a ridurre la tendenza all’aumento della durata delle partite, la più significativa delle quali relativa alle conseguenze della violazione temporale dei 25 secondi tra la fine di un punto e l’inizio del successivo, in modo da incentivare un maggiore rispetto della regola.

Sebbene le modifiche introdotte dall’ATP non abbiano generato effetti diretti perché gli Slam sono regolamentati dalla Federazione Internazionale (che prevede una violazione temporale di 20 secondi), dal 2013 si è assistito a una diminuzione nella durata delle partite. Questo lascia pensare che i cambiamenti promossi dall’ATP abbiano favorito una generale riduzione della durata.

Le partite sono comunque molto più lunghe oggi di quanto non lo fossero dieci anni fa. Il rispetto tassativo della violazione temporale porterà a una riduzione delle pause in una partita, ma potrebbe generare scarso giovamento alla salute dei giocatori. Riducendo il tempo di recupero tra un punto e l’altro mantenendo inalterata l’intensità dello scambio si può in realtà peggiorare la situazione.

Di fronte alle recenti iniziative degli organismi di governo del tennis per cercare di risolvere il problema, rimane da capire se si tratti di interventi di estetica e se siano necessarie azioni più incisive. ◼︎

When tennis marathons become too much of a good thing

DELLO STESSO AUTORE

Djokovic torna numero 1, ma non ha smesso di salire

Pubblicato il 2 novembre 2018 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Non si è quasi parlato di altro...

Come Medvedev e Berrettini hanno gestito la pressione agli US Open

Pubblicato il 13 settembre 2019 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Con il grande risultato ottenuto agli...

I migliori al servizio tra i probabili contendenti per il Roland Garros

Pubblicato il 21 maggio 2017 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Archiviati gli Internazionali d’Italia con la vittoria...

Il movimento analitico del tennis celebra il linguaggio R a Cape Town

Pubblicato il 18 marzo 2018 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Mentre all’Indian Wells Masters andava in scena...

Misurare la fatica in partita

Pubblicato il 13 ottobre 2017 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // A seguito di un intervento a cui...

Quando anche le maratone di tennis diventano troppo lunghe

Pubblicato il 24 gennaio 2016 su TheConversation - Traduzione di Edoardo Salvati  Le partite maratona, quelle che...

Dovremmo sorprenderci della stagione che Murray sta avendo sulla terra?

Pubblicato il 15 maggio 2017 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati Dopo diversi tornei sulla terra battuta, in...

Trasformare il dominio in vittorie: un modello pitagorico per il tennis

Pubblicato il 26 settembre 2015 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Più volte mi sono lamentata...

La fortuna del sorteggio: Australian Open 2017

Pubblicato il 15 gennaio 2017 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Un aspetto interessante del tennis è il...

Previsioni per il Roland Garros 2018

Pubblicato il 26 maggio 2018 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // L’inizio del Roland Garros 2018 è ormai...