Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Il più grande archivio italiano di analisi statistiche sul tennis professionistico. Parte di Tennis Abstract

Un pronostico sulla Laver Cup

ULTIMI ARTICOLI

Prevedere l’esito dei prossimi cinque anni di Slam con la sfera di cristallo

Pubblicato il 16 ottobre 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // L’anno scorso, ho creato un modello...

È tornata la discesa a rete?

Pubblicato il 2 ottobre 2020 su StatsOnTheT - Traduzione di Edoardo Salvati // Se guardando il Roland Garros 2020...

Venti non vuol dire sempre venti

Pubblicato il 12 ottobre 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // C’è sempre più traffico in cima...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (donne)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Come per gli uomini, anche per...

La fortuna del sorteggio: Roland Garros 2020 (uomini)

Pubblicato il 25 settembre 2020 su HiddenGameOfTennis - Traduzione di Edoardo Salvati // Da diversi anni ormai eseguo simulazioni...

Cosa succede al ritmo di gioco con le nuove regole imposte dalla pandemia

Pubblicato il 31 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // La pandemia COVID-19 ha imposto agli...

Che valore assegnamo ai tornei Masters o Premier vinti nella bolla?

Pubblicato il 30 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Il tennis è ripartito, ma molti...

Mettere un asterisco accanto agli US Open è prematuro, e forse del tutto sbagliato

Pubblicato il 19 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Ci saranno diverse assenze di alto...

Il circuito femminile post COVID-19 sta rientrando alla normalità

Pubblicato il 17 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Negli ultimi due tornei femminili, abbiamo...

Il sospetto che Venus e Serena debbano giocare contro troppo spesso è fondato?

Pubblicato il 12 agosto 2020 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Nel torneo di Lexington di questi...

ULTIMI ARTICOLI

Pubblicato il 20 settembre 2017 su TennisAbstract – Traduzione di Edoardo Salvati

// Nel fine settimana avrà luogo la prima edizione della Laver Cup, un torneo tra stelle del tennis in cui si affrontano Europa e Resto del Mondo. Nella squadra Europea ci sono Roger Federer e Rafael Nadal: nonostante l’assenza di molti altri giocatori di vertice del continente, l’Europa è comunque molto più forte, almeno sulla carta.

Formazioni e valutazione Elo specifica per il cemento

La tabella mostra le due formazioni, con il nome di ciascun giocatore seguito dalla sua valutazione Elo ponderata per il cemento (la superficie del torneo) e la classifica Elo tra i giocatori in attività.

EUROPA            Elo:  valutazione   classifica 
Federer                 2350          2  
Nadal                   2225          4  
Zverev                  2127          7  
Berdych                 2038          14  
Cilic                   2029          15  
Thiem                   1995          17  
                                              
RESTO del MONDO   Elo:  valutazione   classifica  
Kyrgios                 2122          8  
Isner                   1968          22  
Sock                    1951          23  
Querrey                 1939          25  
Shapovalov              1875          36  
Tiafoe                  1574          153  
Del Potro*              2154          5

* Juan Martin Del Potro si è ritirato. Ho comunque inserito la valutazione e classifica Elo per sottolineare quanto peserà la sua assenza nel Resto del Mondo. La “ponderazione” Elo per superficie è la media tra la valutazione complessiva Elo (su tutte le superfici) e la valutazione Elo specifica per superficie. La ripartizione 50/50 possiede una capacità predittiva dell’esito di una partita molto migliore di quanto non sia quella delle due valutazioni Elo prese singolarmente.

Sul cemento, Nick Kyrgios può giocarsela con chiunque. Tuttavia, pur in presenza di talento specifico sul cemento nel contingente americano, tutti gli altri rappresentanti del Resto del Mondo hanno una valutazione inferiore a qualsiasi membro della squadra europea. Per loro, decisamente non un buon punto di partenza.

Per quanto riguarda il doppio? La tabella riepiloga le valutazioni D-Lo (Elo per il doppio) e la classifica di doppio dei dodici partecipanti, oltre quelle di Del Potro.

