Lasciate che Bernie si tenga i soldi

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 4 luglio 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

L’altro giorno, Bernard Tomic ha perso al primo turno di Wimbledon contro Jo-Wilfried Tsonga. Non mi sorprende: avevo previsto per Tsonga un 64% di probabilità di vittoria, senza nemmeno tener conto della salute non proprio ferrea di Tomic, costretto a ritirarsi a partita in corso per due volte nelle ultime sei settimane.

La partita tra i due ha immediatamente fatto notizia, ma per le ragioni sbagliate. Tomic è caduto in disonore raccogliendo solo sette game in una partita che è durata 58 minuti, la più breve a Wimbledon da quando nel 2004 Roger Federer ha battuto Alejandro Falla in 54 minuti.

L’All England Club ha reagito annunciando che Tomic perderà il premio partita a lui spettante, ufficialmente perché “non ha reso al livello dello standard professionale richiesto”.

Veloce ma non sufficientemente furioso

Non so se Tomic abbia reso al livello dello standard professionale richiesto, perché non esiste una definizione precisa di “standard professionale”. Ho l’impressione che sia una combinazione dei seguenti elementi:

  • il giocatore ha perso malamente
  • il giocatore ha la reputazione di perdere di proposito
  • la partita ha ricevuto molta attenzione e quindi dobbiamo far vedere di prendere provvedimenti.

Quello che so invece è che gli organizzatori di Wimbledon si sono fissati sul numero sbagliato. Vero, 58 minuti sono una partita in tre set incredibilmente veloce. Ma Tomic — anche quando è in palla ed esprime il meglio — è probabilmente il giocatore più veloce sul circuito, spesso iniziando a servire non appena ha ricevuto la pallina dal raccattapalle. Anche Tsonga ha un ritmo veloce. Nessuno dei due è particolarmente forte alla risposta e su una superficie veloce quello di Tsonga è un servizio devastante, quindi i punti sarebbero stati comunque brevi.

Una statistica più appropriata è rappresentata dal numero dei punti giocati, in questo caso 125, che, rispetto alla durata, non generano scalpore da prima pagina.

Ovunque, multe!

A un tratto, la partita tra Tomic e Tsonga non è più così speciale. Dal 2000, ci sono state altre 77 partite di Slam che hanno richiesto non più di 125 punti, quasi esattamente una partita per Slam. Nell’elenco troviamo due quarti di finale, tre semifinali e la finale degli Australian Open 2003, nella quale Andre Agassi si è sbarazzato di Rainer Schuettler in 76 minuti e dopo 123 punti. Se allarghiamo l’analisi a partite con non più di 130 punti, ne aggiungiamo altre 45, tra cui entrambe le semifinali degli Australian Open 2019.

Più semplicemente, non è inusuale per una partita Slam maschile essere decisa nell’arco di 125 punti. E anche giocatori molto forti a volte perdono così rapidamente. Ma non lo si nota più di tanto perché, in genere, per fare 125 punti occorre un’ora e 21 minuti di gioco.

Ci sono ovviamente molte partite a senso unico anche in campo femminile. 125 punti totali sono più o meno 42 a set, quindi la “linea Tomic” è a circa 83 o 84 punti nelle partite al meglio dei 3 set. Dal 2003, ci sono state 235 partite di singolare femminile con non più di 83 punti, tra cui cinque solo al Roland Garros 2019 (ironicamente, la sconfitta di Anna Tatishvili contro Maria Sakkari, che aveva comportato a sua volta la prima multa di questo genere, era durata 93 punti e 56 minuti, 28 a set).  

Reazionario

Queste considerazioni non implicano che Tomic abbia fatto il massimo nel primo turno, o che “meriti” le 45.000 sterline da un punto di vista etico. Se i giudici arbitro del torneo avessero l’abitudine di visionare tutte le partite di primo turno e togliere il premio partita al giocatore che si è mostrato più apatico, è chiaro che Tomic diventa probabilmente il candidato numero uno a Wimbledon 2019.

Ma non funziona così. La regola dello “standard professionale” non è quasi mai chiamata in causa. Se Tomic avesse sprecato più tempo tra un punto e l’altro per far andare la partita sopra all’ora di gioco, o se il colpevole fosse stato un giocatore dal passato con meno alti e bassi, non saremmo qui a discuterne.

E se l’All England Club si concentrassero sulla giusta statistica, cioè la quantità di tennis giocato e non quanto tempo è servito, lo stile rapido e distaccato di Tomic passerebbe inosservato. Dopo tutto, c’è un altro australiano distaccato, volubile e con un gioco alla risposta scadente che merita la nostra attenzione (e cioè Nick Kyrgios, che ha poi perso al secondo turno in appena più di tre ore di gioco contro Rafael Nadal, n.d.t.).

Let Bernie Keep His Money