Quanto è forte Cori Gauff al momento?

di Jeff Sackmann // TennisAbstract

Pubblicato il 7 luglio 2019 – Traduzione di Edoardo Salvati

Cori Gauff, la quindicenne rivelazione di Wimbledon 2019, è al numero 313 della classifica. Ha giocato solo in pochi tornei tra quelli considerati dal sistema di punteggio della WTA. Prima ancora quindi dell’incredibile ascesa a Londra, si sarebbe potuto pensare che la classifica non rispecchiasse le sue potenzialità. Ma di quanto esattamente?

Al momento, Gauff non rientra nell’elenco della mia classifica Elo perché, prima delle qualificazioni di Wimbledon, non aveva superato la soglia minima delle venti partite durante lo scorso anno almeno a livello di ITF $50K. Possedeva comunque una valutazione Elo di 1488, valida per il 194esimo posto tra le giocatrici che hanno giocato a sufficienza per rientrare nelle valutazioni Elo. Quel valore si traduce all’incirca in un 3% di probabilità di una vittoria a sorpresa contro l’attuale numero uno del mondo Ashleigh Barty, e un 10% di probabilità di battere una giocatrice intorno alla ventesima posizione, come ad esempio Donna Vekic. Con così pochi dati a disposizione, sembrava una stima ragionevole delle possibilità di Gauff.

Da quando è iniziato Wimbledon, ha vinto sei partite: tre nelle qualificazioni e tre nel tabellone principale, contro Venus WilliamsMagdalena RybarikovaPolona Hercog. Non male per una giovanissima che in carriera aveva una sola vittoria di qualificazione a uno Slam e una partita di tabellone principale di un torneo del circuito maggiore!

Il 194esimo posto non sembra più rappresentare una fotografia precisa delle reali potenzialità di Gauff. Qualsiasi giocatrice che, passando attraverso le qualificazioni, raggiunge il quarto turno di uno Slam merita che la sua posizione venga aggiornata, a maggior ragione se ne sapevamo così poco fino a due settimane fa. La parte difficile è capire quale aggiustamento apportare: è diventata una giocatrice tra le prime 100, o le prime 50, o anche le prime 20?

Una revisione tramite Elo

L’algoritmo alla base di Elo è un’ottima approssimazione della modalità con cui le persone rivedono la valutazione di una giocatrice. Più dati sono già in nostro possesso di una giocatrice, più limitata sarà la modifica alla sua valutazione dopo una vittoria o una sconfitta. L’ultima giocatrice a battere Hercog era stata Simona Halep, nel torneo di Eastbourne. Abbiamo anni di risultati di Halep ed era la grande favorita in quella partita. Il fatto che abbia poi vinto non altera l’opinione sul suo valore tennistico, se non marginalmente. In termini di Elo, Halep è passata da 2100 punti a 2102, praticamente nulla.

Il caso di Gauff è ben diverso. Alla vigilia del terzo turno contro Hercog, non solo sapevamo pochissimo del suo livello tecnico, ma non era nemmeno chiaro se fosse la favorita. La vittoria ha portato Elo a una modifica significativa della valutazione, da 1713 a 1755, un incremento 21 volte più ampio di quanto beneficiato da Halep dopo aver battuto la stessa avversaria. I 42 punti aggiuntivi le hanno consentito di sopravanzare sedici giocatrici.

La tabella riepiloga la progressione Elo di Gauff, dall’arrivo a Wimbledon fino alla domenica centrale del torneo. A ogni partita segue il valore complessivo Elo (il numero che abbiamo visto finora), il valore Elo specifico per l’erba, e la ponderazione Elo per l’erba, cioè una combinazione paritetica del complessivo e dello specifico, utilizzata per fare previsioni e pronostici. Per ciascuna delle tre valutazioni è mostrata anche la classifica di Gauff rispetto alle giocatrici con almeno 20 partite nelle ultime 52 settimane.

Partita          Compl.  Cl.  Erba  Cl.  Ponderato  Cl.  
Pre-Wimbledon    1488    194  1350  163  1419       187  
b. Bolsova       1540    171  1405  132  1473       155  
b. Ivakhnenko    1566    157  1447  107  1507       131  
b. Minnen        1614    132  1514   57  1564       95  
b. V. Williams   1670    108  1578   40  1624       73  
b. Rybarikova    1713    83   1650   21  1682       41  
b. Hercog        1755    67   1686   17  1721       31

In solo sei partite, Gauff è salita dal 194esimo posto della classifica Elo complessiva al 67esimo. Ai fini del pronostico, la valutazione su erba è passata dal 187esimo al 31esimo posto. Attualmente, la valutazione ponderata di 1721 è più alta di quella di tre altre giocatrici negli ottavi di finale: Karolina MuchovaCarla Suarez Navarro (che ha perso da Serena Williams, n.d.t.), e Shuai Zhang (che ha vinto contro Darya Yastremska, n.d.t.). Ed è indietro a Elise Mertens (che ha perso da Barbora Strycova, n.d.t.) solamente di 20 punti.

Mi stai dicendo che c’è una possibilità?

Sfortunatamente, nessuna di queste giocatrici relativamente deboli sull’erba è l’avversaria di Gauff negli ottavi. Perché invece giocherà contro Halep, la terza migliore rimasta in tabellone (dopo Barty che però ha perso contro Alison Riske, e Karolina Pliskova che ha perso contro Karolina Muchova, n.d.t.) e che ha già raggiunto tre volte i quarti a Wimbledon. La valutazione Elo ponderata di Halep è di 229 punti superiore a quella di Gauff, che vuol dire che la veterana ha una probabilità del 79% di vittoria. Così la pensa anche il mercato delle scommesse, assegnando a Halep una probabilità di vittoria di circa l’80%.

Normalmente, aggiornare le valutazioni Elo durante un torneo non genera conseguenze rilevanti. Sebbene qualunque giocatrice agli ottavi di finale abbia una valutazione più alta rispetto a quella di inizio torneo, la differenza è tipicamente ridotta. Siccome i pronostici si basano sulla differenza tra la valutazione delle due giocatrici, non c’è variazione nel momento in cui la valutazione di entrambe è aumentata all’incirca nella stessa misura.

Da giovanissima e con una esperienza così ridotta, Gauff esce dagli schemi. La sua valutazione Elo di 1488 prima di Wimbledon ha solo due settimane di vita ed è già assolutamente superata rispetto a quanto sappiamo del livello che è in grado di esprimere. Avrà molte opportunità nei prossimi anni per confermare o smentire l’opinione che si ha di lei ma, per il momento, ci sono validi motivi per pensare che faccia parte delle migliori, a pieno titolo anche rispetto ad alcune delle giocatrici più grandi che hanno raggiunto la seconda settimana di Wimbledon (Gauff ha poi perso da Halep per 6-3 6-3, n.d.t.).

How Good is Cori Gauff Right Now?