EUROPA            D-Lo:  valutazione   classifica
Nadal                    1895          4  
Berdych                  1760          28  
Cilic                    1676          76  
Federer**                1650          90  
Zverev                   1642          99  
Thiem                    1521          185  
                                                
RESTO del MONDO   D-Lo:  valutazione   classifica 
Sock                     1866          8  
Isner                    1755          29  
Kyrgios                  1723          45  
Querrey                  1715          49  
Shapovalov**             1600          130  
Tiafoe                   1546          166  
Del Potro*               1711          55

** Federer non gioca in doppio sul circuito maggiore dal 2015, e Denis Shapovalov non ci ha mai giocato. Sono numeri che hanno quindi il valore di una stima.

In questo frangente il Resto del Mondo ha un vantaggio. Entrambe le squadre possono schierare un giocatore di altissimo livello in doppio, Nadal e Jack Sock, ma il Resto del Mondo ha maggiore talento, specialmente se Shapovalov e Frances Tiafoe – il sostituto di Del Potro dell’ultimo minuto – non vengono messi in campo. Con solo un quarto delle partite di doppio nella competizione (e un eventuale 13esima partita decisiva, se necessaria), l’Europa rimane comunque la chiara favorita.

Il formato

La Laver Cup si gioca a Praga nell’arco di tre giornate (da venerdì 22 settembre) e prevede quattro partite a giornata: tre singolari e un doppio. Ogni partita è al meglio dei tre set con il punto decisivo in caso di parità nel game e un super-tiebreak a 10 punti al posto del terzo set.

Nella prima giornata, il vincitore di ogni partita riceve un punto, nella seconda due punti e nella terza tre punti. In totale, ci sono 24 punti a disposizione e, dovesse presentarsi una parità al termine delle dodici partite, l’assegnazione della Laver Cup sarà stabilita da un solo set di doppio.

Tutti e dodici i partecipanti devono giocare almeno una partita di singolare e nessuno può giocarne più di due. Almeno quattro giocatori di ciascuna squadra devono giocare il doppio e non è possibile schierare la stessa coppia più di una volta, se non nel caso della tredicesima partita.

Tutto chiaro? Bene.

La strategia ottimale

Le regole stabiliscono che tre giocatori di ciascuna squadra giochino solo una partita di singolare e gli altri tre ne giochino due a testa. Salute permettendo, un capitano arguto userebbe i suoi migliori giocatori tre volte. Visto che le partite della seconda e terza giornata contano più di quelle della prima, è anche logico che i giocatori migliori verrebbero schierati nelle ultime due giornate.

(Ci sono delle considerazioni di teoria del gioco che, per comodità, tralascio. Il Resto del Mondo potrebbe usare i giocatori migliori già dalla prima giornata in modo da vincere punti contro i giocatori meno forti dell’Eruopa, o potrebbe lasciare intendere di farlo, nella speranza che la squadra europea faccia giocare i più forti nelle partite della prima giornata. Da quello di cui sono a conoscenza, nessuna squadra può modificare la sua formazione in risposta alle scelte della squadra avversaria, quindi le possibilità per questo tipo di strategia sono limitate.)

Doppio

Nel doppio, a strategia ideale nella scelta dei giocatori sarebbe quella di usare il giocatore migliore in tutte e tre le partite. Nella terza giornata, farebbe coppia con il secondo miglior giocatore, con il terzo miglior giocatore nella seconda giornata e con il quarto migliore nella prima giornata. Anche in questo caso la salute è un fattore e, considerando che sono tutti giocatori impegnati anche in singolare, lo diventa anche la condizione fisica. Il mio algoritmo prevede che Nadal giochi cinque volte – due in singolare e tre in doppio – e dubito fortemente che questo accada.

Il pronostico

Iniziamo dalla previsione dell’esito della Laver Cup nel caso in cui entrambi i capitani utilizzino in modo ottimale la propria formazione, anche se è un ipotesi difficilmente realistica. La simulazione è costruita assegnando un ordine casuale dei giocatori per ogni giorno di competizioni, vale a dire che se, ad esempio, Sam Querrey, Shapovalov e Tiafoe giocano nella prima giornata per il Resto del Mondo, non sappiamo chi giocherà per primo o contro quale avversario dell’Europa. Così, ogni simulazione è leggermente diversa dalle altre.

Come sempre, ho usato Elo (e D-Lo) per predire l’esito di specifici accoppiamenti tra avversari. Tenendo conto del super-tiebreak al terzo set e del fatto che alla fine è solo un’esibizione, ho aggiunto un tocco di casualità extra a ogni previsione: se l’algoritmo prevede che un giocatore abbia il 60% di probabilità di vittoria, con questa modifica si riduce a circa il 57.7%. Quando lo scorso inverno ho rivisto i numeri della IPTL, ho trovato i risultati di quelle esibizioni sorprendentemente allineati con le attese, e ho il sospetto che i giocatori affronteranno la Laver Cup con un po’ più di serietà della IPTL.

Sempre nell’ipotesi di un utilizzo ottimale dei giocatori, le previsioni danno all’Europa una probabilità di vittoria dell’84.3%, e il punteggio mediano è di 16-8. Una parità di 12-12 ha circa il 6.5% di probabilità e, in quel caso, l’Europa ha un vantaggio esiguo, pari al 52.4%.

Se avesse giocato anche Del Potro, avrebbe aumentato la probabilità del Resto del Mondo di non poco, riducendo quella dell’Europa al 75.5% e arrotondando il punteggio più probabile a 15-9.

Previsioni con scelta casuale dei giocatori

Cosa succede se applichiamo la regola dell’uso ottimale dei giocatori con minore rigidità? Non ho idea di come prevedere le mosse dei due capitani, John McEnroe e Bjorn Borg. Possiamo però rendere casuale la scelta dei giocatori per capire il grado di incidenza che ciascuno possiede.

Se si rende casuale qualsiasi cosa, cioè se a tutti gli effetti semplicemente si estrae il nome di un giocatore dall’urna per ogni partita, l’Europa vince nel 79.7% delle volte, solitamente con un punteggio di 15-9. C’è una probabilità del 7.6% di una tredicesima partita decisiva e, siccome il Resto del Mondo ha qualche opzione in più nel doppio, vince quella partita con una maggioranza davvero esile (con una casualità totale, esiste un minimo rischio di violare le regole, magari di usare la stessa coppia di doppio due volte o lasciare un giocatore in panchina per tutte e nove le partite di singolare. Sono in ogni caso possibilità molto ridotte, quindi ho evitato di calcolarle).

Più bravo McEnroe a scegliere

Possiamo anche modificare l’utilizzo della formazione per entrambe le squadre, dovesse un capitano mostrare più esperienza dell’altro (o se una stella come Nadal non riesce a giocare quanto si vorrebbe). Lo scenario migliore per i non favoriti del Resto del Mondo è che McEnroe scelga i migliori giocatori per ogni partita e Borg non lo faccia. Ipotizzando che solo i giocatori europei siano estratti a sorte, la loro probabilità di vittoria scende al 63.1% e la differenza vista nel punteggio si riduce fino al 13-11. La possibilità di uno spareggio sale al 10%.

Più bravo Borg a scegliere

D’altro canto però è anche possibile che Borg sia il più bravo dei due a utilizzare i suoi giocatori. Dopo tutto, non serve aver vinto undici Slam per realizzare che Federer e Nadal dovrebbero scendere in campo quando è più alta la posta in palio. Quest’ultima previsione, con una scelta casuale dei giocatori del Resto del Mondo e una ideale di quelli europei, vede l’Europa ammassare un incredibile 92.3% di probabilità di vittoria, e un punteggio mediano di 17-7. Il Resto del Mondo avrebbe una probabilità di raggiungere lo spareggio solo del 4%, e anche in quel caso l’Europa vincerebbe nel 75% delle volte.

Abbiamo terminato. I numeri giustificano le attese per una vittoria dell’Europa in quanto squadra largamente favorita e stabiliscono l’entità del probabile distacco. Forse un giorno Tiafoe e Shapovalov faranno parte di una squadra in grado di vincere la Laver Cup, ma sembra proprio che dovranno aspettare ancora qualche anno.

Aggiornamento

Ancora un pensiero…sugli specialisti del doppio. Entrambi i capitani hanno due scelte a loro discrezione da usare, a prescindere dalla classifica. La maggior parte dei più forti giocatori di doppio sono molto meno bravi in singolare ma, come abbiamo visto, l’utilizzo di un giocatore può essere limitato a una partita della prima giornata che vale solo un punto e, come doppista, può avere un ruolo in tre partite, per un totale di sei punti.

Sostituzione con gli specialisti del doppio

Sostituire Dominic Thiem (un giocatore molto debole in doppio per il quale il cemento indoor è una superficie meno che ideale) con Nicolas Mahut avrebbe aumentato la probabilità di vittoria dell’Europa dall’84.3% all’88.5%. Nella remota possibilità che l’esito del torneo rimanesse in sospeso fino all’ultima partita di doppio e allo spareggio, la coppia Mahut-Nadal (per quanto suoni poco ortodossa) sarebbe tra le migliori che entrambi i capitani potrebbero schierare.

Più benefici per il Resto del Mondo

Nella squadra del Resto del Mondo – specialmente con il ritiro di Del Potro – c’è ulteriore margine di miglioramento. Al momento, la terza valutazione più alta sul cemento nel doppio è quella di Marcelo Melo, un giocatore decisamente inferiore in singolare ma significativamente più forte degli attuali possibili compagni di Sock in doppio. Se assegnamo a Melo una valutazione Elo di 1450 e lo mettiamo nella formazione al posto di Tiafoe, facendo giocare la squadra che ne risulta contro l’Europa in cui c’è Thiem (e non Mahut), riesce quasi a compensare la perdita di Del Potro. La probabilità di vittoria del Resto del Mondo aumenta dal 15.7% al 19.3%.

Sfortunatamente, sia Borg che McEnroe potrebbero aver perso la possibilità di trovare altri punti addizionali dalla propria formazione, è infatti un trucco che funzionerebbe solo una volta.

Se entrambe facessero questo scambio, Mahut per Thiem e Melo per Thiafoe, la probabilità di vittoria tornerebbe per ciascuna squadra tornerebbe vicina a quella calcolata in partenza: 85.8% per l’Europa. È superiore a quella iniziale (84.3%), solo perché Mahut ha un profilo più adatto a questa competizione, essendo un giocatore al vertice nel doppio e credibile anche come singolarista.

Nessun giocatore eventualmente disponibile per la squadra del Resto del Mondo (tranne Sock che è già in formazione) avrebbe sul cemento analogo valore. Viene in mente Vasek Pospisil, anche se è regredito dalla sua massima forma sia in singolare che in doppio. Pablo Cuevas farebbe bene sulla terra battuta, ma su una superficie più veloce garantirebbe un apporto solo marginale rispetto ai doppisti già convocati.

Magari se ne parla il prossimo anno. ◼︎

Forecasting the Laver Cup

DELLO STESSO AUTORE

L’incidenza del primo set al tiebreak

Pubblicato il 6 novembre 2012 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // In 12 delle partite dei primi due...

Rafael Nadal e i risultati migliori di sempre in un singolo torneo

Pubblicato l’1 maggio 2018 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Nelle ultime due settimane, Rafael Nadal ha ottenuto...

Alla ricerca dello smash migliore – Parte 2 (WTA)

Pubblicato il 28 novembre 2017 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // La Parte 1 di quest'analisi (per il...

Basta a Federer un rovescio tornato normale?

Pubblicato il 14 luglio 2019 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Quando Roger Federer ha battuto di misura...

A chi giovano i bye?

Pubblicato il 27 luglio 2012 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Circa il 75% dei tornei del circuito...

Per delle Chiavi del Match più semplici ed efficaci – Gemme degli US Open

Pubblicato il 10 settembre 2013 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // L'ottavo articolo della serie Gemme degli US...

Aggressività incontrollata

Pubblicato il 27 gennaio 2014 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Ascoltando una telecronaca di tennis - e...

Il ruolo pervasivo della fortuna nel tennis

Pubblicato il 25 settembre 2015 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Non importa quale sia l’orizzonte...

Classifica Elo e ATP a confronto nell’ascesa di Daniil Medvedev

Pubblicato il 18 ottobre 2018 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Sta prendendo le forme della stagione della...

Dominic Thiem, Tennys Sandgren e l’adattamento al contesto del torneo

Pubblicato il 20 febbraio 2019 su TennisAbstract - Traduzione di Edoardo Salvati // Dominic Thiem è uno dei più forti...